Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali sono i terremoti stellari che fanno muovere le stelle

Gaia mira a costruire il catalogo spaziale 3D più ampio e accurato mai creato per l’universo osservato / nave: ESA / ATG medialab / Via Lattea: ESA / Gaia / DPAC / IGO / A. Moitinho

nel 2013 L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha lanciato una missione spaziale unica: Osservatorio spaziale Gaia, Un veicolo spaziale progettato specificamente per l’astrometria, la scienza della misurazione delle posizioni, delle distanze e dei movimenti delle stelle Con una precisione mai vista prima.

Gli scienziati lo affermano La missione mira a costruire il catalogo spaziale 3D più grande e accurato mai creato per l’universo visibile, Con quasi due miliardi di oggetti astronomici, la maggior parte stelle, ma anche pianeti, comete, asteroidi e quasar, tra le altre cose affascinanti dalla vastità dello spazio.

questa settimana, L’Agenzia Spaziale Europea ha rilasciato un nuovo aggiornamento dei dati raccolti da Gaia negli ultimi tre anni, dopo aver osservato 10 milioni di stelle e oggetti spaziali, Il che ha portato alla pubblicazione di molti articoli scientifici su alcune delle scoperte che sono state fatte. Questo set di dati è diventato Il più grande catalogo finora Dalle stelle binarie, migliaia di oggetti nel Sistema Solare, come gli asteroidi e le lune dei pianeti, ai milioni di galassie e quasar che si trovano al di fuori della Via Lattea.

Mappa della Via Lattea, fotografata dall'Agenzia Spaziale Europea
Mappa della Via Lattea, fotografata dall’Agenzia Spaziale Europea

Una delle scoperte più sorprendenti Gaia è stata inconsapevolmente e senza essere al centro della sua missione principale per rilevare i terremoti stellari o “terremoti stellari”, che consistono in piccoli movimenti registrati sulla superficie di una stella Cambia la sua forma e può essere fatto Nuove intuizioni sul funzionamento interno di questi soli lontani.

Lo ha spiegato a Infobae Marcelo Miller Bertolami, astronomo di La Plata e ricercatore principale di Conicet. Il lavoro che Gaia ha svolto sin dal suo lancio, quasi 10 anni fa. “Gaia è un telescopio spaziale dell’Agenzia spaziale europea che mira a determinare la distanza delle stelle con grande precisione. Guarda il cielo, guarda le posizioni esatte delle stelle. La Terra cambia posizione nello spazio. Così sono le stelle. Gaia è un telescopio medio raro. Non è un telescopio convenzionale, come il telescopio Hubble. Il suo principale vantaggio è la lucidatura dei suoi specchi in carburo di silicio per l’osservazione di stelle e oggetti a grandi distanze. Viene lucidato a pressioni molto elevate: 10 nanometri, ovvero 10 milionesimi di millimetro. Gli atomi sono quasi separatiHa spiegato Miller Bertolami.

L'ultimo rilascio di dati dalla missione europea Gaia rivela la nostra galassia, la Via Lattea, in nuovi colori.  (Credito fotografico: ESA/Gaia/DPAC)
L’ultimo rilascio di dati dalla missione europea Gaia rivela la nostra galassia, la Via Lattea, in nuovi colori. (Credito fotografico: ESA/Gaia/DPAC)

“Il suo lavoro consente molti studi paralleli, principalmente sulle stelle e sull’origine della Via Lattea. Conoscendo la distanza, si può conoscere la luminosità intrinseca delle stelle. Questo ci permetterà anche di migliorare l’età delle stelle e la storia della nostra galassia. Gaia misura ogni stella più volte. Oltre alle posizioni di misurazione, misura la luminosità. Misura diversi milioni di stelle più volte. L’astronomo ha aggiunto che, in media, ogni stella sarà misurata circa 70 volte ogni due o quattro settimane, consentendoci di monitorare come cambia la sua luminosità”.

