Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sfida della professione e impegno per la tutela della salute – La Voz de San Justo

Sfida della professione e impegno per la tutela della salute – La Voz de San Justo

Scritto da Isabel Fernandez|LVSJ

Impegnato a promuovere e tutelare la salute, medico Gabriella Giletta Lavora tutti i giorni nel suo ufficio e riesce a farsi strada in una professione che fino a qualche anno fa era quasi di dominio esclusivo degli uomini.

Milioni di dottoresse nel mondo devono ancora svolgere compiti domestici, di cura e di educazione, oltre a svolgere compiti di medicina che richiedono lunghe giornate e notti di lavoro in ospedale o in sanatorio, e devono affrontare sfide e alcuni ostacoli dovuti al genere.

Ogni 11 febbraio Giornata internazionale della donna medica In onore di Elisabetta Blackwell, Fu la prima donna a conseguire una laurea in medicina nel 1849. Potrebbe essere stata responsabile, involontariamente, di aver aperto la strada a milioni di donne per dedicarsi alla medicina.

Nel nostro Paese, Cecilia Grierson Fu la prima donna laureata in medicina nel 1889, e divenne un simbolo di lotta e dedizione, una donna che nel XIX secolo seppe trasformare gli ostacoli in sfide.

In questo giorno speciale, dottore JelitaPresenza Ambulatorio medico presso la clinica specializzata “Enrique J. Carra (H)”, Ha riflettuto con Voce di San Giusto Sul ruolo e sullo spazio che le donne occupano oggi in medicina.

“Essere medico fa parte della mia identità e il fulcro della mia vita è la medicina”.ha detto la dottoressa Jelita, che da adolescente voleva diventare un'insegnante di educazione fisica ma si è resa conto che insegnare non era la sua vocazione. Trovando una certa attrazione per gli argomenti legati alla biologia, ha deciso di intraprendere la pratica medica, la sua vocazione al servizio della comunità.

Io lo prendo Attualmente, le donne hanno maggiori opportunità a livello accademico e nella pratica medica. Anche se è difficile per le donne accedere ad alcune specializzazioni che richiedono tempi più lunghi, devono anche sostenere le loro famiglie”.

READ  Clinica Enrique J. Carrá: Centro di Riferimento per la Medicina Interna

Ha detto: “Dico a tutte le donne che si sentono chiamate ad accettare la sfida di diventare medici, che è una professione bellissima, in cui si confrontano con i vincoli di un sistema per il quale non erano preparate all’università, ma se si riesce a dirlo a parte questo, è una professione che ti riempie davvero l’anima, dove puoi interagire con persone di tutte le età, di tutti i livelli sociali ed educativi.“Cresci come essere umano”.

“Non è una professione per donne”

Ha detto che quando ha detto che avrebbe studiato medicina, la risposta che ha ricevuto da ogni parte è stata: “Non è una carriera per donne”. “Quella risposta è stata una sfida per me, e poi ho detto: voglio fare il medico”.

Con questa sfida raggiunse la facoltà di medicina, che a quel tempo era di ambito maschile. “Anche se non ho vissuto direttamente una discriminazione massiccia, è stato difficile farsi strada, dimostrare le proprie capacità ed essere rispettati. Sentivo di dover fare sempre qualcosa in più per essere uguale nelle valutazioni che facevano delle tue prestazioni.

«La stessa cosa accadeva quando si trattava di trovare lavoro, le prime domande erano se eri sposata, se avevi figli, e quello era sempre un problema, per non parlare della gravidanza, e dopo il parto, sempre con problemi, pressioni e sensi di colpa…ma socialmente era così, non era che ti trattassero male in un ambiente di lavoro, era proprio così per qualsiasi donna ovunque.

Lo ha sottolineato, per fortuna adesso “È tutto cambiato, è cambiato nel corso degli anni. Ho ricoperto incarichi come supervisore residente e ho potuto vedere che le donne che sono entrate si sono guadagnate il posto.

READ  Il ministero della Salute ha avvertito di un aumento dei contagi da germe che provoca faringite: i morti sono 16

“La maternità si vive in modo diverso, il riposo di cui si ha bisogno durante il periodo dell’allattamento, tutto questo viene semplicemente rispettato senza dover dare spiegazioni, è già dimostrato e il fatto che tu sia donna non rappresenta un ostacolo alla libertà di ingresso del richiedente”, ha affermato. “Hai figli o sei sposato.”

Jelita lo ha detto nel tempo “La mentalità della società stava cambiando e questo si rifletteva nelle istituzioni perché c’erano molte dottoresse”.

“Quello che succede è che la maternità viene posticipata per le dottoresse perché se vogliono specializzarsi, a volte sono costrette a viaggiare e sembra che posticipino la maternità, dato che sono madri in età avanzata, anche se questo non è stato il mio caso.”

Il medico ha sottolineato che in questa professione «è fondamentale l’impegno del medico, ma anche l’impegno della famiglia che ti sostiene». La dottoressa, moglie e madre, dorme fuori casa diversi giorni alla settimana e continua a lavorare anche il giorno successivo.

“Termini una giornata lavorativa che può essere lunga, e poi continui con la famiglia che ti aspetta. La persona ha la vocazione, ma se non ha il sostegno e il sostegno della famiglia è complicato. Oggi i miei figli sono più grandi e hanno la loro indipendenza, quindi sono a Omar, sono più tranquillo e mi diverto a praticare la medicina senza fretta o pressioni.”

Ha detto di aver scelto la clinica medica perché in medicina “sono più attratto dall’aspetto preventivo della salute, motivo per cui partecipo con altri medici al programma di screening rapido offerto dalla clinica”. La pratica medica è molto rilassata, è uno scambio, dare e ricevere.

READ  L'Europa confina con 18.000 casi di vaiolo delle scimmie

Penso che non esista più il rapporto verticale tra medico e paziente, quel rapporto paterno che ti dice cosa devi fare o cosa non devi fare. Ora è più orizzontale, e in questa situazione orizzontale è importante che i pazienti non perdano il rispetto per la voce dei professionisti”.