Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Simon Yates e Giro de Italia: A Storm History

Il ciclista britannico è stato il leader della gara di 13 giorni nel 2018, e nel 2019 sentiva fortemente che non stava combattendo per il titolo, e l’anno scorso si è ritirato perché gli è stato dato il COVID-19. In questa stagione, dice che sarà la sua rivincita.

Piove a Piacenza e anche se alcuni ciclisti hanno difficoltà a scendere dall’autobus per raggiungere la fermata, altri si godono l’acqua, il freddo e il cielo nuvoloso dell’Emilia-Romagna. Si motivano proprio come lo stanco Gino Bartali, che correva meglio in cattive condizioni e dopo aver fumato due sigari. Accanto alle auto della squadra di scambio bici, il direttore sportivo Matt White è presente con due giornalisti inglesi.

Gli viene chiesto: “La mente è la principale fonte di energia, ma può trasportarla tutta”. Lo dice per il britannico Simon Yates, che ha dato l’impressione di essere a volte troppo forte e allo stesso tempo fragile come gli altri. Yates prende la bici ed esprime un sorriso malizioso e astuto.

Da buon inglese, è abituato a questo clima. È entusiasta di pensare che le previsioni garantiscano cali lungo il percorso, e che imbarazzo sarebbe se la pioggerella continuasse e si trasformasse in un acquazzone. White lo guarda e grida con un sospiro: “La lezione è stata appresa. In effetti, è stato appreso molto rapidamente “.

Potete leggere: Marco Bandani fa rivivere ogni edizione del Giro di Italia

L’allenatore 2018 Zero menziona Yates vestito di rosa e tre vittorie di livello. La Gran Bretagna non ha controllato i suoi impulsi e ha attaccato quando la strada è diventata ripida, temendo cosa sarebbe potuto accadere alla cronometro del Match Day 16. Lo ha reso fermo, e gli altri erano deboli accanto a lui.

READ  Cosa è successo oggi in Italia, Francia e Germania?

Combo calpestato sul prato alpino dell’Imperator, di testa, di corpo e anche di braccia, sorpassando sull’ultima salita Thibaut Pinot e il suo compagno Esteban Chavez. Due giorni dopo, nelle strade acciottolate di Osimo, ha aggiunto la sua seconda vittoria con più profondità di Tom Dumoulin. Ma non si è fermato qui.

All’apice della forma, Yates è atterrato dietro Chris Froome sul famoso Joncolon, poi, tra Dolmeso e Zapada, è arrivato 17 km al traguardo, 42 secondi davanti a Miguel Engel Lopez.

Un motore che aveva poco senso in bicicletta poi gli pesava, e quando venne il momento di combattere, si sciolse, pensando che non fosse ora, non domani. Ottimo motore con serbatoio molto piccolo.

Sul palco 19 Sky (oggi Enios) è arrivato a Bardonacia e ha visto Yates respirare aria, accelerare, e non solo Froom ha vinto. Maglione rosa. L’inglese, l’altro, ha perso 38 minuti e 51 secondi, e ha vagato con nostalgia dicendo addio alla sua voglia di alzare il trofeo. Infinito.

Un anno dopo, nel 2019, Yates è tornato al Giro senza intoppi. Ma questa volta le prime parole erano cattive, e non agì per volontà di dire che erano nella prima, e non si trovò con il potere che dichiarava con tanta fiducia. In quell’edizione, seguì una battaglia tra Primos Rocklik, Vincenzo Nibali e Richard Carabas, che alla fine divenne campione dopo aver assunto responsabilità di leadership nel 14 ° round. Yates è arrivato ottavo per lui, 7:49 al meglio.

Potrebbe interessarti: Nuovo leader nella quarta fase: la classifica generale del Giro de Italia va così

Insomma, nel 2018 il suo serbatoio è di forza e adrenalina, è vuoto, e nel 2019 non è nemmeno pieno come pensava. Nel 2020, primo anno dell’epidemia, si è ritirato a causa di Covit-19, dopo un rapido test per porre fine a un burrascoso rapporto con Giro e risultare positivo e confermare la notizia con una PCR. Il 9 ottobre il settimo giorno si è concluso con la febbre e il 10 ottobre non ha preso la partita. Fu isolato e divenne il primo ciclista a essere infettato durante una gara (l’intera squadra risultò negativa).

READ  Liberata l'unica persona condannata in Italia per l'omicidio nel 2007 della studentessa britannica Meredith Kercher

Lezione appresa

Yates ripete nella mixed zone che nello stesso anno 2018 Zero ha superato il titolo di Volda a Espana e nel 2019 lo stesso ciclismo l’ha portata in un luogo inaspettato e il 2020 non era nelle sue mani.

Con tutta onestà, ma già con l’orgoglio di un grande uomo alle spalle, Giro risponderà che non è una maledizione, ci vuole fortuna per qualsiasi cosa nella vita. “Devi andare con calma, lentamente e con molta attenzione a quello che possono fare gli altri. Sono maturo e capisco che non devi sempre attaccare per arrivarci prima.”

All’inizio della montagna in questa 104a edizione, gli chiedono del colombiano Egan Bernal, del belga Remco Evnepol (sorprendendo tutti per l’arrampicata con un piatto grande) e del locale Vincenzo Nibali. Game Gazette Dedicare pagine di analisi, addizione e sottrazione.

“Sono visti come i preferiti. Voglio essere ragionevole perché le lezioni del passato mi hanno indurito in qualsiasi modo, sempre e ovunque”. Frequenza cardiaca e altri dati. Dipende da lui e dalla sua bici, ovviamente, fino a che punto può andare questa volta.

Presentato da: Camilo Amaya

Su Twitter: Camillocoma