Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macron seppellisce il gasdotto con la Spagna mentre il governo chiede ‘lealtà’

Il presidente francese crede che Midcat sia inutile ora e in futuro, ma il CEO di Sánchez insiste sul fatto che l’idrogeno verde sia effettivamente indipendente dalla Russia.

José Maria Barista

Il presidente francese Emmanuel Macron ha voluto firmare la cessazione del gasdotto Midcat, l’infrastruttura necessaria per collegare permanentemente la rete del gas spagnola con la rete francese attraverso i Pirenei. Notando che l’installazione avrebbe “conseguenze” per l’ambiente, Macron ha messo in dubbio la sua necessità di superare una crisi energetica in Europa a causa della carenza di gas russo. “Non sono convinto che abbiamo bisogno di più associazioni gassose, le cui conseguenze sono molto importanti, soprattutto per l’ambiente e gli ecosistemi”, ha detto Macron.

Midcat consentirà alla Spagna, così come al Portogallo, di trasportare GNL dagli Stati Uniti o dal Qatar all’Europa centrale, attraverso la Francia. Ma Macron ritiene che i due gasdotti esistenti non funzionino a pieno regime e che la Francia stia “esportando” anche gas in Spagna. Ha aggiunto dopo una videoconferenza con il cancelliere tedesco Olaf Schulz: “Se utilizziamo i nostri gasdotti al 100% e se al momento c’è la necessità di esportare gas in Francia, Germania o altrove, direi di sì, ma non è vero .”

Nello specifico, la scorsa settimana il presidente tedesco ha incontrato il primo ministro, Pedro Sanchez, per assecondare questo gasdotto, essenziale per la Germania per ricevere gas dall’Europa meridionale senza dover fare affidamento sulla Russia. Ore dopo, il ministro dell’Economia francese ha aperto il suo studio.

Spagna, la porta del gas verso l'Europa

Ora, conoscendo la reazione di Macron, fonti del Ministero della Trasformazione Ambientale insistono su un “impegno per una maggiore interdipendenza”. Per l’esecutivo spagnolo si tratta di una questione che “va analizzata con saggezza e lealtà entro il 27”. “Stiamo massimizzando la nostra indipendenza strategica; non possiamo tornare a posizioni di debolezza di fronte al ricatto in corso e futuro di Putin”.

READ  Ha aperto un centro di cure olistiche in Italia e ora sogna di ripetere il suo progetto in Paraguay

La Spagna vuole completare un gasdotto attraverso i Pirenei ma punta sulle fonti di energia rinnovabile. Vale a dire, “considerando i futuri canali per l’idrogeno e i gas rinnovabili che sono già stati contemplati nei piani dell’UE”, riferiscono fonti del dipartimento guidato da Teresa Ribera. Hanno osservato che “l’aspettativa di creare un corridoio per l’idrogeno contribuirà al raggiungimento degli obiettivi a medio e lungo termine, nonché a breve termine per ridurre la dipendenza energetica”.

Ci sono due modi in cui la Spagna può fornire gas: Francia o Italia. Sanchez non ha escluso quest’ultima opzione martedì scorso, se Macron avesse rifiutato il gasdotto esecutivo attraverso i Pirenei dalla Catalogna. I collegamenti con l’Europa sono inferiori al 10%, ha osservato Sanchez, “molto lontani dagli impegni che abbiamo preso”. Ha ringraziato “l’impegno” della Germania per chiarire che se i contatti attuali non fossero “presi al ritmo giusto, sul tavolo ci sarebbe anche il contatto dell’Italia”.