Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Raffaella Carrà, molto più di una bella bionda

Uno di calce e uno di sabbia per l’Italia degli ultimi mesi. Ha vinto due famose competizioni europee, l’Eurovision Song Contest e l’European Football Championship, in pochi mesi, e ha invitato due cantanti che hanno fatto del loro meglio per diffondere la musica italiana nel mondo. Se Franco Battiato è morto a metà maggio, il 5 luglio è morta Raffaella Cara a 78 anni di cancro ai polmoni. Senza dubbio, un’artista versatile – cantante, attrice, conduttrice televisiva, emittente … – la sua personalità poliedrica va ben oltre la bionda chiara nota per l’esecuzione di canzoni piccanti.

Cioè Cara (Bologna, 1943 – Roma 2021) non era la semplice bambola provocatoria apparsa nel suo aspetto più pubblico. Nata Raffaella Maria Roberta Belloni, è stata anche l’immagine sputata di una donna forte e risoluta, femminista e attivista del Partito Comunista Italiano, il Partito Comunista Italiano. Inoltre, Cara ha trionfato in Spagna – come Batiato – ma in questo caso non solo per la sua trascrizione spagnola, ma anche per la sua carriera di presentatrice televisiva, apparendo in programmi come “Ladies and Gentlemen!” e “La hora de Raffaella Carrà” su TVE senza concorrenza negli anni ’70 e ’80, e siamo felici di vedere come un italiano semi-spagnolo abbia assunto la tanto necessaria faccia della maleducazione durante il passaggio dalla dittatura alla democrazia.

Musicalmente, Kara si distingueva per le sue canzoni popolari con testi piccanti tradotti nel mezzo di un’esplosione di musica da discoteca. Inoltre, il suo successo sul palco è stato accresciuto dal suo modo di coreografare, compresi gli scuotimenti della testa del marchio della casa, che si sono aggiunti alla sua coreografia rivoluzionaria con un’importante presenza di ballerini maschi. I suoi successi includono brani come “A far l’amore comincia tu” -Love Everything Begins” in spagnolo- o “Caliente or caliente”- stesso titolo in spagnolo- o “Tanti auguri”, il più famoso di tutti, sì, di il titolo in lingua castigliano: “Per fare bene l’amore devi venire al sud”. Infatti questa canzone, il cui coro diceva in italiano “Com’è bello far l’amore da Trieste in giù”, significa: “Che bella è fare l’amore”. Da Trieste Down” – che comprende tutta la penisola italiana -, è diventato un autentico inno sia della Spagna che dell’America Latina, veicolando un messaggio di supremazia del Sud in materia sessuale.

Kara ha vent’anni

Fiducia sessuale, lo standard LGBTI

E questo aspetto particolare di Kara è la sicurezza sessuale di una persona che canta un amore sfrenato e che è arrivata anche in Spagna in tempo, subito dopo l’arrivo della democrazia, e che ha saputo mantenerla durante i successivi quarant’anni è diventata la portabandiera della libertà individuale, del libero amore e difensore dei diritti di un gruppo collettivo LGBTI, che ha riconosciuto la sua carriera assegnandogli un World Pride nel 2017. E come campioni di canzoni come “Luca” parlano di amore gay; “Donna nell’armadio”, sull’adulterio; o “53 53456” nella masturbazione femminile.
Con più di 200 album, tra cui innumerevoli raccolte, questo interprete è riuscito a diventare lo standard per grandi gruppi che sono al di fuori del “mainstream” e allo stesso tempo riempire una comunità ricca di entusiasmo, divertimento ma bisogno di emozionare la sua vita.

Tuttavia, Cara era molto conservatrice riguardo alla sua vita privata, e nonostante fosse nota per il suo canto libero e selvaggio, le erano note solo due relazioni durature, con il compositore Gianni Boncompagni – l’autore della maggior parte delle sue più grandi canzoni – e il coreografo Sergio Gabbino . Inoltre, Cara non aveva figli anche se era una sostenitrice dell’adozione a distanza, quindi, se si deve giudicare dalla sua eredità, il numero dei suoi figli adottati è di milioni in tutto il mondo oggi. E, soprattutto, la sua musica continuerà, perché in questo momento e sempre, abbiamo sempre bisogno di qualcuno che renda la vita felice. Questo è quello che ha fatto Rafaela.

  • Incontri
  • Raffaella Cara
READ  I 5 migliori film da casinò più veri