Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Più di 13 anni stanno urlando che i nostri figli non sono combattenti e finalmente l’abbiamo sentito dalla loro bocca’: le madri delle vittime dei falsi positivi di Santos

I “Falsi Positivi”, uno dei capitoli più oscuri del conflitto armato colombiano, coinvolgono circa 1.500 soldati che hanno ingannato i civili fino all’assassinio e hanno fornito risultati migliori ai loro superiori. EFE / Carlos Ortega / Archivio

L’Associazione delle madri dei cosiddetti “falsi positivi” in Colombia (Mavapo) è intervenuta venerdì prima delle dichiarazioni rese dall’ex presidente della Repubblica Juan Manuel Santos davanti alla Commissione verità sulle esecuzioni extragiudiziali mentre era ministro. difesa.

Venerdì pomeriggio, le madri dei giovani uccisi da elementi dell’esercito nazionale e presentati come vittime negli scontri hanno chiesto di incontrare l’ex presidente, che ha ricoperto la carica di comandante in capo tra il 2006 e il 2009, nella presidenza di Alvaro Uribe Velez in modo che potesse guardarli negli occhi.

Non vediamo l’ora di un incontro in cui Juan Man Santos lo vede nei nostri occhi. Più di 13 anni gridano che i nostri figli non sono combattenti. L’abbiamo finalmente sentito dalla sua bocca. Vogliamo riaffermare che ci uniremo al Congresso. Ora la nostra voce è la voce di migliaia di vittime in tutto il paese”, ha affermato l’Associazione delle madri.

Ore prima dell’inizio del processo di contributo di Juan Manuel Santos, Mafabo aveva annunciato al presidente della Commissione per la verità, il sacerdote gesuita Francisco de Roo, che stavano aspettando “un po'” dal presidente durante questo incontro per spiegare cosa fosse successo.

In quella lettera prima del dialogo, gli chiesero di dire la verità e di scusarsi con ciascuna delle madri da cui Uribe e Montoya avevano preso i loro figli. Oggi può davvero cambiare la storia. Dite la verità alla memoria dei nostri figliLe giovani madri hanno sottolineato.

READ  Tragedia e dolore in moto: Alex Harvell muore mentre cercava di battere il record mondiale di salto

“No, non raccoglievano caffè. Lavoravano in modo informale, chiedevano un posto all’università, erano disoccupati. I nostri figli sono stati truffati, torturati e maltrattati da vari leader politici e da parte della società”Lo confermano le mamme Mafabo, riferendosi a una dichiarazione dell’ex presidente Alvaro Uribe.

Da parte sua, Juan Manuel Santos, al termine della sua testimonianza, ha affermato che era stato fatto tutto il “possibile umanamente e legalmente” per fermare le esecuzioni extragiudiziali, che la Camera speciale per la pace (PEC) sta indagando come uno dei reati prioritari in il conflitto armato.

“Provo rimorso e profondo rammarico per quello che è successo durante il mio ufficio. L’ex presidente ha concluso che ne riconosco e mi scuso con tutte le famiglie che sono vittime di questo orrore dal profondo della mia anima.

Autorità giudiziaria speciale per la pace (PEC) ha annunciato che tra il 2002 e il 2008, quando Alvaro Uribe era presidente, sono stati presentati 6.402 risultati falsi positivi, giovani che sono stati indotti all’assassinio con l’inganno da membri dell’esercito e presentati come membri della guerriglia delle FARC che sono stati smobilitati per vantaggi.

Juan Manuel Santos.  (Colbrenca-Alvaro Tavira).
Juan Manuel Santos. (Colbrenca-Alvaro Tavira).

L’ex presidente ha iniziato il suo intervento sottolineando l’importanza per il Paese, soprattutto per le vittime, della verità dei casi di falsi positivi. “La verità, per quanto difficile possa essere, è la base della riconciliazione”, maniglia.

Santos ha chiarito che parlerà apertamente della sua amministrazione come ministro della Difesa. “Voglio condividere con voi la mia verità, come ho visto le cose come le ho vissute, sui problemi che affrontiamo e sulle misure che stiamo adottando nel Dipartimento della Difesa sulle questioni dei diritti umani in generale, e in particolare su come abbiamo raggiunto e fermato quel modo orribile noto come falsa positività”, ha sottolineato.

READ  Gli aeroporti americani hanno raggiunto il maggior numero di passeggeri dall'inizio dell'epidemia

Per l’ex presidente, questa non è una storia di facile comprensione, non solo perché è inconcepibile che gli uomini dell’esercito commettano e tollerino questi casi, ma anche perché si verificano in parallelo due fenomeni contraddittori: “Un miglioramento del numero delle forze grazie alla loro formazione nel campo dei diritti umani e un’inversione di tendenza associata ad alcune unità e ad alcune aree per commettere omicidi ed esecuzioni extragiudiziali”Santos ha spiegato.

L’ex presidente ha detto di condividere la missione di Uribe per porre fine alla guerriglia delle FARC, ma non sono d’accordo su come. “Uribe era il presidente e io sono il suo subordinato”, ha dichiarato. Per Santos, il fatto che Uribe non abbia riconosciuto il conflitto armato ha reso difficile la sua strategia perché significava che le leggi di guerra sulle esplosioni consentite dal diritto umanitario in caso di conflitto armato non potevano essere applicate.

Continuare a leggere