Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I soldati brasiliani hanno chiesto di “inviare messaggi più duri” al regime di Maduro riguardo alla sua avanzata a Essequibo

I soldati brasiliani hanno chiesto di “inviare messaggi più duri” al regime di Maduro riguardo alla sua avanzata a Essequibo

Soldati dell’esercito brasiliano nello stato di Roraima, al confine con Venezuela e Guyana (Reuters/Osley Marcelino)

L’esercito brasiliano propone di intensificare il dialogo diplomatico nei confronti del Venezuela e “Inviare messaggi più duri” al regime di Nicolas Maduro per impedirgli di continuare a rafforzare la sua posizione Disputa territoriale con la Guyana su Essequibo. Fonti consultate dal corrispondente di CNN Brasile Hanno affermato che, sebbene il governo di Lula da Silva sia favorevole al dialogo, deve rafforzare la sua posizione attraverso la diplomazia e la presenza militare come misura deterrente.

Secondo le dichiarazioni raccolte dalla giornalista Josara Soares, l’incontro del consigliere speciale della presidenza del Brasile, Sergio Amorim, con Maduro avrebbe dovuto essere accompagnato da un incontro. Carattere militare. Questo per esprimere implicitamente la serietà del Brasile nell’affrontare qualsiasi escalation delle tensioni tra i paesi vicini Venezuela e Guyana.

Sebbene il canale diplomatico resti una priorità, i funzionari militari ritengono opportuno aumentare l’intensità delle comunicazioni. “La valutazione è questo Il Brasile deve essere più certo che le sue forze armate siano in allerta. Non cercare una soluzione se non attraverso il dialogo diplomatico. Se Maduro vuole che ci siano progressi significativi, è necessario Dimostra che l’esercito brasiliano è prontoSoares ha avvertito nel suo rapporto.

I funzionari hanno anche notato che la recente spedizione di veicoli blindati dal Brasile meridionale allo stato di Roraima, che confina con Venezuela e Guyana, serve da avvertimento ed esempio della preparazione del Brasile ad un possibile conflitto armato. “Tutto ciò ha anche la natura di inviare un messaggio esterno, cioè che il Brasile è pronto a rispondere se necessario”, ha detto Soares.

READ  Il CFK certifica di essere stato declassato ma rappresenta il gioco elettorale del partito al governo, mentre il focus rimane sul FMI

“La valutazione dell’esercito, in questo momento, è che questa strategia del governo di insistere sul dialogo è importante, ma è anche importante”, ha sottolineato. Dobbiamo cominciare a collegare la diplomazia con l’esercito Per inviare messaggi più duri a Nicolas Maduro”.

Gli artisti dei graffiti promuovono la lotta del Venezuela per conquistare Essequibo nella città di Valencia, nello stato di Carabobo (Foto: Europa Press)

D’altra parte, ha detto il presidente del Brasile. Luiz Inácio Lula da SilvaLo ha affermato giovedì al vertice biennale del Mercosur, che segue “Cresce l’ansia” Le tensioni tra Venezuela e Guyana sulla regione di Essequibo si sono rivolte alla CELAC per mediare tra i due paesi.

Non vogliamo guerre o conflitti “Dobbiamo costruire la pace, perché solo con la pace possiamo sviluppare i nostri paesi”, ha affermato Lula all’apertura dell’incontro presidenziale del Mercato Comune del Sud (Mercosur) a Rio de Janeiro. Il presidente brasiliano ha affermato che il Mercosur “non può rimanere ignaro di questa situazione” e che sottoporrà al voto degli altri partner del blocco una risoluzione che sarà inclusa nella dichiarazione finale del vertice.

Il Venezuela è sospeso dal Mercosur dal 2017 a causa del presunto “crollo del sistema democratico”.

Crescono le tensioni tra Venezuela e Guyana per la zona della foresta di Essequibo, un’area di 160.000 chilometri quadrati controllata dalla Guyana, ricca di risorse naturali. Petrolio e mineraliCaracas, che Caracas rivendica da più di un secolo, è stato uno dei primi punti affrontati da Lula nel suo discorso.

Il fiume Essequibo mentre attraversa Korobokari, Guyana (AP Photo/Juan Pablo Arraez)

Lo ha affermato il capo dello Stato brasiliano Il Sud America non vuole che questa “controversia inquini la ripresa del processo di integrazione regionale”. Sono stati promossi da Brasilia o “rappresentano una minaccia per la pace e la stabilità” nei loro paesi. In questo senso, ha raccomandato che la Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC) e l’Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR) siano pienamente utilizzate per affrontare pacificamente questo problema.

READ  L'ex presidente cinese Hu Jintao è stato espulso con la forza dal Congresso che ha rieletto Xi Jinping

Il Brasile ha rafforzato militarmente i suoi confini con il Venezuela e la Guyana negli ultimi giorni in risposta alla campagna del regime di Nicolas Maduro per annettere la regione di Essequibo alla mappa venezuelana.

Dopo lo svolgimento del referendum, Maduro ha lanciato un piano d’azione per la regione, che comprende la concessione di licenze per l’esplorazione e lo sfruttamento del petrolio. Dispiegamento militare nelle città vicine all’area del conflitto.

(Con informazioni da EFE)