Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rosa Pallister Professore di Storia della Scienza: “Sappiamo che anche un alloggio o un’alimentazione adeguati sono importanti per migliorare la salute” | Scienze

Ricevendo questo giornale nella residenza studentesca, Rosa Ballester Agnón (Valencia, 77) è un simbolo fondato nel 1910 di quello che sarebbe stato un rinascimento della cultura e della scienza spagnola prima della guerra civile e del regime franchista. “Nel Rinascimento, la Spagna era chiaramente all’avanguardia nelle pratiche scientifiche e mediche dell’epoca”, afferma Balestre, professore emerito di storia della scienza all’Università Miguel Hernandez di Alicante, ma in seguito ha vissuto “chiare fasi di declino”. “All’inizio dell’Ottocento il periodo di Fernando VII fu pessimo per tutto, scienza e medicina incluse, e successivamente durante il periodo che chiamiamo l’età d’argento della scienza e della medicina, che vide i suoi protagonisti passare per questa residenza, noi ha attraversato un altro meraviglioso periodo in cui si è rivolto all’Europa e è tornato in armonia con il resto dei paesi intorno a noi”, racconta. Successivamente, durante gli anni della dittatura franchista, c’è stato un declino, che a partire dagli anni Settanta e Ottanta è iniziato a un livello simile a quello di molti Paesi occidentali», riassume.

Uno dei momenti stellari della storia medica e scientifica della Spagna, che Pallister ha studiato a fondo, è Campagna di vaccino della Royal Charity, guidata dal medico spagnolo Francisco Javier Palmes, nel 1803, poi, la corona spagnola volle introdurre una cura per la diffusione del vaiolo nelle sue terre americane, al fine di mantenere una popolazione pagante e migliorare l’immagine di un lontano istituzione che ebbe alcuni anni di dominio su quelle rimanenti terre. Per trasportare il vaccino appena scoperto da Edward Jenner, bambini orfani, alcuni di appena tre anni, sono stati usati come trasportatori di questo farmaco. Come in altre occasioni nell’esaminare il passato, alcuni atti eroici, anche quelli compiuti con buone intenzioni, hanno utilizzato metodi oggi insopportabili.

Chiedere. Come vede lo storico un insegnante di scienze che ha guarito migliaia di persone, ma ha utilizzato anche bambini senzatetto per riuscirci? Come dovrebbero essere giudicati questi eventi passati?

READ  Blue Moon: cos'è e in cosa consiste questo fenomeno astronomico - scienza - vita

Risposta. È la prima missione internazionale di sanità pubblica al mondo e ha salvato migliaia di vite in tre continenti. La spedizione è una cosa molto positiva. Non è necessario trarre alcun tipo di serietà o importanza da questo fatto. Dall’altro la valutazione delle persone che vi sono intervenute. Palmis è un personaggio molto interessante, con un’autorità molto ferma e idee molto chiare. Personalità come Isabel Zindal, direttrice della Casa de Expósitos [de la que salieron los niños que sirvieron de vehículo para la vacuna]Lei è un eroe. Ma gli umani hanno luci e ombre. Come è successo con le autorità in America, i viceré, ad esempio, della Nuova Spagna in Messico hanno fatto tutto il possibile per non avere successo.

Poi c’è la questione fondamentale dei bambini. Devi pensare a com’era essere un bastardo alla fine del diciottesimo secolo e all’inizio del diciannovesimo secolo. Praticamente tutto è sconosciuto su questi bambini, erano molto deboli, bambini fino a tre anni. Ma per eseguire la serie di vaccinazioni era impossibile prendere le mucche in cui era stato coltivato il vaccino. Ora che, da un punto di vista morale, sarebbe fuori questione, e infatti sappiamo che i bambini sono morti. Isabel Zendal ha promesso a Carlos IV che una volta terminato il viaggio, i bambini sarebbero stati assimilati, ma non siamo sicuri di cosa sia successo a tutti loro alla fine. Sappiamo che almeno due di loro sono morti per strada e poi, a seconda di dove sono finiti, hanno ricevuto un’accoglienza migliore o peggiore. Nessuno di loro è tornato in Spagna. Né Isabel Zendal o il figlio illegittimo con cui ha viaggiato.

S. Al tempo della spedizione Palmis si cominciavano a conoscere meglio le cause delle malattie e sembrava che saremmo riusciti a debellarle tutte, con vaccini e altri mezzi. La medicina ha avuto molti successi, ma nel tempo abbiamo dato questi successi per scontati e sembrano esserci sempre più dubbi sul potenziale della medicina di guarirci. Pensi che questo cambiamento di percezione sia giustificato?

