Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali paesi hanno gli aumenti di prezzo più elevati?

Negli Stati Uniti, l’inflazione è balzata dal 6,2% annuo di ottobre al 6,8% di novembre, il tasso più alto dal giugno 1982 e superiore al tasso complessivo dell’organizzazione; Mentre nell’area dell’euro è passato dal 4,1% al 4,9%. Il prezzo dell’energia è stato il principale motore dell’aumento del costo della vita, con un aumento anno su anno del 27,7% a novembre, seguito dal cibo che ha registrato un aumento del 5,5%.

In entrambi i casi si registra un’accelerazione rispetto all’indice di ottobre quando energia e cibo crescono rispettivamente del 24,3% e del 4,6%. L’incremento annuo dell’energia è stato del 33,3% negli Stati Uniti, del 30,9% in Italia, del 26,4% in Canada e del 25,3% nel Regno Unito.

I prezzi di questa merce, ad esempio, hanno contribuito all’inflazione dell’1,2% al 4,6% nel Regno Unito e del 2,6% dal 3,7% in Italia. Il peso di entrambi i prodotti è tale che se entrambi venissero rimossi, la cosiddetta inflazione “core” sarebbe solo del 3,8%; Un numero che rappresenta, però, un aumento rispetto al 3,5% di ottobre.

I prezzi non alimentari ed energetici hanno colpito principalmente gli Stati Uniti (4,3%), il Regno Unito (3,3%) e la Germania (2,7%). L’inflazione ha accelerato in tutti i paesi del G7 ad eccezione del Canada: la Germania ha registrato il 5,2% (dal 4,5% di ottobre), il Regno Unito il 4,6% (contro il 3,8%), l’Italia il 3,7% (contro il 3%), la Francia il 2,8% (dal 2,6%) e Giappone 0,6% (da 0,1%).

Nel frattempo, nel G20, secondo il rapporto, l’inflazione media è salita dal 5,3% di ottobre al 5,9% di novembre, con “incrementi significativi” in Cina (2,3%), Sud Africa (5,5%) e Russia (8,4%). India (4,8%) e Arabia Saudita (1,1%); “Stabilità” in Brasile (10,7%) e Indonesia (1,7%) e “in leggero calo” in Argentina (dal 52,1% di ottobre al 51,2% di novembre). Tra i membri dell’OCSE, i tassi più alti sono stati in Turchia (21,3% all’anno) e Lituania (9,2%), mentre Giappone (0,6%), Svizzera (1,5%) e Israele (1,5%) sono i paesi con il tasso più basso ipertrofia; .

READ  La Spagna ha ricevuto solo 5,4 milioni di turisti a giugno, un aumento del 14% rispetto al 2019

L’aumento dell’energia ha colpito in particolare la Norvegia (84,3% annuo), i Paesi Bassi (46,7%) e il Belgio (46,4%); Mentre i cibi della Turchia (27,1%) e della Colombia (15,3%). Per quanto riguarda i dati di dicembre, secondo i dati preliminari, l’inflazione nell’eurozona è salita moderatamente al 5%, possibile segnale di stabilizzazione. Mentre l’indice statunitense sarà pubblicato domani, e secondo Bloomberg, potrebbe raggiungere il 7%, un record in quattro decenni.