READ  La scienza dubita del "percorso di possesso" e richiede maggiori investimenti

La scoperta dei terremoti stellari è sorprendente perché la navicella spaziale non è stata progettata per svolgere tale lavoro.“, Confermato riferimento all’astronomia mondiale, come il Dr. Connie Ayers dell’Università Cattolica di Leuven, Belgio, in una conferenza stampa dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) lunedì 13 giugno, a cui ha partecipato Infobae. “Queste vibrazioni fanno muovere il gas stellare su e giù. La luminosità della stella cambia con il tempo. Quindi fa brillare le stelle nel cielo”, ha continuato l’esperto.

Quindi si può determinare se le stelle hanno pulsazioni. Con la precisione di Gaia, è possibile determinare il periodo di oscillazione della stella. Sono differenze di luminosità che si verificano a causa della vibrazione stessa della stella. E questa vibrazione ci parla di terremoti o terremoti. E a seconda di come è fatto, in base alla sua mutevole essenza, vibra in modi diversi. Quando una stella vibra, ci sono differenze nella luminosità della stella nel tempo. Ed è questo che è responsabile dello studio di Venere stellare, che è una branca dell’astronomia molto fiorente di questi tempi.Miller ha confermato.

L’esperto lo ha spiegato Sebbene il materiale in cui si formano le stelle sia solitamente lo stesso, come l’idrogeno e l’elio, nel tempo l’universo “si sporca”, A causa degli elementi chimici più pesanti che possono derivare da materiale proveniente da pianeti, comete, asteroidi e altre stelle morenti. “Ogni stella cambia la sua composizione chimica interna. Il sole oggi ha generato più elio di quando è nato a causa della generazione nucleare negli ultimi 5 miliardi di anni quando è nato”, ha detto Miller.

Il I terremoti stellari sono stati rilevati in un sottoinsieme di osservazioni incentrate sulla distribuzione delle stelle variabili nella Via Lattea., cioè stelle la cui luminosità cambia nel tempo. “Le stelle lampeggianti forniscono agli astronomi uno strumento molto potente per studiare la loro fisica e chimica interna”, ha detto Aerts. “È come un terremoto a terra. I sismologi amano i terremoti se non sono molto violenti, perché ci permettono di capire cosa sta succedendo all’interno del nostro pianeta. E i sismologi fanno la stessa cosa, ma con le stelle».

READ  L'addio di Mattarella apre un difficile iter per l'elezione del nuovo presidente in Italia

Alla ricerca di esopianeti

I nuovi esopianeti, HD 260655 b e HD 260655 c, sono più grandi della Terra.
I nuovi esopianeti, HD 260655 b e HD 260655 c, sono più grandi della Terra.

I dati pubblicati dall’Agenzia spaziale europea hanno prodotto numerosi studi scientifici pubblicati. uno di loro È l’argentino che vi partecipa Nicolás Unger, laureato in fisica UBA e PhD in astrofisica ed esopianeti.

Studio l’universo e cerco pianeti al di fuori del nostro sistema solare. Per questo Gaia è un compito molto importante, perché non solo genera il più grande catalogo di stelle, Che oggi ne conta più di 1800 milioni, ma è anche più accurato misurare la loro posizione, che in astronomia chiamiamo astrometria. Questo ci permette di sapere dove si trovano le stelle nel cielo e la distanza tra loro e noi”, ha spiegato. Invia a Infobae.

Queste osservazioni sono molto utili per trovare esopianeti, perché se si nota che se una stella si muove in modo circolare nel cielo, allora c’è un oggetto che ruota attorno ad essa. Analizzando il tipo di movimento possiamo dedurre se si tratta di un pianeta o di un’altra stella in orbita attorno ad esso. Recentemente è stata pubblicata la terza edizione dei dati Gaia, che include il primo catalogo di esopianeti. “Un’indagine a cui ho potuto partecipare”, ha detto lo specialista non terrestre.

