Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più riscossione dell’IVA all’acquisto di greggio e prezzi più competitivi durante l’esportazione

La decisione russa di interrompere a tempo indeterminato le forniture di gas all’Europa attraverso il gasdotto Nord Stream 1 ha innescato tutti gli allarmi nel Vecchio Continente, poiché La recessione è data per scontata in paesi come la Germania o l’Italia. Questa incertezza ha fatto scendere l’euro al minimo degli ultimi vent’anni lunedì e ha persino perso il tasso di cambio di $ 0,99. Da gennaio la valuta europea è scesa di circa il 15% nel contesto di una crisi che sta peggiorando con l’avvicinarsi dell’autunno.

La forza della valuta indica fiducia nell’economia e determina anche il potere d’acquisto dei suoi cittadini: La debolezza dell’euro rende più caro tutto ciò che l’Europa e la Spagna acquistano dall’esteroQuindi si dice che importino inflazione. Ciò è particolarmente vero quando l’aumento del costo della vita risponde soprattutto all’aumento delle materie prime in generale e dell’energia in particolare, oltre che degli alimenti.

Il fatto che il crollo della moneta unica avvenga in un momento in cui l’inflazione nell’Eurozona ha raggiunto i livelli più alti dalla sua nascita (ha raggiunto il 9,1% ad agosto) non lascia molto spazio all’ottimismo. L’unica consolazione che puoi dare ad economie come la Spagna è Guadagnare vantaggio competitivo contro l’estero, un effetto che ha distorto il fatto che gran parte delle nostre esportazioni va verso l’eurozona (in particolare Francia, Germania e Italia). Inoltre, i prezzi elevati dei prodotti che importiamo in dollari, come il petrolio, consentono al tesoro pubblico di entrare di più attraverso le tasse.

L’imposta sul valore aggiunto imposta sulle importazioni ha consentito lo scorso anno di incassare 19.941 milioni di euro netti, secondo l’IRS Annual Collection Report (AEAT). Era il 31,5% in più rispetto al 2020, anno in cui i numeri sono stati distorti dalla crisi del coronavirus e dalla quasi totale paralisi dell’economia. Anche se la maggior parte di questa tassa (per la quale sono stati riscossi 72.498 milioni di euro) proveniva da operazioni interne, che hanno contribuito con 52.557 milioni di euro.

READ  Ancora una volta il prezzo dell'energia elettrica supera i 180€/MWh

Con l’inflazione che sale al 10,4% ad agosto, secondo l’andamento pubblicato dalle statistiche, anche quest’anno aumenterà la riscossione dell’IVA da queste operazioni. Infatti, Il gettito fiscale da gennaio a luglio ha già superato i 14016 milioni di euro Sono dello stesso periodo dell’anno precedente. Questo grado ha consentito al governo di Pedro Sanchez di accettare tagli come l’imposta sul valore aggiunto sul gas, che varia dal 21 al 5%.

Raimondo Torresil direttore della situazione di Funcas sottolinea come l’euro debole incida soprattutto in termini di inflazione, “che è il nostro principale nemico perché Indebolisce il potere d’acquisto delle famiglie e dei consumiDice a questo giornale che molte materie prime sono menzionate in dollari, come il petrolio, i principali minerali e metalli, o che lo fanno in altre valute ancorate al dollaro.

Un contesto internazionale molto complesso

Indirettamente, una moneta debole incide sulla posizione della Banca Centrale Europea, che, nonostante l’assenza del tasso di cambio tra i suoi obiettivi (ma la stabilità dei prezzi), tiene conto di questa variabile quando agisce e, di fatto, Aggiunge pressione per aumentare i tassi di interesse ufficiali. La fonte inasprisce la sua politica monetaria e con essa l’economia dell’eurozona perde un altro pilastro che ha sostenuto l’espansione. A livello nazionale, “questo, in definitiva, rende i mutui più costosi e influisce sulla domanda di alloggi”, ricorda Torres.

A suo avviso, il contesto internazionale non potrebbe essere più complesso. Ultimo rapporto da Ufficio di Statistiche sul Lavoro (BLS, per il suo acronimo inglese) ha rivelato che tra aprile e giugno l’economia statunitense si è contratta per il secondo trimestre consecutivo, a un tasso annuo dello 0,9%. Ciò significa che il paese sarebbe entrato ufficialmente in una recessione tecnica. È lo stesso pericolo che corre la Germania, a causa della sua eccessiva dipendenza dal gas russo, e l’Italia, che sta combattendo anche i propri fantasmi interni.

READ  La llamada de los CEO italianos a Putin espone la discordia europea | Opinione

Il Paese transalpino si divide in elezioni anticipate il 25 settembre, in cui la formazione di estrema destra Fratelli d’Italia, guidata da Giorgia Meloni, mantiene un leggero vantaggio nei sondaggi d’opinione sul Partito Democratico (PD ) tramite Enrico Letta. La vittoria della formazione antieuropea potrebbe complicare l’accesso di Roma al meccanismo anti-frammentazione della Banca Centrale Europea e persino ai fondi del Programma Next Generation, creando maggiore incertezza per il resto della regione.

Risparmio, turismo ed energia

In questo contesto anonimo, il direttore della situazione a Funcas segnala diversi elementi positivi nel caso della Spagna: L'”eccesso” accumulato dalle famiglie nell’epidemia viene speso in turismo e viaggi… che hanno un impatto positivo sulla nostra economia e sono fortemente dipendenti da questi settori. Questo effetto può durare fino all’autunno. Per contro, l’andamento delle esportazioni di beni e servizi non turistici mostra risultati molto migliori rispetto alla media europea.

Inoltre, dentro Riconfigurazione delle catene di approvvigionamento globaliLa Spagna potrebbe trarne vantaggio. Infine, c’è la diversità delle nostre fonti energetiche e le misure messe in atto dal governo che, sebbene insufficienti, consentiranno in linea di principio di evitare un’interruzione totale degli approvvigionamenti. “La tempesta perfetta domina, ma sotto lo shock, forse possiamo rendere il colpo un po’ meno difficile per una volta”, dice Raymond Torres.