READ  Mauro Icardi e Wanda Nara in riconciliazione? Instagram sta bruciando con loro più che mai a Milano, Italia | immagine | NCZD | calcio internazionale

R è stato trovato. Quando si sa che esiste una relazione di causa ed effetto tra alcuni microbi e malattie infettive e compaiono vaccini e altre opzioni terapeutiche, emerge l’idea di progressi illimitati. Ma poi vediamo che ci sono progressi, ma anche fallimenti, perché la biologia umana è molto complessa e il progresso non è continuo. E l’avvento delle nuove tecnologie, che danno accesso a informazioni prima possedute solo da professionisti, e che a volte non vengono correttamente interpretate, può alimentare questo sospetto.

Penso che il sospetto esista e dovremmo medicinale. Da un lato, con il buon lavoro di scienziati e medici, per la loro integrità morale e, ad esempio, non dire qualcosa è la scoperta del secolo o che cambieremo il modo in cui trattiamo le malattie quando gli studi clinici non lo hanno fatto. t avere le caratteristiche giuste. E anche con una buona informazione nei media. Che le persone possano accedere a queste informazioni per il proprio benessere e non venderle come un film sui buoni e sui cattivi.

S. Nel corso della storia, si è visto che l’ideologia influenza il modo in cui viene praticata la medicina?

R è stato trovato. Sì, naturalmente. Questi valori sono importanti. Se si guarda all’Agenda 2030, l’idea di salute va oltre l’idea di somministrare medicinali o eseguire interventi chirurgici. Sappiamo che per migliorare la salute è importante anche un alloggio o un’alimentazione adeguata, un’idea di programmi di sanità pubblica più ampi. La chirurgia, i trapianti, la progettazione di farmaci o la conoscenza della dimensione molecolare delle malattie sono essenziali. Ma è anche necessario lavorare sull’ambiente e sulle disuguaglianze sociali.

In generale, scommetto sulla visione dell’equità, della giustizia e dei sistemi pubblici, che tutti possano beneficiare del progresso scientifico e medico, perché è qualcosa di fondamentale per la dignità umana. Credo che vada promossa la ricerca scientifica che vada bene per tutti, anche se questo non significa che il peso delle fondamenta non sia importante. A livello storico non possiamo dimenticare, ad esempio, il ruolo della Fondazione Rockefeller.

Progettare farmaci o conoscere la dimensione molecolare delle malattie è essenziale. Ma è anche necessario lavorare sull’ambiente e sulle disuguaglianze sociali.

S. Come è cambiata la cura della salute delle donne nel corso della storia?

READ  Startup mediche innovative al MWC di Barcellona

R è stato trovato. Quando nacque la medicina scientifica, nel mondo occidentale, nella Grecia classica, le donne si consideravano intrinsecamente biologicamente inferiori agli uomini. Era debole, stava per ammalarsi. Ad esempio, si dice che le mestruazioni siano un modo per l’organismo femminile di espellere l’umore, il sangue in eccesso fa male. Mentre l’uomo, soprattutto nel periodo della giovinezza, ha tanta perfezione dal punto di vista biologico. Questo ha implicazioni sociali di ogni tipo. Le donne non sono entrate nelle università, ad esempio, in medicina, fino alla fine del diciannovesimo secolo, e potevano anche studiare, ma all’inizio non potevano fare sport.

Come pazienti, c’erano molte incognite. Per molto tempo si è creduto che l’utero fosse una specie di organismo che si trovava nella cavità addominale e che provocava amenorrea o vampate di calore interpretandolo come l’ascesa dell’utero, come un animale semivivente che si arrampicava e ha toccato il diaframma. Con l’espansione della conoscenza dell’anatomia, si scopre che le donne non sono inferiori, sono diverse dagli uomini, soprattutto in questi aspetti.

Poi ci sono state altre critiche, principalmente provenienti da eccessive cure mediche, per esempio, del parto o della menopausa. Ma non dovremmo nemmeno idealizzare il parto naturale, perché comporta dei rischi. Come ogni cosa nella vita, la virtù può essere nel mezzo aureo.

Puoi seguire problema in FacebookE il Cinguettio E il instagramoppure registrati qui per ricevere Notiziario settimanale.

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti