Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Roberto Gualtieri, sindaco nerd di Roma

Dicono di Roma che è una città non governata, che porta debiti enormi, che mettere ordine in una macchina di 23.000 dipendenti pubblici è ingombrante, e che tutti i sindaci che ci provano finiscono per uscire dalla porta di servizio. È il caso di Virginia Raggi, la prima sindaca del Movimento Cinque Stelle (M5E), che ha promesso aria fresca ma non ha deluso le aspettative. Il testimone è stato passato a Roberto Gualtieri, vincitore delle elezioni comunali, uomo conservatore del Partito Democratico (PD) con una lunga esperienza in crisi complesse sul suo curriculum – un peso italiano era a Bruxelles e ministro dell’economia durante un’epidemia – almeno cercando di mettere ordine nella capitale italiana.

In un’epoca in cui la politica italiana imperversa su Instagram, Gualtieri è un’eccezione. Troppo timido, quando ha vinto il secondo turno delle elezioni comunali con oltre il 60% dei voti, hanno dovuto incoraggiarlo a stare con le dita a “V”, perché vincesse. La sua serietà a volte gli giocava brutti scherzi: poteva essere considerato un politico di basso rango, eletto dopo che il partito non ha voluto presentare Nicolas Zingaretti, presidente della Regione Lazio, per non bruciarlo per incarichi futuri. maggiore importanza. Adesso è lo slogan della vittoria del Pd che ha travolto i comuni.

Ha guadagnato la reputazione di essere un serio e duro lavoratore al Ministero e durante i suoi anni al Parlamento Europeo.

Gualtieri non esita a definirsi un “nerd”, e tutti coloro che hanno lavorato con lui fanno capire che non una parola della cronaca è rimasta da studiare, nemmeno in vacanza. Ha studiato lettere e filosofia alla Sapienza e, dopo il dottorato, è diventato professore associato di storia contemporanea. Iniziò giovanissimo la sua attività politica, sostenne i comunisti e in seguito divenne uno di coloro che fondarono il Partito Democratico. Eletto al Parlamento Europeo nel 2009, è stato membro di punta della delegazione italiana come presidente della Commissione Economica del Parlamento Europeo e anche membro del team che ha seguito i negoziati sulla Brexit. “Era molto energico, molto esigente ma anche molto disponibile. Non aveva l’abitudine di chiedere ai borsisti se c’era qualcosa che non sapeva”, racconta una delle persone che hanno lavorato con lui in quel periodo, quando si trattava di un ricorrenza frequente alle riunioni dei ministri delle finanze. .

READ  Beln Frau di Bilbao, il nuovo direttore della comunicazione globale di Ikea

Nel 2019, quando Giuseppe Conte formò il suo secondo governo con M5E e PD, Gualtieri fu nominato ministro dell’Economia, elezioni che volevano dimostrare che l’Italia aveva voltato pagina sul populista e scontri con la commissione che avevano caratterizzato l’ex esecutivo con la Lega. È stata ben vista dalle istituzioni europee, che hanno elogiato l’atteggiamento di chi conosce bene le complessità della società. “Buone notizie per l’Italia e l’Europa”, apprezziamo il futuro presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde. Da ministro ha affrontato la prima fase dell’emergenza sanitaria prima che arrivasse Mario Draghi e alla sua carica venisse nominato il banchiere Daniele Franco. È stato uno di coloro che hanno negoziato l’accordo di risanamento con Bruxelles, di cui l’Italia si è rivelata il primo Paese beneficiario.

È un lavoratore instancabile, le cui ore raggiungono le quattordici ore al giorno. I fascicoli sono studiati nei minimi dettagli”, racconta la persona che fu suo viceministro, il senatore Antonio Mesani. Appassionato di musica, soprattutto jazz, Gualtieri era solito suonare la chitarra da solo nel suo ufficio per calmare i nervi, sia come ministro che al Parlamento Europeo. Sicuramente l’ha portata anche lui. In Campidoglio. E’ tifoso della Roma, una delle squadre cittadine, cosa che di solito commenta con i vicini del quartiere Monteverde, dove vive con la moglie e il figlio Non è un amante della digitalizzazione: nei suoi uffici di solito ci sono cumuli di carte e quaderni dove registra meticolosamente tutti i dati.

Resta da vedere se l’esperienza che ha accumulato a Bruxelles e al ministero dell’Economia sarà utile per Roma, che ha le sue regole. Il suo programma per la capitale si concentra sulla lotta al cambiamento climatico e sul rendere la città più accessibile ai giovani, ma prima dovrà affrontare le questioni più urgenti: immondizia che si accumula per le strade, una flotta di autobus obsoleta. Cioè, bruciano ogni due, tre o buchi che inghiottono auto. Dovrai studiare nuovi rapporti. “Conoscendolo, li avrebbe spazzati via”, scherza il suo ex aiutante.

READ  I debiti del fondo di rimborso possono ora essere emessi