Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Se hai intenzione di affittare un alloggio turistico quest’estate, preparati: gli affitti sono alle stelle

Se hai intenzione di affittare un alloggio turistico quest’estate, preparati: gli affitti sono alle stelle

Elettricità, riscaldamento e acqua calda fanno salire il prezzo dell’affitto


  • Per il mese di agosto, i prezzi medi degli appartamenti disponibili sono aumentati del 15% rispetto allo scorso anno, secondo il portale Holidu.


  • I soggiorni turistici sono aumentati quest’estate in Italia (38%) e Germania (37%).


  • L’inflazione e la crisi energetica stanno già colpendo il settore degli affitti turistici

Il 48% dei proprietari di affitti spagnoli afferma che aumenterebbe prezzi dovuti all’inflazione, Tuttavia, è ottimista riguardo alla stagione estiva, secondo il portale degli affitti e degli appartamenti vacanzagarantendo che, nonostante tutto, i proprietari siano fiduciosi di ricevere più prenotazioni rispetto allo scorso anno.

Pochi mesi prima dell’estate, l’inflazione e la crisi energetica hanno avuto i primi effetti sul settore degli affitti turistici.

con prezzi più alti Elettricità, riscaldamento e acqua caldaLe case turistiche stanno diventando più convenienti e i vacanzieri dovrebbero essere disposti a spendere di più per le loro prossime vacanze.

Ciò è confermato dal portale degli affitti e degli appartamenti Holidu che si trova accanto a BookiplyIl Vacation Home Business Program ha intervistato più di 2.000 proprietari di case in Spagna, Italia e Germania per scoprire le loro aspettative per l’anno.

L’inflazione non sembra frenare la voglia di viaggiare e gli armatori non vedono l’ora che arrivi la stagione estiva. Sebbene le destinazioni turistiche più popolari del paese al momento si trovino nelle regioni Andalusia, Catalogna e Comunità ValencianaCi sono già molti siti spagnoli che riempiono i loro alloggi per i prossimi mesi.

Secondo il sondaggio di Holidu, il 52% degli armatori spagnoli prevede di avere più prenotazioni rispetto all’anno precedente, seguito dal 35% che afferma di aspettarsi numeri simili (senza aumento) e solo dal 12% che vede le prospettive in qualche modo sfavorevoli. , indicando che sarà un anno in meno di riserve.

READ  Segreti e benefici della dieta più consigliata per la salute

Allo stesso modo, i proprietari di affitti italiani sono i più ottimisti, con il 60% che indica di aspettarsi un numero di prenotazioni più elevato rispetto allo scorso anno, e i tedeschi, con una cifra che arriva solo al 29%.

aumento di prezzo

Secondo la piattaforma di noleggio, affitto di case turistiche in Spagna in Spagna in un mese agosto Si attesta in media intorno ai 187€ a notte, che è un aumento 15% rispetto all’anno precedente.

Il 48% dei proprietari spagnoli ha confermato che quest’anno aumenteranno i prezzi. Uno su quattro conferma che cercherà di mantenere questo aumento al di sotto del 10% per cercare di ridurre l’impatto sulle tasche degli ospiti e incoraggiare le prenotazioni.

Nonostante ciò, il 18% dei proprietari afferma di voler aumentare i propri prezzi tra il 10% e il 20% e solo lo 0,1% afferma che aumenterà ulteriormente i propri prezzi in modo da poter far fronte a tutti i costi che l’alloggio genera per loro.

Gli alloggi in Spagna non sono gli unici a far salire i prezzi. Anche i proprietari italiani e tedeschi aumenteranno i prezzi degli affitti con l’aumento dell’inflazione in tutta Europa.

Quasi il 60% degli host italiani e tedeschi afferma che aumenteranno le tariffe quest’estate. Tuttavia, come in Spagna, la maggior parte dei proprietari aumenterà i canoni di affitto di meno di a Il 10% è rappresentato in Italia al 38% e in Germania al 37%.

Non hanno chiuso a causa della crisi

A differenza di altri paesi in cui si è speculato su chiusure temporanee per ospitare i turisti a causa della crisi energetica, in Spagna, i proprietari Hanno mantenuto la loro attività senza interruzioni.

READ  Dalla Francia al Pakistan, i lavoratori di tutto il mondo festeggiano la festa del lavoro

In questo modo, la maggioranza dei proprietari (73%) non ha considerato e non prevede di interrompere l’affitto delle proprie case vacanza nonostante la crisi in atto. Tuttavia, quasi un terzo può essere considerato (26%).

Per non spegnersi, l’importante è agire. Pertanto, di fronte all’aumento dei prezzi dell’elettricità e del riscaldamento, la maggior parte dei proprietari conferma di aver già investito in misure di risparmio energetico.

Aderendo alla tendenza sostenibile, oltre a contribuire all’impatto ambientale, oggi è diventata un’alternativa primaria in modo che i proprietari di case siano meno colpiti dall’aumento dei prezzi dell’energia.

L’idea della ristrutturazione della casa con una prospettiva a lungo termine sta diventando una tendenza in crescita tra gli spagnoli che vivono di affitti turistici. In questo senso, il 48% degli host spagnoli ha già risposto all’aumento dei costi con misure e condizioni della propria casa.

La maggior parte dei proprietari che Hanno investito in sistemi di risparmio e lo hanno fatto nelle utility Il che spiega una diminuzione del costo dell’acqua come rubinetti o docce (50%), così come nell’installazione di pannelli solari (31%).

Altre misure adottate includono l’implementazione dell’isolamento termico su pareti e finestre (31%) e l’implementazione di termostati (28%). Infine, solo il 4% degli intervistati ha abbassato la temperatura dell’acqua della piscina di proprietà.

Soddisfatto degli ospiti

Lui Il 92% dei proprietari spagnoli si dice molto soddisfatto dei propri ospiti che hanno ricevuto nei loro luoghi di residenza durante l’anno passato.

Quasi la metà, il 44%, si dichiara molto soddisfatta dei propri ospiti, e il 48% è molto soddisfatto rispetto al 7% che si dichiara semplicemente neutrale nei confronti dei propri visitatori.

READ  Se l’Italia cadesse nella categoria dei titoli spazzatura, si innescherebbe un effetto domino sull’euro

Gli host valutano i propri ospiti al primo posto con la gentilezza al 44%, l’onestà al secondo con il 22% e la pulizia al terzo con il 20%.