Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Realizzano calzini intelligenti che aiutano a proteggere le persone affette da demenza e a prevenire le cadute

Realizzano calzini intelligenti che aiutano a proteggere le persone affette da demenza e a prevenire le cadute

Secondo l’indagine Getty, i motivi più comuni per cui le persone affette da demenza si sono recate al pronto soccorso sono stati gli incidenti (7,9%), i disturbi comportamentali (7,4%) e le menomazioni generali (5,3%).

Uno studio recente avverte che le persone anziane affette da demenza si recano al pronto soccorso due volte più spesso dai loro coetanei sani. Tuttavia, gli studiosi di Università del MichiganLui, che ha condotto la ricerca, ha indicato che tali consultazioni avrebbero potuto essere evitate. Come mostrato, le cause più comuni sono gli incidenti, i cambiamenti nel comportamento e la debolezza generale.

dopo questi risultatiUn nuovo progetto guidato dal dottor Shlomi Haar del Centro di ricerca e tecnologia DRI Care del Regno Unito cercherà specificamente di contribuire a ridurre gli incidenti tra queste persone. Il medico e il suo team testeranno se un calzino che combina sensori e intelligenza artificiale può aiutare a rilevare i momenti di ansia e prevenire le cadute nelle persone affette da demenza.

etichettato con ‘Calzini intelligenti‘, l mailbotixQuesti indumenti monitorano la frequenza cardiaca, i livelli di sudore e il movimento per fornire informazioni sulla salute di chi li indossa e, soprattutto, quanto è ansiosa una persona. Sembrano normali calzini, non richiedono ricarica, sono lavabili in lavatrice e forniscono un flusso continuo di dati agli operatori sanitari che possono visualizzare facilmente i parametri dei loro pazienti nell’app.

La startup di tecnologia sanitaria Milbotix ha collaborato con team di due istituzioni del Regno Unito per testare la tecnologia. In un progetto, l’azienda sta lavorando con il DRI Care Technology and Research Centre del Regno Unito presso l’Imperial College di Londra, che sta sviluppando una tecnologia di “casa intelligente” per aiutare le persone affette da demenza a rimanere in casa il più a lungo possibile.

Gli innovativi “SmartSocks” di Milbotix monitorano la frequenza cardiaca, i livelli di sudore e il movimento per fornire informazioni dettagliate sul benessere di chi lo indossa (Foto: Imperial College London)

In questo studio, il team testerà innanzitutto: Calzini intelligenti Nel loro laboratorio dal vivo, che è un ambiente domestico in cui studiano le attività della vita quotidiana e sviluppano tecnologie prima che possano essere testate a casa. Quindi implementeranno la tecnologia nelle case di 15 persone affette da demenza per testare la capacità dei calzini di rilevare il disagio e l’eccitazione in chi li indossa.

READ  Quello che dice lo studio della rivista scientifica The Lancet analizza perché, per 50 giuristi, la vaccinazione contro il COVID-19 dovrebbe essere obbligatoria.

E in un secondo studio separato, mailbotix lavora con Università di Exeter per testare se Calzini intelligenti Può aiutare il personale che lavora nelle case di cura a sostenere le persone che potrebbero non essere in grado di esprimere emozioni o causare angoscia.

Dr. Zeke Steer, fondatore e CEO dell’azienda, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista Università di Bristol“I piedi sono in realtà un ottimo posto per raccogliere dati sullo stress, e i calzini sono un capo di abbigliamento familiare che le persone indossano ogni giorno”, ha detto. Ha aggiunto: “La nostra ricerca mostra che i calzini possono identificare con precisione i segni di una malattia pressioneche può aiutare non solo le persone che ne soffrono demenza e autismoma anche i loro caregiver.

A sinistra c’è la schermata che gli operatori sanitari vedranno nell’app Milbotix. A destra: Dr Zeke Steer, fondatore e CEO di Milbotix (Foto: Università di Bristol)

Durante le indagini, ha prestato servizio volontario in una casa di cura per demenza. Lo ha detto un medico, che ha deciso di indagare su come vengono utilizzati i laptop e le tecnologie intelligenza artificiale Può aiutare con i sintomi della demenza dopo il caso della sua bisnonna che soffriva della malattia.

Mentre lavorava come volontario, il dottor Steer ha avuto un’idea mailbotix, che ha lanciato come impresa. “Mi sono resa conto che quello che è successo alla mia bisnonna non era un incidente isolato e che i comportamenti angoscianti sono molto comuni”, ha spiegato. attualmente, inizio Cerca di collaborare con organizzazioni innovative di assistenza sociale per migliorare e testare i media intelligenti.

Il Centro di ricerca e tecnologia DRI Care del Regno Unito sta già testando la tecnologia che monitora il sonno, il movimento in casa e misurazioni fisiologiche come la temperatura e la pressione sanguigna. piattaforma informatica centrale denominata “MinderCollega queste misurazioni a una dashboard, consentendo ai medici di monitorare le persone affette da demenza da remoto. Con questa tecnologia, il team mira a essere in grado di rilevare tempestivamente i problemi, ridurre i ricoveri ospedalieri evitabili e consentire alle persone affette da demenza di rimanere indipendenti all’interno delle proprie case. .

Sembrano normali calzini, non richiedono ricarica, sono lavabili in lavatrice e forniscono un flusso continuo di dati agli operatori sanitari che possono visualizzare facilmente i parametri dei loro pazienti nell’app. (Immagini dall’Imperial College di Londra)

Viene utilizzato da persone che soffrono di demenza, Disturbi dello spettro autistico e alcuni difficoltà di apprendimentoIL Calzini intelligenti Possono migliorare la qualità della vita, ridurre i disagi, alleggerire il carico sulle famiglie e sugli operatori sanitari e risparmiare sui costi dell’assistenza medica e sociale. pagina web.

READ  Il fallimento dello studio del vaccino Mosaico contro il virus

Ecco come funzionano i calzini intelligenti:

1. Applicazione Milbotix. Si installa su uno smartphone e viene scansionato un codice QR fornito con i calzini, che li collega a una rete Wi-Fi.

2. Sensore. Un sensore integrato in uno di questi calzini raccoglie i dati fisiologici dei piedi e delle caviglie della persona monitorata.

3. Dati. I dati vengono trasmessi in modalità wireless a una piattaforma cloud sicura.

4. Elaborazione. Algoritmi sofisticati (in attesa di brevetto) elaborano i dati dei sensori e stimano la probabilità che una persona si trovi in ​​difficoltà.

5. Avvisi. Il team di assistenza riceve avvisi sulle emergenze tramite l’app.

6. Rispondi. La squadra di assistenza interviene per calmare la situazione.