Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quali aree del cervello possono essere danneggiate dall’ipertensione e in che modo influisce sul declino cognitivo

Quali aree del cervello possono essere danneggiate dall’ipertensione e in che modo influisce sul declino cognitivo

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, “Attualmente, più di 55 milioni di persone soffrono di demenza in tutto il mondo.” / Christine Danilov, MIT

secondo Organizzazione mondiale della sanità (OMS)Si stima che nel mondo ci siano 1,28 miliardi di adulti di età compresa tra i 30 e i 79 anni. Ipertensione“, poiché il 46% di loro è” ignaro di soffrire di questa condizione “. La condizione è considerata “una delle principali cause di morte prematura” in tutto il pianeta. Ora, un team internazionale di ricercatori ha determinato, per la prima volta , quali regioni specifiche del cervello danneggiato prima ipertensione E come può contribuire questo aspetto declino cognitivo e sviluppo demenza.

Gli esperti hanno sottolineato, attraverso una dichiarazione, che “è noto che l’ipertensione arteriosa causa demenza e danneggia le funzioni cerebrali”, anche se i meccanismi devono ancora essere svelati. Tuttavia, in questo studio pubblicato in Giornale europeo del cuoreSono stati in grado di individuare queste regioni e come si verificano questi eventi, grazie alla raccolta di “risonanza magnetica (MRI) scansioni del cervello, analisi genetiche e dati osservativi di migliaia di pazienti”. Inoltre, per verificare questi risultati, hanno valutato questi dati in pazienti in Italia con diagnosi di ipertensione.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che “la pressione alta viene diagnosticata e trattata in meno della metà degli adulti che la presentano (solo il 42%) e solo un adulto su cinque con la pressione alta (21%) ha il problema sotto controllo”. Mentre i massimi esperti, per iscrittoche “l’ipertensione è comune, si verifica nel 30% delle persone in tutto il mondo, con un ulteriore 30% che mostra le prime fasi della malattia”.

Descrizione: la ricostruzione 3D mostra come l'ipertensione sistolica ha colpito le principali regioni della sostanza bianca del cervello.  Il colore rosso mostra le zone maggiormente colpite dall'ipertensione, mentre anche le zone gialle ne sono colpite ma in misura minore.  Lo studio ha mostrato che l'alta pressione arteriosa sistolica provoca danni alla sostanza bianca e alle sue connessioni con altre parti del cervello e questo è collegato a peggiori funzioni cognitive nelle persone analizzate/Credit: Courtesy of Dr.Lorenzo Carnevale, IRCCS INM Neuromed, Pozzilli , Italia/medicalxpress
Descrizione: la ricostruzione 3D mostra come l’ipertensione sistolica ha colpito le principali regioni della sostanza bianca del cervello. Il colore rosso mostra le zone maggiormente colpite dall’ipertensione, mentre anche le zone gialle ne sono colpite ma in misura minore. Lo studio ha mostrato che l’alta pressione arteriosa sistolica provoca danni alla sostanza bianca e alle sue connessioni con altre parti del cervello e questo è collegato a peggiori funzioni cognitive nelle persone analizzate/Credit: Courtesy of Dr.Lorenzo Carnevale, IRCCS INM Neuromed, Pozzilli , Italia/medicalxpress

Tomás Guzikricercatore principale e professore di medicina cardiovascolare presso l’Università di Edimburgo (Regno Unito) e la Scuola di medicina dell’Università Jagellonica di Cracovia (Polonia), ha spiegato: “Utilizzando questa combinazione di imaging, genetica e attraverso l’osservazione, abbiamo identificato le parti del cervello che sono affetti da ipertensione, comprese le aree chiamate putamen (LOR: una struttura nel cervello che svolge un ruolo chiave nel movimento degli arti) e alcune aree della sostanza bianca.

READ  L’Italia impone ai genitori per legge di vaccinare i propri figli

In questo senso, ha sottolineato, “queste aree potrebbero essere quelle in cui l’ipertensione influisce sulla funzione cognitiva, come perdita di memoria, capacità di pensiero e demenza”. “Abbiamo convalidato i nostri risultati studiando una coorte di pazienti in Italia con ipertensione.E abbiamo scoperto che le parti del cervello che abbiamo identificato erano effettivamente colpite”.

Ed è che gli studi lo hanno dimostrato, secondo gli esperti L’ipertensione influisce sulla funzione cerebrale e può causare cambiamenti a lungo termine. Questi cambiamenti, che si trovano in “nove parti del cervello”, sono stati associati all’ipertensione e a Peggiore funzione cognitivaLo descrivono dicendo: “Questo include il putamen, una struttura circolare alla base della parte frontale del cervello, che è responsabile della regolazione del movimento e dell’influenza di diversi tipi di apprendimento”.

"Ipertensione pari o superiore a 140/90 mm Hg"afferma l'Organizzazione panamericana della sanità / (foto: Better with Health)
“Pressione alta pari o superiore a 140/90 mm Hg”, afferma PAHO/(Foto: Better With Health)

Mentre “altre aree interessate sono la radiazione talamica anteriore, la corona radiante anteriore e il braccio anteriore della capsula interna, aree di materia bianca che si collegano e consentono la segnalazione tra le diverse parti del cervello”, hanno avvertito. Come spiegano, “le radiazioni dal talamo anteriore sono coinvolte nelle funzioni esecutive, come la pianificazione di attività quotidiane semplici e complesse, mentre le altre due regioni sono coinvolte nel processo decisionale e nella gestione delle emozioni”.

