Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qual è la costante di Hubble e qual è la sua relazione con l’universo?

Qual è la costante di Hubble e qual è la sua relazione con l’universo?

Dal Big Bang l’universo è in continua espansione. Come fai a saperlo?
Ha vinto Laura Ha vinto Laura Meteorite cilena 5 minuti

Per conoscere il tasso di espansione dell’universo, uno scienziato deve… Edwin Hubble Calcolo fisso delle sue misurazioni delle stelle Nel 1929. Da questo numero – numero fondamentale in cosmologia – si possono dedurre anche l’età e le dimensioni dell’universo.

In effetti, la scoperta di Hubble ha permesso questo Prevedere la velocità con cui un corpo astronomico si allontanerà dalla TerraSapeva già che era lontano da lei. Il valore della costante di Hubble è da decenni argomento di dibattito tra gli astrofisici che cercano di conoscerlo con precisione. Ancora Non è stato raggiunto alcun consenso Ciò consente di determinare l’esatta velocità di partenza delle stelle e delle galassie.

Come è stata scoperta la costante di Hubble?

Quasi un secolo fa, Hubble scoprì che quanto più una galassia è lontana, tanto maggiore è il suo spostamento verso il rosso. Così formulò la legge universale della velocità e della distanza. Secondo questa legge, conosciuta come legge di Hubble, Più una galassia è lontana, più velocemente si allontanaCommentano nell’enciclopedia Britannica.

Prima di questo evento, gli scienziati stavano già teorizzando l’espansione dell’universo. Ma Hubble lo ha dimostrato attraverso le sue osservazioni.

Nella sua scoperta, ha scoperto l’esistenza di galassie che, in base al loro spostamento verso il rosso, sembrano allontanarsi da noi a velocità superiori a quella della luce. Ma è possibile? La legge della relatività generale di Einstein verrebbe infranta in questo modo. In realtà quello che sta succedendo è un’altra cosa: Viene creato lo spazio intergalattico, Ciò significa proprio questo L’universo si sta espandendo.

READ  Come utilizzare un vecchio telefono cellulare o tablet come un piccolo schermo

Oltre a sapere che è in espansione, conosciamo la sua età

Per capire meglio immaginiamo a Un’onda elettromagnetica proveniente da una galassia molto, molto lontana Che viaggia verso la Terra. Quando ti muovi attraverso il nuovo spazio creato, dovrai occupare questo spazio in questo modo La sua lunghezza d’onda aumenterà, virandolo quindi verso il rosso. Poiché la galassia è più lontana, l’onda deve viaggiare verso un’area più ampia in modo da diventare più allungata e virare maggiormente verso il rosso. Questo è noto come Spostamento verso il rosso cosmico.

Pertanto, Hubble è stato in grado di formulare un’equazione che calcolava l’espansione dell’universo, che gli ha permesso di dettagliare quanto tempo impiegavano le onde provenienti dalle galassie per raggiungerci.

Ma puoi anche scoprirlo Età dell’universo Attraverso la stessa costante. Come? Con la stessa equazione che determina A Una relazione proporzionale tra le distanze tra le galassie e la velocità con cui si allontanano, può essere calcolato. Il tempo in questa equazione dovrebbe essere l’età dell’universo: a seconda del valore della costante, sarebbe di 14 miliardi di anni, che è molto vicino all’ultima età calcolata. 13,8 miliardi di anni.

La risposta sta nell’energia oscura

Lo spazio – o il vuoto – tra le galassie Alimentato dall’energia oscuraQuesto è qualcosa a cui Einstein pensava nella sua teoria della relatività. È un’attrazione disgustosa: l’energia oscura L’effetto opposto della gravità è pronunciatoChe si indebolisce nello spazio intergalattico, come spiega il professor Adam Ries, premio Nobel per la fisica, nel seguente video della NASA. L’energia oscura è responsabile L’espansione dell’universo è diventata più veloce.

READ  Come personalizzare il tuo WhatsApp utilizzando la modalità MSN Messenger, la chat più popolare del 20° secolo
ID video YouTube=G03N5_13Os0

Per misurare la costante di Hubble, gli astronomi usano… Sono stati acquisiti dati sullo spazio profondo Dai telescopi spaziali Hubble E James Webb, quest’ultimo è stato rilasciato quasi due anni fa. Il suo scopo è calcolare questa costante con una precisione dell’1%.