Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sembrava una montagna e grazie ai dettagli scoprirono che si trattava di un monumento antico

Nel 1920, un gruppo di Archeologi provenienti dagli Stati Uniti e dall’Inghilterra Sono entrati in Iraq per conoscere meglio la cultura mesopotamica che ha avuto una grande influenza sull’Occidente nelle civiltà future. Durante il loro viaggio, trovarono una certa altura in mezzo al deserto, che a prima vista sembrava una montagna, ma grazie ad alcuni dettagli capirono che era qualcosa di più di quello.

Ecco come appare oggi la Ziggurat di Ur(Fonte: © Qahtan Al-Obaid)

Il Medio Oriente è pieno di antiche rovine e reliquie, molte delle quali sono attualmente inserite nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. tra di esso La Grande Ziggurat di Ur Che fu eretto più di 4.000 anni fa e precedette molte delle piramidi d’Egitto. La sua struttura Rimase completamente abbandonato fino al 1980. Iniziò il processo di restauro e restauro di quello che era il più grande tempio religioso di quella regione.

Quest’opera architettonica è una manifestazione della cultura mesopotamica che abitava la terra attualmente conosciuta come Iraq e Iran. Ha una forma piramidale graduata e i responsabili della sua costruzione furono i Sumeri, i Babilonesi e gli Assiri. L’obiettivo principale era avvicinarsi agli dei, motivo per cui costruirono varie strutture che diventarono capolavori su larga scala nonostante la mancanza di tecnologia a loro disposizione. fra loro, La Grande Ziggurat di Ur è la più impressionante. Fu costruito nel 2100 a.C. e conserva gran parte del suo aspetto originale.

Leonard Woolley iniziò a lavorare per restaurare lo ziggurat nel 1922. Questa foto risale al 1923(Fonte: Pennsylvania Museum, Filadelfia)

Lui La Grande Ziggurat di Ur fu scoperta nel 1922 da Sir Leonard WoolleyIn un progetto congiunto con il Museo dell’Università della Pennsylvania a Filadelfia e il British Museum a Londra. Come ha spiegato Sito ufficiale dell’Enciclopedia BritannicaA quel tempo c’era una “febbre” per questo tipo di monumenti religiosi.

READ  "Il Sud": come nasce il progetto di Lula di creare una moneta unica in America Latina | "Non possiamo fare affidamento sul dollaro"

Quando i membri della spedizione arrivarono, trovarono un mucchio di mattoni di fango che sembrava avessero una facciata artificiale dall’esterno. Un paio di scale su un lato obbligavano a rimuovere la polvere e la vegetazione che lo ricoprivano. Dopo un lavoro intenso Scoperta della ziggurat dell’antica città di UrChe era considerato il meglio conservato e lo è diventato nel 2016 Il patrimonio globale di UNESCO.

Prima e dopo la Grande Ziggurat di Ur in Iraq(Fonte: Pennsylvania Museum, Filadelfia)

da Organizzazione della storia intelligente Lo hanno spiegato Woolley trovò una struttura piramidale che misurava 64 x 46 metri, con tre livelli di terrazzamenti le cui dimensioni originariamente erano di 21 x 31 metri. Le tre scale laterali conducevano al balcone principale mentre la seconda scala continuava a salire. Come il resto Ziggurat, All’interno c’era un nucleo di mattoni di fango Come al solito, gli abitanti della Mesopotamia coprivano queste montagne con mattoni bruciati.

Il restauro dello ziggurat iniziò nel 1980 dal dittatore Saddam Hussein(Fonte: CovingDude, CC BY-SA 3.0)

Tutto avveniva all’esterno, poiché all’interno non avevano stanze nascoste Le terrazze erano decorate con piante e alberiDa lì è nato quello enorme I giardini pensili di Babilonia, un’antica meraviglia mai conosciuta prima dalla civiltà moderna.

Lui La Grande Ziggurat di Ur serviva in onore della dea della luna Nanna. Il re Ur-Nammu della Terza dinastia ordinò la costruzione di un tempio per venerarla perché era la santa patrona della città-stato. Grazie ai dati storici è stato possibile vedere da lontano questo edificio, che fungeva da punto di orientamento per i viaggiatori.

READ  Un argentino incontra la moglie e la figlia sopravvissute all'attentato di Hamas: “Siamo rinati”

Come il resto dei venti Ziggurat I picchi, distribuiti in tutto il Medio Oriente, hanno risentito del passare del tempo e rimangono solo due o tre livelli. Più di 720.000 mattoni cotti furono utilizzati nella Grande Ziggurat di Ur nel VI secolo a.C.Il nuovo re babilonese Nebodeno restaurò parte dell’edificio fatiscente. Da allora, fu solo nel 1980 che il dittatore Saddam Hussein avviò un piano completo di recupero e ripristino, suscitando la sua ammirazione globale.