Il Gaia Space Observatory è un veicolo spaziale appositamente progettato per l'astrometria
Il Gaia Space Observatory è un veicolo spaziale appositamente progettato per l’astrometria

Di tutte le stelle osservate da Gaia, alcune sono estratte da ciò che pensiamo possa ospitare esopianeti. Quelle stelle calcolano quale sarà l’orbita di quell’esopianeta. Quindi, estraiamo la sua orbita e la passiamo attraverso un filtro di convalida poiché la misurazione Gaia di oggi è la prima del suo genere e necessita di controlli permanenti. Il mio lavoro è quello. Revisione e validazione dei dati Gaia. Lo facciamo cercando di vedere se questo esopianeta è stato effettivamente rilevato con un altro metodo. Quindi usiamo la velocità radiale che consiste nel misurare la velocità della stella. Se si vede il movimento oscillatorio della stella nel tempo, si può dedurre l’esistenza di un esopianeta. Questa è una tecnica molto ben congegnata, poiché ad esempio è stato scoperto il primo esopianetaSelezionato Unger, che ha lavorato con Gaia oggi a Ginevra, insieme a collaboratori dall’Italia e dalla Spagna.

READ  COVID-19: l'ECG può prevedere il rischio di morte e ricovero ospedaliero

Ad agosto 2015 Gaia ha completato il suo primo anno di osservazioni scientifiche, Durante i quali sono stati registrati 272 miliardi di misurazioni spot o astronomiche, 54,4 miliardi di punti dati fotometrici e 5,4 miliardi di spettri. Il 14 settembre 2016, l’Agenzia spaziale europea ha rilasciato il primo set di dati Gaia. Che includeva le posizioni e le magnitudini di quasi un miliardo di stelle sulla base delle osservazioni dal 25 luglio 2014 al 16 settembre 2015.

Mappa del cielo della Via Lattea in movimento utilizzando i dati di Gaia.  (Laporte e altri)
Mappa del cielo della Via Lattea in movimento utilizzando i dati di Gaia. (Laporte e altri)

Il 25 aprile 2018, l’Agenzia spaziale europea ha pubblicato un secondo set di dati che includeva le posizioni di quasi 1,7 miliardi di stelle, Oltre a misurare la sua luminosità totale a lunghezze d’onda ottiche. Ora, con questo terzo rapporto, gli astronomi celebrano e giurano di rivelare altre sorprese che Gaia ha colto. Il rilascio dei dati di Gaia il 13 giugno contiene anche il più grande set di dati mai compilato per i sistemi stellari binari nella nostra galassia., cioè coppie di stelle (o stelle e buchi neri) che orbitano l’una intorno all’altra. “Questo è qualcosa che è molto interessante per la comunità astronomica perché le stelle binarie, ad esempio, sono l’unico modo per misurare direttamente la massa delle stelle”, ha affermato Anthony Brown, astronomo dell’Università di Leiden nei Paesi Bassi.

Il nome Gaia era originariamente derivato come abbreviazione di Interferometro astrofisico internazionale. Ciò rispecchia la tecnologia dell’interferometria ottica originariamente prevista per l’uso sul veicolo spaziale. Nonostante il modus operandi si sia evoluto nel corso degli studi e l’acronimo non sia più applicabile, Il nome Gaia è stato mantenuto per dare continuità al progetto. Il costo totale della missione è di circa 1 miliardo di dollari, Comprese le operazioni di produzione, lancio e terra, per una missione che richiederà 15 anni per essere completata. Sebbene i loro rilevatori non si degradino rapidamente come inizialmente previsto, l’attività può essere estesa.

Continuare a leggere:

Gli astronomi hanno scoperto una delle strutture più grandi mai viste nella Via Lattea
Scopri un campo magnetico interstellare pronto per la formazione stellare
Il “sole artificiale” cinese fa funzionare il plasma stabile per più di 17 minuti