Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Russia vs. Ucraina: la guerra costringe l’UE a valutare l’uscita gratuita della spesa pubblica nazionale


L’impatto della guerra in Ucraina sulle economie europee e sui bilanci dei soci dei club sta spingendo l’Unione Europea (UE) a Mantenendo in sospeso per un altro anno le regole che limitano il disavanzo pubblico e il debito, Nonostante l’intenzione fosse di riattivarlo nel 2023 per avviare il consolidamento di bilancio.

Le regole finanziarie sono state congelate da marzo 2020 in modo che i governi possano distribuire aiuti pubblici di fronte alla pandemia senza timore di sanzioni. Prima del conflitto, Bruxelles era piena di ottimismo sulla crescita economica che i paesi hanno iniziato a registrare una volta superato il peggio della pandemia, ma la Commissione europea (CE) è già consapevole che la sua ultima previsione è lettera morta. .

“La crescita del 4% che ci aspettiamo per l’eurozona quest’anno è fuori portata”, ha riconosciuto il commissario all’Economia Paolo Gentiloni. All’ultima riunione dell’Eurogruppo, ha osservato che, nonostante il colpo di stato, l’economia non sarebbe stata “deragliata” dalla guerra.

Ma l’UE si sta trattenendo perché l’aggressione militare influirà sulla ripresa attraverso diversi canali, in particolare i prezzi dell’energia (in pieno aumento da ottobre), l’inflazione in aumento, l’aumento dei prezzi di cibo e materie prime e problemi di approvvigionamento.

Piani di fermo macchina

Di fronte a ciò, molti governi hanno adottato misure per mitigare l’impatto della crisi, come ad es Il “piano shock” annunciato dal governo spagnolo, che stanzierà 16 miliardi di dollari per contenere l’aumento dei prezzi dell’energia o delle abitazioni.

La maggior parte degli aiuti pubblici previsti mira a ridurre la bolletta dell’elettricità, Che costerà all’erario pubblico 13 miliardi di euro in Germania, 20 miliardi in Francia e 5,8 miliardi in Italia.

READ  Una bomba nucleare finanziaria contro la Russia: attesi crollo del rublo, ritiro delle banche, iperinflazione, forte recessione

Presi insieme, solo quest’anno l’aumento della spesa o il taglio delle tasse potrebbero avere un impatto sul bilancio fino al 4% del PIL dell’UE, secondo i calcoli dell’economista di Bruegel Jan Pisani Ferry.

Alle misure per allentare i prezzi dell’energia a breve termine si aggiungono le spese per ridurre la dipendenza dal carburante russo, aumentare le riserve già quest’anno, aiuti diretti all’Ucraina, aiutare quattro milioni di rifugiati, che hanno raggiunto i ventisette, o aumentare i budget per la difesa.

Prime mosse

Anche senza il contesto di questi programmi nazionali, l’esecutivo comunitario ha effettivamente aperto le porte per un altro anno di sospensione delle regole di bilancio all’inizio di marzo, pochi giorni dopo l’inizio della guerra.

Nel documento sulla politica di bilancio che sarà pubblicato il prossimo anno, Bruxelles ha indicato che, alla luce dell'”incertezza” implicita nell’attuale situazione, la decisione di riattivare il Patto di stabilità e crescita sarebbe stata riconsiderata con le nuove previsioni economiche che presenterebbe a maggio . 16.

Questo fu l’impulso decisivo per il dibattito che già infuriava sulla capitale europea, ma acquistò importanza e rese alcuni degli stessi governi, tra cui il governo dei Paesi Bassi, tradizionalmente contrari a una lassista applicazione delle regole.

Il ministro delle finanze olandese Sigrid Kaag ha recentemente affermato che l’estensione della sospensione delle regole fiscali sarebbe “giustificata” dalla guerra e ha anche previsto che questa sarebbe stata la proposta di Bruxelles.

Ha sottolineato nelle sue apparizioni con la vicepresidente spagnola dell’Economia Nadia Calvino, che ha preferito invece attendere l’analisi della commissione.

Il premier spagnolo, Pedro Sanchez, ha esplicitamente chiesto un altro anno per sospendere le regole che limitano deficit e debito, possibilità su cui né Kaag né Calvino si aspettano un dibattito “intenso”, anticipando un rapido consenso tra le capitali al riguardo.

Paolo Gentiloni, commissario europeo per gli Affari economici e monetari, ha osservato che lo sviluppo della guerra in Ucraina dovrebbe elaborare un piano d’azione congiunto. distinto

Riparazione di base

Sarà difficile mettersi d’accordo per fissare queste regole, che Bruxelles ha riattivato nel 2021 dopo essere passate in secondo piano durante la pandemia. Il fulcro della discussione sarà come coniugare la riduzione del debito, causata dal coronavirus, con la necessità di continuare a investire nella trasformazione ambientale e, dopo la guerra, anche nella difesa.

I governi spagnolo e olandese hanno presentato questo mese un documento congiunto chiedendo un allentamento delle regole e una rottura nelle dinamiche del blocco che hanno tradizionalmente caratterizzato il dibattito tra il Nord, a favore di un maggiore stallo, e il Sud, sostenitore della flessibilità.

Madrid e L’Aia sostengono che i paesi devono impegnarsi in modo affidabile a costruire riserve finanziarie per la prossima crisi, ma si impegnano a farlo attraverso strategie di consolidamento “specifiche per paese”, “realistiche” e “incrementali”, nonché allineate con la crescita economica e creazione di posti di lavoro.

Ti è piaciuto questo contenuto?

  • Ti invitiamo a scaricare l’app EL INFORMADOR dove puoi accedere a questo e ad altri contenuti di INFORMAPLUS. Prova 10 giorni gratis inserendo questo link per il download. https://bit.ly/3mHhcdK
  • INFORMAPLUS offre un’esperienza di lettura unica, gerarchica e modificata come nella nostra edizione cartacea, ma con i valori e gli strumenti dell’edizione digitale navigabili, come leggere in formato pagina o per nota, contrassegnare o condividere i preferiti, copiare contenuto e anche ascoltandolo, se lo preferisci.
  • Oltre ai materiali esclusivi, l’abbonamento include l’accesso alle edizioni di EL INFORMADOR, Gente Bien, avviso dell’evento e appendici.
  • Con INFORMAPLUS farai anche parte di CÍRCULO INFORMADOR, il programma di vantaggi esclusivi per gli abbonati di EL INFORMADOR

Fili

Leggi anche