Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Premio Nobel per la medicina: chi è Catalin Carrico, la storia del suo miglioramento e perché si ricordava di sua madre?

Premio Nobel per la medicina: chi è Catalin Carrico, la storia del suo miglioramento e perché si ricordava di sua madre?

Storia dell’opera di Catalin Carrico, oggi premio Nobel per la medicina insieme all’americano Drew Wiseman Perché ha lavorato in Vaccini noti come mRNA (RNA messaggero, la molecola che trasmette informazioni dal DNA e produce proteine), è una di quelle che possono essere raccontate come una storia Superare le barriere.

Karekó è nato nel 1955 a Szolnok, nell’Ungheria centrale, durante il regime comunista. È cresciuto a Keswichalas, una città senza elettricità, dove suo padre era un macellaio e sua madre era una bibliotecaria.

Appassionata di scienza, ha iniziato la sua carriera all’età di 23 anni presso il Centro di ricerca biologica dell’Università di Szeged, dove ha conseguito il dottorato di ricerca. Già a quel tempo cominciò ad interessarsi all’acido ribonucleico messaggero (RNA), ma i laboratori ungheresi non avevano i mezzi. All’età di 30 anni, quando i suoi datori di lavoro la licenziarono e videro che non poteva continuare il suo lavoro in Europa, si recò negli Stati Uniti con il marito e la figlia di due anni.

Catalin Carrico, dopo aver ricevuto il Premio Principessa delle Asturie, 2021Manu Fernandez-A.B

Lì ottenne una posizione alla Temple University di Filadelfia. Da quando il blocco sovietico ha vietato il deflusso di valuta, Carrico ha venduto l’auto di famiglia e ha nascosto i soldi nella figlia di 2 anni, l’orsacchiotto di Susan Francia.. Il sogno americano può finalmente iniziare. Ma ancora una volta, nulla è andato come previsto. Alla fine degli anni ’80, la comunità scientifica era affascinata dal DNA, che credeva potesse curare malattie come il cancro. L’RNA ha suscitato aspre critiche perché, provocando gravi reazioni infiammatorie, è stato considerato estraneo al sistema immunitario.

READ  La diagnosi di Julian Witch nel bel mezzo della sua salute difficile

Così, dopo aver lasciato l’Ungheria comunista negli anni ’80, questa biochimica è attualmente installata alla Penn State Hanno dovuto lottare per decenni affinché l’importanza del loro lavoro fosse riconosciuta e… Ha dovuto confrontarsi con la mascolinità sul posto di lavoro.

Fino al 1997, Il miracolo è avvenuto davanti alla telecamera, quando ha incontrato per caso l’immunologo Drew Wiseman. Chi stava lavorando a un vaccino contro l’AIDS. Quell’episodio cambiò il suo destino. Grazie a questa collaborazione entrambi sono riusciti a impedire al sistema immunitario di respingere l’RNA sintetico.

La biochimica ungherese lasciò il suo paese per gli Stati Uniti negli anni ’80Zoltan Balogh-MTI

La sua scoperta è stata pubblicata nel 2005 e ha ottenuto il riconoscimento del mondo scientifico. Tuttavia, negli anni precedenti la pandemia, non era riuscito a ottenere finanziamenti sufficienti per le sue ricerche e la sua posizione universitaria era fragile.

Quindici anni dopo, i laboratori BioNTech/Pfizer e Moderna hanno prodotto vaccini COVID-19 basati sullo stesso metodo. Fino al 2022, Carrico è stata vicepresidente di BioNTech, la società che ha collaborato con Pfizer per espandere la vaccinazione, dove ora lavora come consulente.

L’orsacchiotto la segue ovunque e sua figlia, Susan Francia, ha compiuto degli affascinanti studi scientifici.

Questa mattina, dopo aver saputo del premio, Carrico, oggi 68enne, ricorda la madre che “ha sempre creduto in lei nonostante le delusioni”. La biochimica ungherese ha detto alla Radio SR svedese che in un primo momento non credeva che la notizia fosse vera e che ha risposto ridendo all’annuncio del Premio Nobel da parte della giuria dell’Istituto Karolinska. Sopraffatta dall’emozione, finì per gridare: “Penso… penso che sia incredibile!”

READ  I prodotti senza fumo Philip Morris raggiungeranno 71 mercati nel 2021

La prima cosa a cui pensò fu sua madre. “Stava ascoltando [los anuncios del comité] Quando non ero ancora insegnante, dieci anni fa. Mi ha detto che forse un giorno diranno il tuo nome e io ascolterò quando faranno quell’annuncio.

Katalin Carrico e Drew Weissman, premi Nobel per la medicinaJuan Pablo Rico-AFP

“Lo ascoltavo ogni anno. Purtroppo è morto cinque anni fa all’età di 89 anni. Forse ci ascolta dal cielo.”

Da parte sua, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha celebrato oggi l’assegnazione del Premio Nobel per la medicina alla ricercatrice, e le ha lasciato un messaggio a nome suo e di tutto il popolo ungherese: “Siamo orgogliosi”.

Orban ha scritto sul suo account Facebook: “Congratulazioni alla prima donna ungherese a vincere il Premio Nobel”. Con questo premio, l’Ungheria conta ora 15 persone che hanno ricevuto un premio Nobel, anche se l’ultimo premio è stato assegnato quasi vent’anni fa dal chimico Ferenc Herscu, ed è stato riconosciuto nel 2004.

Nazione

Scopri di più sul Progetto Trust