Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questo è ciò che dice la scienza sul consumo di riso più di tre volte a settimana in Spagna

Questo è ciò che dice la scienza sul consumo di riso più di tre volte a settimana in Spagna

Il riso non è uno di quegli alimenti che associamo immediatamente alla dieta mediterranea, ma nonostante ciò rientra in quello che è considerato un alimento. Il piatto più comune della gastronomia spagnola: la paella. Per questo motivo, anche se nella dieta mediterranea ci si concentra su cibi locali e freschi, che sono principalmente a base di frutta, verdura, noci, semi, legumi e cereali integrali, essi hanno una grande importanza nella nostra cucina.

In alcune regioni del Mediterraneo, il riso è diventato un alimento base nei piatti tradizionali come la paella spagnola o il risotto italiano. In esso, il riso è uno degli ingredienti che accompagna altri alimenti come frutti di mare, verdure e spezie. In questo modo, anche se in Spagna c’è il riso Non è un ingrediente essenziale nel cibo tipico spagnolo; Sì, insieme alla pasta e ad altri alimenti ricchi di carboidrati, è uno degli alimenti più spesso utilizzati come complemento ad altre ricette.

Il riso fornisce molti nutrienti, carboidrati complessi, vitamine del gruppo B, ferro, fibre e zinco, ma aiuta anche ad assorbire altri importanti nutrienti come calcio, potassio e vitamina D.

Quanto riso puoi mangiare in una settimana?

Come accade per il pane o la pasta, c’è chi si chiede cosa dice la scienza riguardo al consumo di riso più di tre volte a settimana, per conoscere la quantità settimanale consigliata di questo alimento. Questo è essenziale considerando che il riso è uno degli ingredienti Che può far parte di un numero infinito di piatti diversi.

[Esto es lo que dice la ciencia sobre tomar una lata de sardinas a la semana]

La quantità di riso che può essere consumata a settimana dipende da vari fattori come età, sesso, salute, livello di attività fisica e fabbisogno calorico di ciascun individuo. Se ti stai chiedendo se puoi mangiare riso più di tre volte a settimana, sappi che è del tutto possibile, poiché diversi studi hanno potuto dimostrarlo. Puoi bere dalle 2 alle 4 tazze a settimana, Ciò corrisponde tra mezza tazza e una tazza di riso cotto a pasto. Tuttavia, se una persona ha un fabbisogno calorico più elevato a causa del lavoro o del livello di attività fisica, potrebbe superare tali importi.

READ  Medicina integrativa, un nuovo paradigma che è arrivato a Junin -

D’altra parte, è necessario sapere che il riso è un’ottima fonte di carboidrati e può essere ricco di calorie, quindi è necessario bilanciare la quantità di riso in base alle altre fonti di calorie e nutrienti presenti nella dieta.

Fa male mangiare troppo riso?

Non c’è problema a mangiare riso tre volte a settimana. Infatti il ​​suo consumo fornisce energia al nostro organismo grazie al suo apporto Carboidrati ed essere ricchi di vitamine E minerali come magnesio o ferro.

[Esto es lo que dice la ciencia sobre tomar una lata de atún a la semana en España]

Tuttavia, se vengono consumati in grandi quantità o come principale fonte di carboidrati nella dieta, Può aiutare a eliminare le calorie in eccesso, Che allo stesso tempo può aumentare il rischio di malattie croniche come diabete, obesità e malattie cardiache.

Benefici del riso

Il riso integrale ha un indice glicemico più basso rispetto al riso bianco ed è più ricco di vitamine, che aiutano a mantenere la vitalità e a bilanciare l’umore. Il riso è un’ottima fonte di energia, vitamine e minerali, oltre che di proteine ​​prive di glutine, grazie alla sua composizione nutrizionale Fornisce i seguenti benefici per la salute:

  • Fa bene al cuore: Il basso contenuto di sodio e la presenza di potassio rendono il riso un ottimo protettore del sistema cardiovascolare, poiché favorisce la stabilità della pressione sanguigna, oltre a contribuire alla regolazione del battito cardiaco. Inoltre, grazie all’azione del magnesio, il rivestimento delle arterie è protetto dalle aggressioni a cui potrebbero essere esposte a causa di sbalzi repentini della pressione sanguigna. Il suo alto contenuto di fibre aiuta a ridurre i livelli dannosi di colesterolo, ad assorbire i grassi in eccesso e ad eliminarli attraverso l’intestino.
  • Balsamo per il sistema digestivo: Uno dei maggiori beneficiari di una buona ciotola di riso integrale è l’intestino, perché la fibra alimentare in esso contenuta svolge un’importantissima funzione regolatrice del transito intestinale. Inoltre, la sua crusca non irrita la mucosa intestinale, aiuta a riparare la mucosa infiammata ed è consigliata alle persone con sindrome dell’intestino irritabile.
  • Effetto rilassante: Il fatto che il riso favorisca un rilascio graduale di energia si aggiunge all’effetto rilassante dell’aminoacido triptofano, presente nelle proteine, oltre che nelle vitamine del gruppo B ed è ricco di magnesio, essenziale per il corretto funzionamento del sistema nervoso. L’energia può essere prodotta.
  • Previene il cancro: Mangiare riso regolarmente protegge dal cancro, in particolare da quello del colon, della mammella e della prostata, grazie all’azione di molti dei suoi componenti. Include fibra insolubile, che agisce accelerando il transito digestivo per ridurre l’effetto delle sostanze cancerogene sulla mucosa intestinale, oltre a godere di una protezione rafforzata grazie al selenio, che protegge il sistema immunitario e previene la formazione di radicali liberi.
READ  COVID in Spagna, in diretta oggi: Vaccini, Omicron, fine delle mascherine, quarantena...

Per tutto questo, Il riso dovrebbe essere incluso in una dieta equilibrata, In più ha il vantaggio di essere facilmente adattabile a qualsiasi tipo di ricetta.