Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scopri il segreto della “porta degli inferi” che ha ucciso i passanti | Cronaca

Migliaia di anni dopo, gli scienziati hanno scoperto il segreto dietro una grotta tacchino Che i romani consideravanoUna porta per gli inferiTutti gli animali che sono entrati sono morti come luogo di sacrificio agli dei.

Ha 2.200 anni Ora si trova in una città chiamata Hierapolis, nell’antica regione frigia tacchino. Questo era un luogo ben noto nell’Impero Romano d’Oriente, per essere il tempio a guardia dell’ingresso agli inferi. Come hanno scoperto i ricercatori, I sacerdoti castrati ordinarono che gli animali venissero sacrificati attraverso la “Porta di Plutone” o “Plutonio” e morirono sul posto.

Si dice che dopo migliaia di anni la grotta abbia continuato ad avere lo stesso livello di tossicità grazie a una nube concentrata di anidride carbonica. “Questo spazio è così nebbioso e denso che si riesce a malapena a vedere il suolo. Qualsiasi animale che passa all’interno incontra la morte istantanea. Ho lanciato gli uccelli, e subito hanno lasciato i loro ultimi respiri e sono cadutiLo storico e filosofo greco ha detto Astrabone (64 A. – 24 DC).

Il segreto dietro la “porta degli inferi”

Gli archeologi dell’Università del Salento hanno scoperto nel 2011 che la minuscola grotta si trovava su una spaccatura che rilasciava anidride carbonica vulcanica mortale.. Ma mentre la storia di Strabone continuava, ciò che attirò l’attenzione dei visitatori fu che, sebbene i sacerdoti si avvicinassero al luogo, sembravano essere immuni alla nebbia.

Perché i preti non sono morti? Nel 2018, c’era una crepa nella grotta, quindi gli scienziati sono andati sul posto. Fan resistentiUn vulcanologo dell’Università di Duisburg-Essen in Germania ha analizzato l’aria e ha trovato la risposta.

READ  Corona Virus: il vaccino tedesco CureVac ha mostrato...

In primo luogo, l’ha enfatizzato Un’alta concentrazione di anidride carbonica che varia con l’ora del giorno. Nelle ore diurne, tuttavia, il veleno mortale si dissipò nell’aria Di notte, si accumula per formare uno spesso strato appena sopra il suolo.

Ecco perché i sacerdoti eseguivano i riti di notte e soprattutto si tenevano lontani dai gas velenosi che inondavano la terra e uccidevano istantaneamente gli animali.

Segreti del segreto della “porta degli inferi”