Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando avverrà la prossima estinzione di massa?

Quando avverrà la prossima estinzione di massa?

Se smetteremo di bruciare combustibili fossili, gli esseri umani si estingueranno sulla Terra entro 250 milioni di anni; Altrimenti potrebbe essere molto più veloce. Quale forma di vita dovremo affrontare nel futuro? Temperature comprese tra 40°C e 70°CCiò complicherebbe l’esistenza di diverse specie, compreso l’uomo, secondo gli esperti dell’Università di Bristol in uno studio condotto da Alexander Farnsworth e pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

Ma I calcoli non tengono conto dei gas serra Emesso dalla combustione di combustibili fossili e altre fonti artificiali, quindi la data della nostra scomparsa sarà probabilmente molto prima.

“Le prospettive per il lontano futuro sembrano molto desolanti”, ha detto Farnsworth, aggiungendo: “I livelli L’anidride carbonica potrebbe raddoppiare i livelli attuali. Gli esseri umani – come molte altre specie – Moriranno perché non riescono a liberarsi di questo calore attraverso il sudore. “Raffreddare i loro corpi.”

Secondo i ricercatori, entro 250 milioni di anni, tutti i continenti della Terra si uniranno per formare un supercontinente noto come Pangea Ultima. Il territorio terrestre avrà la forma di una ciambella con al centro un mare interno: tutto ciò che resta dell’oceano Atlantico, un tempo potente. Nel frattempo, l’Oceano Pacifico circostante occuperà la maggior parte della superficie terrestre.

Pangea Ultima è solo una potenziale proiezione Come potrebbe apparire un gigantesco continente terrestre quando le sue placche tettoniche si uniscono. Qualunque sia l’esatto allineamento, gli scienziati sono fiduciosi che i continenti della Terra si fonderanno lentamente per formare una massa calda, secca e in gran parte inabitabile.



I processi tettonici nella crosta terrestre che uniscono i continenti causerebbero eruzioni vulcaniche più frequenti, che produrrebbero massicci rilasci di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera, riscaldando ulteriormente il pianeta. A questo si aggiunge un’altra forma meno conosciuta di riscaldamento globale: la luminosità naturale del Sole, che rende… I pianeti stanno diventando più caldi.

READ  Trucchi per scrivere più velocemente su qualsiasi iPhone

“Un supercontinente appena emergente creerebbe effettivamente un triplo smacco, consistente in un effetto continentale, un sole più caldo e più anidride carbonica nell’atmosfera, causando un aumento del calore in gran parte del pianeta”, ha affermato Farnsworth.

“Il risultato è Un ambiente prevalentemente ostile, privo di fonti di cibo e acqua per i mammiferi. Ha aggiunto: “Temperature diffuse tra 40 e 50 gradi Celsius e temperature massime giornaliere ancora più elevate, abbinate ad alti livelli di umidità, determinerebbero alla fine il nostro destino”.

Per studio e studiosi Utilizzo di modelli climatici computerizzati per simulare le tendenze Temperatura, vento, precipitazioni e umidità in Pangea Ultima.

Per stimare il livello futuro di anidride carbonica, il team ha utilizzato modelli di movimento delle placche tettoniche, chimica degli oceani e altro ancora per mappare gli input e gli output di anidride carbonica. I ricercatori sottolineano di non aver tenuto conto del contributo delle emissioni di anidride carbonica derivanti dalla combustione di combustibili fossili, che oggi sono comunemente citati come la principale causa del cambiamento climatico.

Hanno stimato che l’anidride carbonica potrebbe aumentare dalle circa 400 parti per milione di oggi a più di 600 parti per milione tra milioni di anni in futuro. Il coautore dello studio, il professor Benjamin Mills dell’Università di Leeds, ha dichiarato: “Naturalmente, ciò presuppone che gli esseri umani smetteranno di bruciare combustibili fossili, altrimenti vedremmo questi numeri molto prima.”

I risultati lo indicano Solo dall’8 al 16% della Terra sarebbe abitabile per i mammiferiMa tutte le specie di mammiferi verranno probabilmente spazzate via.

A peggiorare le cose, il supercontinente sarà situato principalmente in regioni tropicali calde e umide, quindi gran parte del pianeta potrebbe affrontare temperature più elevate di quelle a cui sono abituate molte specie di mammiferi.

READ  Il prezzo di Motorola RAZR 3 ci darà buon umore

“Non possiamo prevedere quanto tempo sopravvivranno gli esseri umani, ma se supponiamo che dureremo così a lungo, il mondo futuro sarà inospitale per noi”, ha detto Farnsworth ai media britannici.

L’accademico ha detto che si potrebbe sopravvivere al disastro costruendo “rifugi climatizzati e controllati dall’ambiente. Ma potremmo anche dover costruire altre strutture per ospitare la produzione alimentare”.

Un’altra speranza per l’umanità Formazione di civiltà su altri pianeti Di altri sistemi solari, ma per ora è solo roba da fantascienza.