Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Visse 69 milioni di anni fa in Patagonia e il suo nome è Kulikin Inakayali, che è il nuovo dinosauro scoperto dagli scienziati del Conisit.

Visse 69 milioni di anni fa in Patagonia e il suo nome è Kulikin Inakayali, che è il nuovo dinosauro scoperto dagli scienziati del Conisit.

Un team di paleontologi ha scoperto una nuova specie di dinosauro, il Kulikin inakayali, un carnivoro vissuto in Patagonia 69 milioni di anni fa. I fossili furono scoperti a La Colonia, a nord di Chubut.


L’opera fa parte di un progetto National Geographic, guidato da Diego Bol, con la partecipazione di paleontologi affiliati a diverse istituzioni scientifiche nazionali come Conisite, il Museo Paleontologico Egidio Ferroglio di Trelew e il Museo Argentino di Scienze Naturali Bernardino Rivadavia, a Buenos Aires. L’Università Nazionale del Rio Negro de General Roca e l’Università Cinese di Hong Kong. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Cladistics.

Koleken inakayali apparteneva alla più importante famiglia di dinosauri carnivori del Gondwana, gli abelisauridi, un supercontinente dell’emisfero meridionale che comprendeva quelli che oggi sono il Sud America, l’Africa, l’India, il Madagascar, l’Australia e l’Antartide. “Questa è la famiglia degli abelisauridi, famiglia resa famosa dal dinosauro più famoso del nostro continente, il carnivoro cornuto Carnotaurus.ha spiegato Diego Paul, ricercatore CONSET presso il Museo di Scienze Naturali Bernardino Rivadavia in Argentina.

Questa nuova specie di abelisauride si distingue dagli altri dinosauri carnivori per alcune caratteristiche anatomiche delle ossa del cranio.

Durante la spedizione fu ritrovato uno scheletro parziale che includeva diverse ossa del cranio. Un set quasi completo di ossa della colonna vertebrale, un’anca completa, diverse ossa della coda e ossa della gamba posteriore.

Questa nuova specie si distingue dagli altri dinosauri carnivori per alcune caratteristiche anatomiche delle ossa del cranio. Cortesia dell’immagine

“È certo che il corpo di questo animale fu trasportato via fiume fino alla foce del fiume, dove fu sepolto poco dopo la sua morte. Abbiamo anche potuto trovare i resti del cranio nella parte della concrezione che c’era stata eroso, il che spiega perché le ossa del cranio erano disintegrate mentre la parte posteriore dello scheletro, che era all’interno del cemento, è perfettamente dettagliata e in posizione di vita;

READ  Artemis mi lancio sulla luna | Manichini in un razzo per fare la storia

Il medico biologico Mattia Baiano ha spiegato che il luogo del ritrovamento “è noto perché è il luogo in cui è stato ritrovato il famoso Carnotaurus”. Uno dei dinosauri più famosi al mondo“È un sito estremamente ricco di fossili di ogni tipo.

“È sempre bello trovare una nuova specie di dinosauro perché ci permette di capire com’era la vita in passato. La base del progetto è scoprire cosa è successo prima dell’estinzione dei dinosauri a livello di fauna e flora in Patagonia . L’obiettivo è scoprire se la diversità di animali e piante è alta o bassa; Se ci sono organismi già estinti o se un meteorite si porta via tutto all’improvviso“, ha precisato il professore italiano della Facoltà di Geologia e Paleontologia dell’Università Nazionale del Rio Negro.


Questa ricerca fa parte di un progetto interdisciplinare intitolato “La fine dell’era dei dinosauri in Patagonia”, sostenuto dalla National Geographic Society Al convegno partecipano più di 70 ricercatori e borsisti del Conicet. In collaborazione con colleghi di altre istituzioni nel paese e all’estero.

Il progetto ha rivitalizzato le spedizioni paleontologiche in cui è stato scoperto per la prima volta il Carnotaurus e ora questa nuova specie. Koleken diventa il secondo abelisauro ad abitare quella regione verso la fine dell’era dei dinosauri. “Pensavamo che fossero i carnivori dominanti, almeno in questa parte dell’emisfero, quando si verificò la grande estinzione che spazzò via i dinosauri dal nostro pianeta. L’estinzione di massa avvenne 66 milioni di anni fa. Questi sarebbero praticamente gli ultimi dinosauri non aviari prima della grande estinzione alla fine del Mesozoico. “Stiamo parlando di 69 milioni di anni fa”, ha detto Piano.

READ  L'intelligenza artificiale di Google ora si chiama Gemini: come funziona la nuova app gratuita per Android | Disponibile per iOS e Android
Questa nuova specie si distingue dagli altri dinosauri carnivori per alcune caratteristiche anatomiche delle ossa del cranio. Cortesia dell’immagine

Ha spiegato che i risultati non corrispondono mai allo scheletro completo del dinosauro. “In questo caso, hanno trovato diverse vertebre della schiena e della coda, parte del cranio, ossa del femore, della tibia, della falange e dell’intera anca. Sono state effettuate diverse spedizioni in anni diversi per salvare l’intero esemplare.”

“Oltre ad avere caratteristiche uniche che lo distinguono dagli altri dinosauri.”Il Kulekin ha ossa del cranio molto ruvide e vertebre forti come gli altri membri della stessa famiglia.Ha detto il ricercatore.

Il materiale è stato trasportato e conservato presso il Museo Paleontologico Egidio Ferroglio dove i tecnici hanno preparato con cura le ossa dell’esemplare. L’anno scorso un team di diversi paleontologi ha iniziato a studiarlo.

“Abbiamo analizzato gli aspetti anatomici e siamo stati in grado di descrivere l’anatomia di ciascun osso, scoprire le relazioni correlate e alcuni problemi evolutivi dell’intera famiglia Culkin che appartiene alla famiglia Abelisauridae. È molto tipico in Sud America, ma più comune in Argentina. Esistono più di 20 specie in tutto il mondo, il 70% delle quali sono argentine“, ha affermato.