Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Se promuovere la salute sul lavoro nelle aziende è già complesso, allora la promessa del benessere comincia a comportare i suoi rischi

Se promuovere la salute sul lavoro nelle aziende è già complesso, allora la promessa del benessere comincia a comportare i suoi rischi

Scritto da Maite Saenz, direttrice dell’ORH.- Siamo un po’ persi con questa cosa del lusso, non credi? I concetti danzano con noi e tendiamo a usare termini come sinonimi che possono portare un significato nascosto del tutto ostile. La cosa brutta è che se prendiamo decisioni anche partendo da questo punto di partenza, possiamo ritrovarci con un bel giardino, bello fuori quando si tratta di progettarlo, ma enorme all’interno quando si tratta di gestirlo. Questo è ciò che accade, nello specifico, con una coppia sana. Temo che pensiamo che significhino la stessa cosa e che possiamo agire su entrambi allo stesso modo. La prosa comune li riduce al minimo comune multiplo, quando in realtà entrambi sono numeri primi. A volte aggiungono, a volte tolgono, ma non si riducono mai alla stessa cosa.

Cominciamo dall’inizio (e sai che l’inizio per me è cosa). Visto che si parla tanto di lusso, sappiamo cosa significa, in cosa consiste, come si definisce e come si esprime? Sul fronte della salute abbiamo maggiore chiarezza perché disponiamo di indicatori medici che ci dicono, con un margine di errore maggiore o minore, quando il corpo e la mente sono sani e quando non lo sono. Inoltre, ci avvertono quando siamo fuori strada anche prima che compaiano i sintomi. Ma il lusso… il lusso è un’altra cosa. E non vale la pena dirmi che si tratta di quello, non so cosa non sappiamo ma sentiamo che… No, non perché quella sia salute mentale, non è buono-universo.

Il benessere è soprattutto una percezione, è una sensazione personale, unica e non trasferibile, secondo cui ci sentiamo a nostro agio: con la vita, con un momento, con una situazione, con una squadra, con una persona… Stare a proprio agio, sii buono, la dice lunga. Per godersi il lusso, ognuno di noi ha bisogno di qualcosa di diverso. Anche chi la riduce ad una questione economica, di quanti soldi ha bisogno per considerarsi finanziariamente prospero? Come te, io, la persona che fissa i tassi di interesse, la persona che fissa il salario minimo tra le professioni o la persona che mi fa i denti lunghi sfoggiando la sua nuova macchina su Instagram? No, non esiste un’unica misura del benessere. La RAE lo definisce come “l’insieme delle cose necessarie per vivere bene” e aggiunge anche che si tratta di “una vita confortevole o ben attrezzata in termini di ciò che porta al divertimento e alla tranquillità”. Cosa vorresti che ti dicessi? Con questa mancanza di definizione, è molto difficile per me elaborare un elenco di indicatori di benessere sufficientemente ampio da riflettere la diversità con cui possono essere compresi. La diversità è oggi molto diversificata e molto dispersa.

READ  Il benessere nel tuo cervello: chiavi per attivare il materiale del piacere

Se la promozione della salute sul lavoro nelle aziende è già una questione complessa, promettere benessere comincia a comportare dei rischi, perché possiamo trovarci di fronte a situazioni paradossali come l’adozione di una misura normativa come il telelavoro che vuole promuovere il benessere attraverso l’accomodazione , e che, a lungo termine, diventa un rimbalzo da stress aggiuntivo o problemi posturali e visivi e, tra l’altro, un’altra interfaccia per i reparti di prevenzione dei rischi e servizi medici dell’azienda. Oppure incoraggiamo l’esercizio fisico per promuovere la salute cardiovascolare e finiamo con il picco dell’ILT il lunedì dopo il campionato di rugby (un caso reale).

Il benessere è altamente soggettivo, quindi più misurate sono le promesse per promuoverlo, meglio è. Non si tratta di metterci un cappio al collo e obbligarci a dare ciò che non possiamo dare, ma di comprendere che l’equazione del benessere si risolve ampliando, anche di poco, i margini di soddisfazione, o/o tranquillità. delle persone.