“I cambiamenti in queste regioni includevano diminuzioni del volume del cervello e della quantità di superficie nella corteccia cerebrale, cambiamenti nelle connessioni tra le diverse parti del cervello e cambiamenti nelle misure dell’attività cerebrale”, hanno detto i ricercatori.

Commentando questa scoperta, Mateusz Sedlinski, primo autore dello studio, professore associato e ricercatore associato presso la Scuola di Medicina dell’Università Jagellonica, ha dichiarato: “Il nostro studio ha identificato, per la prima volta, siti specifici nel cervello che potrebbero essere causali associata a ipertensione e declino cognitivo.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, "La demenza è attualmente la settima causa di morte e una delle principali cause di disabilità e dipendenza tra le persone anziane in tutto il mondo / Credito: CSIC
Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, “la demenza è attualmente la settima causa di morte e una delle principali cause di disabilità e dipendenza tra le persone anziane in tutto il mondo / Credito: CSIC

“È noto da tempo che la pressione alta è un fattore di rischio per il declino cognitivo, ma non è ancora chiaro come la pressione alta causi danni al cervello. Questo studio mostra che alcune aree del cervello sono particolarmente a rischio di danni da pressione sanguigna.” Può aiutare a identificare le persone a rischio di declino cognitivo nelle prime fasi e potenzialmente indirizzare i trattamenti in modo più efficace in futurodisse il maestro Giovanna WardlowCoautore dello studio e Cattedra di Scienze di Neuroimaging presso l’Università di Edimburgo.

READ  I molteplici crateri del vulcano La Palma erano collegati "a profondità basse", suggerisce lo studio.

Nel frattempo, Jozik ha aggiunto: “Speriamo che i nostri risultati ci aiutino a sviluppare nuovi modi per trattare il declino cognitivo nelle persone con ipertensione. Studiare i geni e le proteine ​​in queste strutture cerebrali può aiutarci a capire come l’ipertensione colpisce il cervello e causa problemi cognitivi”.

Inoltre, osservando queste aree specifiche del cervello, Possiamo prevedere chi svilupperà più velocemente la perdita di memoria e la demenza Sullo sfondo della pressione alta. Questo può aiutare la medicina di precisione così possiamo Dirigere trattamenti più intensivi per prevenire lo sviluppo di deterioramento cognitivo nei pazienti a più alto rischio– ha rassicurato la persona che ha guidato il lavoro.

"Almeno il 30% della popolazione nelle Americhe soffre di ipertensione e in alcuni paesi questa cifra raggiunge il 48%."avverte l'Organizzazione Panamericana della Sanità / (Getty Images)
L’Organizzazione panamericana della sanità / (Getty Images) avverte che “almeno il 30% della popolazione nelle Americhe ha la pressione alta, e in alcuni paesi questa cifra raggiunge il 48%”.

Questa ricerca è stata “cofinanziata dall’European Research Council, dalla British Heart Foundation e dal Ministero della Salute italiano”, hanno affermato gli esperti in una nota, e hanno confermato che il professor Guzik e il team internazionale di ricercatori hanno utilizzato i dati delle scansioni MRI. Dai cervelli di oltre 30.000 partecipanti allo studio della biobanca del Regno Unito, informazioni genetiche da studi di associazione sull’intero genoma (GWAS) della biobanca del Regno Unito e di altri due gruppi internazionali (COGENT e la Federazione internazionale dell’ipertensione arteriosa) e una tecnica chiamata mendeliana randomizzazione.

“La randomizzazione mendeliana è un modo per utilizzare le informazioni genetiche per capire come una cosa influisce su un’altra”, ha detto Guzik. Questo metodo, ha spiegato, “verifica se è probabile che qualcosa causi un particolare effetto, o se l’effetto è solo una coincidenza” e funziona “utilizzando le informazioni genetiche di una persona per vedere se esiste una relazione tra i geni che predispongono all’ipertensione pressioni e risultati”.

READ  BTI Vittorian Institute, pioniere della ricerca biomedica prima di Pharmamar e Janssen

“Se c’è una relazione, è più probabile che la pressione alta sia la causa del ritrovamento. Questo perché i geni vengono trasmessi in modo casuale dai genitori, quindi non sono influenzati da altri fattori che potrebbero confondere i risultati. In Il nostro studio, se un gene che causa l’ipertensione è stato anche collegato con alcune strutture e funzioni cerebrali, suggerisce che l’ipertensione potrebbe effettivamente causare disfunzioni cerebrali lì.

Coinvolto nello studio anche il dottor Ernesto Schiffrin, di Sir Mortimer B. Ha affermato che “Sono necessari ulteriori studi meccanicistici sugli effetti della PA [presión arterial] nella funzione cognitiva per identificare precisi percorsi causali e le relative regioni cerebrali”.

Continuare a leggere:

Rumore del traffico, che è il minor fattore di rischio per le malattie cardiovascolari
L’ipertensione arteriosa è responsabile dell’88% degli ictus in Argentina
L’ipertensione non è solo un problema per gli adulti, quindi come influisce sugli adolescenti?