Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Popolazione mondiale: Damien potrebbe avere meno amici di Danica | Affare

Piccole meraviglie

Il tasso di fecondità in Spagna è solo tre decimi superiore al tasso ufficiale della Città del Vaticano: 1,3 figli per donna fertile contro 1. E no, non siamo un’eccezione. Corea del Sud e Hong Kong meno di -0,7 e -0,9, Cina 1,2, Italia e Giappone 1,3 figli per donna in età fertile, Russia 1,5, Brasile 1,6, Stati Uniti 1,7, Messico 1,8, Turchia 1,9 e India 2,0. Infatti, 134 dei paesi inclusi nel censimento della popolazione delle Nazioni Unite hanno tassi inferiori a 2,1 figli per donna fertile, che è ciò che mantiene costante la popolazione. E soprattutto: dei 10 paesi in cui oggi vive il 50% della popolazione mondiale, 9 sono al di sotto di questo tasso di sostituzione. Solo la Nigeria (5,2) registra un tasso garantito di crescita della sua popolazione.

Guardare i dati invece di indovinare può essere molto utile per allontanare l’ansia che ci assale quotidianamente. Ad esempio, la notizia che Siamo già 8000 milioni di persone nel mondoCompreso Damien, il ragazzo dominicano che ha dato il tono melodrammatico alla notiziaCome del resto è successo nel 2011 con Danica, la ragazza filippina da 7.000 milioni.

Se si analizzano i dati, non è necessario presumere che la crescita esplosiva della popolazione mondiale rappresenti una minaccia esistenziale per la nostra civiltà. Possa l’ombra delle carestie, delle guerre per l’accesso alle risorse, della devastazione ambientale e dei flussi migratori incontrollabili incombere sul futuro dei nostri figli e nipoti.

Ci volle più di un secolo per sfuggire alla trappola della popolazione malthusiana. Nel 1800 eravamo un miliardo, e solo dal 1870, quando il progresso tecnologico ha accelerato, è stato possibile spezzare la correlazione negativa tra crescita economica e sovrappopolazione. Intorno al 1920 eravamo già 2.000 milioni, siamo arrivati ​​a 3.000 intorno al 1960 e nel 1975 eravamo 4.000 milioni. Da allora, ogni decennio ha portato un ulteriore miliardo di persone. Anche se il ritmo rallenta, entro la fine del secolo le Nazioni Unite prevedono che saremo più di 10.000 milioni. Il Libro dell’Apocalisse conclude che se non cambiamo il nostro stile di vita – e la fine del capitalismo, tra l’altro – La pressione sul pianeta sarebbe insostenibile.

READ  Il prezzo dell'energia elettrica sale del 28% e paga domani 167,67 euro/megawattora

Ci sono diversi problemi con questa visione. Il motivo principale è che il progresso tecnologico c’è: anche se ne avessimo 10 miliardi in pochi decenni, non c’è certezza che non ci saranno innovazioni tecnologiche e sociali che ci permetteranno di nutrire il pianeta, rimuovere l’anidride carbonica o pulire i nostri oceani . Creiamo incentivi affinché questi siano gli obiettivi prioritari e la nostra adattabilità e scienza genereranno soluzioni che oggi non possiamo immaginare. Se vuoi essere pessimista, la strada più sicura è scommettere su nessuna crescita, eccitazione e pregiudizio.

Intellettualmente, c’è una domanda più interessante: cosa dovremmo fare oggi se pensiamo che nel 2100 invece di 10.000 milioni saremo 7.000 milioni? Anche senza guerre, un’apocalisse climatica o nuove pandemie, non è uno scenario impensabile. In effetti, non devi nemmeno pensare a un futuro molto lontano. Proiezioni sulla popolazione per l’ultima volta Prospettive economiche mondiali Il Fondo Monetario Internazionale stima che nel 2027 55 Paesi vedranno la loro popolazione stabilizzarsi e 16 – tra cui Portogallo, Italia, Grecia, Corea del Sud, Polonia, Russia, Giappone, Cina e Venezuela – diminuiranno in numero assoluto. Max Roser nel suo libro Our World in Data prevede che, secondo certe ipotesi, le morti supereranno le nascite nel 2080 e la popolazione mondiale inizierà a diminuire.

Ci sono molte ragioni per questa potenziale tendenza – per esempio, che stiamo crescendo non perché nascono più bambini ma perché muoiono meno persone – ma la cosa più confortante è che le donne di tutto il mondo hanno accesso alla tecnologia e hanno accesso a diritti, maggiori potere decisionale. L’Inghilterra ha impiegato 95 anni – dal 1815 al 1910 – per ridurre a tre il numero medio di figli in una famiglia, mentre l’Iran ha impiegato 10 anni – dal 1986 al 1996.

READ  La Banca centrale europea condanna che l'80% degli aiuti pubblici non va ai più vulnerabili e questo fa aumentare l'inflazione

Pensare che le donne dei paesi emergenti non si comportino come qualsiasi altra donna al mondo è un’altra forma di razzismo: sono diverse, e non sanno come. Ma lo sanno. Guarda i dati.

E auguro buona fortuna a Damien: probabilmente ha meno amici di Danica.

paese mattutino

Svegliati con l’analisi di oggi di Port Berna Gonzalez

ricevuto

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti