Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Podemos chiede al PSOE di includere la riforma fiscale nei budget 2022 | Economia

Podemos chiederà una riforma fiscale nei negoziati sui bilanci pubblici, che porterà a una proposta di imposta del 15% sulle grandi società, e continuerà a fare pressione sul PSOE affinché rispetti l’accordo del governo, poiché le priorità non sono “di prima classe” come l’abolizione del lavoro riforma, innalzamento del minimo Per Salary Professionals (SMI) e approvazione della nuova legge sugli alloggi con la regolamentazione degli affitti.

Lo ha chiarito in un’intervista ad Europa Press un membro del Consiglio di coordinamento di Podemos (direttore esecutivo del partito), Javier Sánchez Serna, per dire che avrebbero proposto anche al suo compagno di eliminare il “dumping finanziario” a Madrid. , in base alla contabilità generale o in una legge separata.

Anche il Coordinatore regionale di Podemos a Murcia ha segnato un bilancio positivo a metà legislatura, dimostrando che il primo governo di coalizione, nonostante “discussioni e tensioni” quotidiane, ha raggiunto una gestione “solida”, dimostrando che non è solo il bipartitismo a rendere il paese riesce.

Tuttavia, si è allontanata dalla “vittoria” perché ha “volto l’orecchio alla strada” ed è necessario attuare gli impegni concordati per migliorare la vita delle persone, come il miglioramento del reddito minimo di vita, la regolamentazione del prezzo di affitto o l’aumento dell’SMI Il 60% dello stipendio medio del Paese, che è “essenziale” per il recupero con “giustizia sociale”.

Per quanto riguarda le trattative sul bilancio, già aperte tra i partner della coalizione, Sanchez Serna si è tirato indietro rispetto a un “capovolgimento fondamentale” di un governo “progressista” e che se l’obiettivo è rafforzare il “pubblico” e creare “nuovi diritti” diffondendo agenda sociale, “ci deve essere la finanza”.

READ  La Colombia raggiunge due anni di pandemia con sfide eccezionali | Economia

“E questo significa parlare di riforma fiscale”, ha spiegato in dettaglio che avrebbero proposto di implementare l’aumento dell’imposta sulle società al 15%, che è incluso nell’accordo del governo e ha un consenso internazionale positivo dal G-20, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e lo stesso presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Soprattutto in un contesto in cui le grandi aziende, come Ibex, ricevono “molti soldi” dai fondi europei per trasformare l’economia e l'”unico modo” per raggiungere questa “enorme somma” per il pubblico è la riforma fiscale.

riforma fiscale

“Podemos è in questa posizione di buon senso per il tempo ed è così che lo trasmetteremo nei negoziati PGE e penso che il PSOE sarebbe quel buon senso in quel momento”, ha predetto il leader dalla formazione viola, come il L’aliquota del 15% per le grandi aziende è la stessa di un fruttivendolo o di una macelleria.

Interrogato sulla possibilità di rimandare questa riforma al 2023, Sanchez Serna ha affermato che sarebbe stato “troppo tardi” dopo la crisi in cui si sono viste “debolezze del sistema di welfare” e, ad esempio, l’aumento di due punti dell’Irpef contro un reddito superiore a 130.000 intaccherebbe € su circa 100.000 persone, una “minoranza” deve capire che deve contribuire “qualcosa in più” al rafforzamento del pubblico.

Diritto dell’alloggio

Riguardo alla nuova legge sulla casa, United MP Podemos ha chiesto “autocritica” perché il regolamento avrebbe dovuto essere “molto prima”, essendo un “obbligo” per i due partner piuttosto che un “requisito” per la loro formazione, come spesso si dice , per regolamentare i prezzi per evitare aumenti Tagli “arbitrari” degli affitti.

READ  Questo è Imoo, il noto brand tecnologico cinese per bambini che sbarca in Spagna

Dopo aver ricordato che ci sono molte persone che stanno facendo “enormi sforzi” per pagare l’affitto, Sanchez Serna ha sottolineato che sia il PSOE che United We “non possono permettersi di arrivare alle prossime elezioni in violazione” di questo accordo. Si stabilì dicendo: “Vogliamo raggiungere un buon accordo, ma un buon accordo è determinato da ciò che è stato concordato. Abbiamo detto molte volte che ciò che è stato concordato richiede e stabilisce una legge che regoli gli affitti”.

I ricchi di Madrid

Ha sottolineato la necessità di agire contro il dumping fiscale a Madrid, che è un “paradiso fiscale per i ricchi” registrato in questa regione per “evitare” le tasse da altre comunità, e pone un problema “serio” per il Paese.

A suo avviso, la destra è “molto nervosa” quando si parla di “rotture regionali” in Catalogna o nei Paesi Baschi, ma è “meno preoccupante” l’aggravamento della condizione del Paese “dalla secessione dei ricchi”. Pertanto, ha sostenuto che dovrebbe esserci una tassa minima non deducibile per le tasse di successione, donazione e proprietà. In questo modo cercheranno di “convincere” il SWP che si tratta di una “questione da affrontare” nella PGE o in una legge “fuori bilancio”.

società pubblica

Per quanto riguarda il prezzo dell’energia elettrica, ha sottolineato che è “insostenibile” e ha ammesso che, sebbene fossero state prese decisioni importanti, alcune di esse erano dovute alle pressioni di Podemos, come la riduzione temporanea dell’imposta sul valore aggiunto sull’energia elettrica al 10% , dobbiamo essere “onesti”. E la consapevolezza che “non basterà”.

Quindi, “bisogna fare qualcosa” perché il problema principale è il “monopolio oligarchico dell’elettricità”, e sebbene non sia nell’accordo di governo, presenteranno un disegno di legge al Congresso per creare una società elettrica pubblica, che sarà alimentata da centrali idroelettriche in scadenza di concessione per restituirlo allo Stato.

READ  Il Barcellona si allena nella capitale, di Mikel Molina

Per Sanchez Serna non si può sostenere che l’aumento della bolletta sia una questione “di mercato” e richieda la capacità di intervenire attraverso “un attore pubblico, come nel caso dell’Italia, della Francia o della Svezia, che ha un margine maggiore per contrastare queste tendenze al rialzo, come questo operatore pubblico darebbe “trasparenza” e capacità di ridurre i prezzi e, soprattutto, combattere la “povertà energetica”.

Ridurre l’orario di lavoro

Ha inoltre sostenuto la posizione del Ministro e Segretario Generale di Podemos, Ioni Pillara, in merito alla contemplazione di ridurre di due ore la giornata lavorativa giornaliera per favorire la riconciliazione e la corresponsabilità dei padri nella cura dei figli.

Sanchez Serna ha spiegato che la giornata di otto ore risale a 102 anni fa e il dibattito sul risparmio di tempo “a vita” farà progressi, soprattutto con le trasformazioni economiche legate alla robotica, alla digitalizzazione e alla green economy. In questo modo, lo studio della riduzione della giornata lavorativa a sei ore è anche un modo per “affrontare” i bassi tassi di natalità e non può essere sempre una “questione astratta”.