Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sale il prezzo della pasta in Italia «Diario La Capital de Mar del Plata

Di Gonzalo Sánchez e Andrea Cuesta

Roma, Italia.- La pasta o la pizza sono altre bandiere d’Italia, ma assaggiare questi cibi sta diventando più costoso a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, del turbolento mercato globale delle materie prime e ora della guerra in Ucraina.

“Il prezzo della pasta al supermercato è salito dallo scorso ottobre per l’aumento del prezzo del grano. Sono aumentate le materie prime, l’energia, i trasporti e tutto ciò che serve per raggiungere gli scaffali”, ha detto a Efe Andrea Pacini, direttore del dipartimento cereali della Federazione Italiana Agraria (Cai).

Inflazione quotidiana

Quella parola “Rigonfiamento“Spesso suona nei negozi, bar e ristoranti italiani. Ad esempio, durante la notte Il caffè “espresso” a Roma è passato dai soliti ottanta centesimi all’euro tondoCon stupore della chiesa.

“Dobbiamo alzare i prezzi perché, se no, non sopravvivremo”, riconosce Mauro alle dimissioni di Efe, davanti a un negozio di alimentari nella zona romana di Brady.

Le stufe che forniscono pane, pasta, biscotti o pasticcini al tuo punto vendita sono in allerta da diversi giorni, Macelleria Bordiga I prezzi aumenteranno “dal 25 al 30%” Perché La farina è alle stelleHa già ripercussioni in tasca.

Su questo evento incombe l’ombra della crisi energetica che sta scuotendo il continente europeo.

In Italia, i prezzi hanno conosciuto l’ottava accelerazione consecutiva a febbraio, con un aumento del 5,7%, che non si vedeva dal 1995, ma soprattutto di abitazioni, acqua, elettricità e combustibili, che sono cresciuti del 27,3% anno su anno.

Secondo l’Ufficio nazionale di statistica, i prezzi sono aumentati del 9,0% (9,0%), cibo (4,9%) e ristoranti (4%).

Aereo disordinato

L’inflazione sta colpendo anche la famosa pasta. Nell’associazione Cibo dell’Unione Italiana Avvertono che circa 120 aziende con più di 10.000 dipendenti, produttori secolari ea conduzione familiare, sono in “crisi senza precedenti”.

READ  Biden per consegnare il discorso presidenziale al Congresso

Il prezzo di questo grano aromatizzato è stabile da “qualche settimana”, ma è aumentato dell’80% nell’ultimo anno a causa dei cambiamenti del clima e del raccolto, della speculazione internazionale e dell’accumulo di alcune forze. .

Colpisce l’aumento dell’energia perché fabbriche e essiccatoi richiedono molta elettricità, ha accusato Pasini, così come l’aumento degli imballaggi e dei prezzi del petrolio, e in questo senso la crisi russa segnerà i prossimi mesi.

“Bell Piece” è particolarmente sensibile alle fluttuazioni del mercato internazionale perché, sebbene produca e venda pasta o pizza e se ne vanti, la sua produzione dipende in gran parte da settori di altre latitudini.

In particolare l’Italia importa il 64% del grano tenero utilizzato nel pane o nei dolci, il 44% del grano duro, il 47% del mais necessario per la pasta e il 73% della soia, che sono gli ultimi due indispensabili per la dieta . Spiega in CAI.

Il peso della guerra ucraina

Per questo motivo, la situazione bellica creata dall’occupazione russa dell’Ucraina non sarà esacerbata dalle sanzioni imposte al regime di Vladimir Putin da altre potenze, come l’Unione Europea o gli Stati Uniti.

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), la Russia è il più grande esportatore mondiale di grano e l’Ucraina il quinto, entrambi rappresentano oltre un terzo delle esportazioni globali di grano e un importante produttore di fertilizzanti. .

L’impatto di questo conflitto sulla tavola italiana varierà a seconda del cibo: per quanto riguarda il grano, sarà “molto piccolo” perché nel 2021 non è stato importato dall’Ucraina e meno del 3% è arrivato dalla Russia.

Ma le cose stanno cambiando con il grano tenero, che viene utilizzato per fare pane, dolci, pizza o mangimi ed è uno dei principali produttori in Ucraina.

READ  Trieste ha vinto il basket italiano con l'Argentina in campo

“Nell’economia globale, la fluttuazione di una merce ne attira altre”, afferma Luigi Cristiano Lorenzo, segretario del Pastore italiano, in una nota: “Non possiamo escludere la possibilità che il conflitto abbia effetti indiretti sulla pasta”.

Tuttavia, dall’inizio della guerra, il prezzo del grano tenero è aumentato del 12% e quello del mais del 14,5%.

Come soluzione, Goldreti, la più grande associazione di agricoltori del Paese, si dice pronta a coltivare 75 milioni di quintali di mais e grano con l’obiettivo di soddisfare “le difficoltà di approvvigionamento estero causate dalla guerra”.

EFE.