Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il caso che ha sconvolto la Spagna: nota l’autopsia della giovane Olivia Jimeno, la ragazza trovata morta a Tenerife

Le autorità spagnole stanno indagando sul caso di Anna e Olivia sull’isola di Tenerife

Sulla ragazza è stata eseguita l’autopsia Olivia Jimeno rivelò che La causa della morte è stata un edema polmonare acuto (accumulo di liquidi nei polmoni), secondo fonti dell’Alta Corte di Giustizia delle Isole Canarie (TSJC). Il direttore dell’Istituto di Medicina Legale e Scienze Forensi di Santa Cruz de Tenerife, Jesus Vega, ha spiegato che il rapporto preliminare non consente di conoscere le cause che hanno causato questo edema, e ora dobbiamo aspettare i risultati dell’autopsia patologica . Secondo Vega, la morte potrebbe essere stata causata da “morte per asfissia, annegamento, insufficienza cardiaca o avvelenamento”.

L’autopsia della bambina si è conclusa intorno alle 15 di questo venerdì all’Istituto Anatomico Forense e Si attendono ancora i risultati delle analisi tossicologiche, biologiche e istopatologiche.

Lo ha confermato anche l’esame delle impronte digitali effettuato presso l’istituto. Il corpo ritrovato giovedì scorso nelle acque di Tenerife corrisponde alla bambina di sei anni Olivia.

I suoi resti sono stati trovati dal robot di localizzazione subacqueo della nave oceanica.Angeli Alvarino“A una profondità di circa 1.000 metri ea circa tre miglia dalla costa di Tenerife. Trovato all’interno di una borsa da palestra attaccata a un’ancora.

Accanto ad essa è stata ritrovata anche un’altra borsa sportiva, anch’essa carica di un’ancora, Anche se è vuoto.

La salma è stata calata a terra e portata al reparto anatomico forense per il sollevamento. Da allora, Angels Alfareño ha cercato nella zona per cercare di trovare sua sorella, Anna, e suo padre, Thomas Gimeno.

Uno dei primi poster di ricerca
Uno dei primi poster di ricerca

Il caso che ha scioccato la Spagna

READ  Che freschezza! Sciarpa e guanti complici questo mercoledì

Il 27 aprile Thomas Antonio Gimeno, 37 anni, non ha restituito le figlie all’epoca previo accordo con l’ex compagno, dicendogli al telefono che non le avrebbe più riviste, e non ha. terrorizzata e consapevole del suo precedente temperamento frettoloso, Beatrice Zimmerman ha immediatamente sporto denuncia. Fin dal primo minuto, la Guardia Civil ha classificato questa scomparsa come ad alto rischio.

Dopo più di 40 giorni, Le autorità hanno trovato il corpo senza vita di Olivia. Era in fondo al mare in una valigia legata all’ancora della barca di papà per il palazzo”Mostro di Tenerife“.

La nave è stata trovata alla deriva, senza ancora, il giorno dopo la scomparsa. Accanto alla borsa contenente il corpo del bambino di sei anni ce n’era un’altra simile, ma vuota. Si ipotizza che il corpo di Anna possa essere stato presente, anche se questa possibilità non è stata ancora confermata..

Ora, dopo la scoperta, i media spagnoli hanno scoperto qualcosa che né la famiglia del “Mostro di Tenerife” né la giustizia avevano proporzioni reali: Questa idea era nella mente di Gimeno da un anno.

Aveva l’idea che se qualcosa fosse andato storto con la questione dell’affidamento dopo la separazione di Beatrice, li avrebbe separati dalla madre”.Lo afferma il programma di ricerca spagnolo “Al Rojo Vivo”.

gruppo di ricerca di VI Ha ricevuto la testimonianza di un amico del padre di giovani ragazze: Non voleva che lei stesse con le sue figlie. Si parla sempre di violenza indiretta, ma un altro tipo di violenza che Thomas Gimeno ha inflitto anche alla moglie è stata la nomina a suo carico di un investigatore che lo ha seguito per scoprire chi fossero le sue figlie».

Una delle proteste a Tenerife (Reuters/Borja Suarez)
Una delle proteste a Tenerife (Reuters/Borja Suarez)

Sembra che Tomás stia preparando questo terreno da un anno interoEreditato dalla giornalista Pippa Romero.

READ  Lukashenko avanza contro l'opposizione mentre l'UE condanna gli attacchi alle libertà in Bielorussia

Secondo la ricostruzione fornita dai media spagnoli, Quella notte del 27 aprile avrebbe potuto essere il momento in cui la vita di Olivia e Anna si è fermata. Quel giorno, le telecamere di sorveglianza a Puerto Deportivo Marina de Santa Cruz, dove è attraccata la nave Jimeno, hanno catturato immagini del sospetto che trasportava la barca con diverse valigie.

Ha dovuto fare due viaggi per spostare tutto. ho navigato due volte. Come mostrano le registrazioni, era solo senza le ragazze. Quando tornò, quella sera dopo le undici e mezza, non c’era traccia di ciò che aveva portato sulla barca. Si è già sbarazzato dei corpi delle sue figlie? Nel giro di poche ore non si seppe più nulla di lui, era di nuovo in sella.

Il giorno dopo, la sua barca – lunga sei metri e con una cabina – è stata ritrovata nei pressi del porto di Guimard, senza alcuna traccia dell’uomo e delle sue due giovani figlie. Il giorno dopo, quando è stata trovata la barca, la polizia ha detto di aver individuato tracce di sangue sulla barca, ma non ha trovato prove che provenisse dal palazzo. Dubbi (peggiori) cresciuti.

Jimeno ha avuto una storia di essere un uomo impulsivo e violento. Uno dei primi atti di aggressione è stato registrato lo scorso agosto quando ha aggredito il nuovo partner di Zimmermann. Il film parla di un belga di 60 anni accusato dalla “Bestia di Tenerife” di essere “troppo vecchio” per crescere le sue figlie, una situazione che lo fa infuriare. L’uomo è stato identificato come Eric D, ed era anche il suo ex capo. Questa volta li ha sorpresi fuori dalla caffetteria. Ha iniziato a picchiare l’uomo e poi a trascinare via sua moglie. Ma hanno deciso di non sporgere denuncia.

READ  Sclerosi laterale amiotrofica: cos'è questa malattia spaventosa e quali sono gli ultimi sviluppi per combatterla

A dicembre le minacce aumentarono e fu lì che avvertì per la prima volta che non avrebbe mai più rivisto le ragazze.. In quell’occasione ha allertato le autorità, che hanno iniziato a indagare su di lui sulla violenza sulle donne. Ma non erano l’unica storia violenta di Jimeno. Negli ultimi otto anni, secondo il quotidiano ABCL’uomo, di cui non si conosce l’ubicazione, è stato accusato di numerose risse e atti criminali.

Continuare a leggere: