Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pionieri: Nadia Zinsenko “donna del clima” che ha saputo aprire la strada tra gli uomini e si è guadagnata il suo posto.

La meteorologa Nadia Zinsenko, in piena azione, durante un programma televisivo pubblico. Immagine: file DEF.

Contadora. Un meteorologo simbolico per la televisione pubblica Dice che quando ha finito il liceo, Voleva fare la ragioniera come suo fratello. “Sono entrata alla Facoltà di Economia dell’UBA, proprio come lui. Ha superato l’esame di ammissione, ma io no. Ero totalmente confusa”, dice. Nadia Zinsenko (73) Diario DEF. Continua: “Mi ha deluso e un giorno è apparso con un annuncio segreto che annunciava che stavano offrendo borse di studio per studiare meteorologia. Mi ha detto: vai e vinci. Studia questo ti piacerà”.

Nadia è nata in Italiae Ma lei ha radici ucraine. Suo padre, Don Vladimiro, fu prigioniero di guerra in Germania durante la seconda guerra mondiale. Sua madre, Maria, riuscì a rifugiarsi in Italia, che in seguito divenne un punto di incontro tra loro. Dopo la nascita di Nadia, nel 1948, la nave Zyncenko sbarcò in Argentina, ma lo fecero separatamente. Nel frattempo, rimasero in contatto con la corrispondenza per un anno. Una volta insieme, si stabilirono a Villa Diamante, Lanus, provincia di Buenos Aires.

Sai perché mi chiamo Nadia? In onore del grande amore che aveva mio padre che non poteva essere a causa della guerra. Ho raccontato a mia madre questo dolore, e quando sono nato ha deciso di chiamarmi con quel nome di donna perché non si cancellasse il ricordo di quell’amore impossibile. La storia di mio padre è una vera storia d’amore. come la mia professionedice Zyncenko nel suo tono chiaro mentre sta per rivedere quasi quattro decenni davanti allo schermo, per riferire sugli eventi meteorologici.

Nadia è nata in Italia, ma è di origini ucraine e un accento inconfondibile che si è distinto da quando ha messo piede per la prima volta in uno studio televisivo negli anni '70. Foto: Fernando Calzada.
Nadia è nata in Italia, ma è di origini ucraine e un accento inconfondibile che si è distinto da quando ha messo piede per la prima volta in uno studio televisivo negli anni ’70. Foto: Fernando Calzada.

Le tue origini nella professione

– Ho iniziato a studiare meteorologia quasi per caso. Ne sei stato subito dipendente o non ti è piaciuto?

-(Lui pensa). Non avevo idea di cosa fosse la meteorologia. Ma mi sono lasciata guidare da quello che mi aveva detto mio fratello e ho messo in pratica i consigli che mi aveva dato mio padre. “Qualunque cosa tu faccia, falla bene”, mi disse. E questo è quello che ho fatto: ho studiato, mi sono laureato e sono andato a lavorare per il National Weather Service. Non sono follemente innamorato del tempo. No. E per farlo bene, come direbbe mio padre, avevo bisogno di aiuto. C’erano molte persone che mi hanno aiutato perché mi è costato così tanto. Bisognava disegnare delle mappe. Oh, quanto è difficile per me disegnare! Ora tutto questo viene fatto dal computer, ma non prima. Ho mappato per così tanto tempo che finalmente ho avuto un’ottima conoscenza di quanto siano distanti le linee isobariche (N. da R.: sono linee immaginarie che indicano aree della stessa pressione atmosferica) e quale sia l’epoca.

READ  La scienza ha confermato che l'asteroide Psiche è più prezioso dell'intera economia della Terra - 09/08/2021

– Hai iniziato facendo una sostituzione nella televisione pubblica e hai finito per condurre il tuo programma. Com’è stato quel tour?

Dal 1969 al 1976 ha lavorato nell’ufficio previsioni. In TV ho compiuto 28 anni. Ho iniziato sostituendo Don Valentin Kumar di tre mesi, che all’epoca era il meteorologo di Channel Seven ed era stato colui che mi veniva a prendere. All’inizio mi è costato. Avevo tanta paura della telecamera. Non è stato facile affrontarlo: mi tremavano le ginocchia ei denti. Quando Valentine è tornato sono dovuto partire, ma con la certezza di poter fare il lavoro. Così ho iniziato a collegarmi a tutti i canali TV e radio. Ho insistito tanto, alla fine ho vinto per stanchezza. Mi hanno chiamato per il casting su Channel 11, e mi sono presentato e sono rimasto. A poco a poco ho perso la paura della macchina fotografica e soprattutto la paura dei miei colleghi. perché Non c’era carenza di persone più esperte che dicevano: “Nadia non è una buona immagine della scienza”.

Ossessione per il clima

Ti hanno discriminato perché sei una donna?

Non perché fosse una donna, ma perché era giovane. Qualunque, Ho lavorato sodo e non ho dormito molto per arrivare dov’ero. Ho passato il mio tempo a studiare. L’aneddoto è che, dopo essere stata molto nervosa e nervosa, stava rivedendo ciò che aveva detto. Una volta, qualcuno molto rispettato da tutti i colleghi ha diffuso la voce che mi era stata data la diagnosi sbagliata. Quando sono arrivato in ufficio, i miei colleghi mi hanno rimproverato. Immagina, volevo morire! “Cosa è successo?” Alla fine, quel ragazzo ha ammesso di non aver sentito molto bene il mio rapporto perché quando ero in onda, si stava facendo una doccia. Ora guarda quanto mi è costato, 35 anni fa, iniziare con questo. Giovane, circondato da esperti e nervoso per la responsabilità che va in onda… ma erano quei nervi che mi costringevano a preoccuparmi di quello che stavo dicendo.

"Ho iniziato sostituendo Don Valentin Kumar di tre mesi, che era il meteorologo di Channel Seven ed è stato colui che mi è venuto a prendere.  All'inizio mi è costato.  Avevo così paura della fotocamera", ammette.  Immagine: file DEF.
“Ho iniziato a sostituire per tre mesi Don Valentin Kumar, che era il meteorologo di Canale 7 ed è stato colui che mi ha preso. All’inizio mi è costato. Avevo molta paura della telecamera”, ammette. Immagine: file DEF.

Da quando ho sollevato il tema della denuncia di responsabilità, ho detto in un’intervista: “Un meteorologo non ha possibilità di fallimento. Ogni giorno metti a rischio il tuo prestigio”. Con così tanti anni di esperienza, hai mai smesso di sentire quella pressione?

-Cominciare. La meteorologia affronta una sfida che altre scienze non affrontano. Vai dal tuo medico, gli dici – per esempio – che ti fa male la testa, e lui ti manda per studi e analisi. Quando arrivano i risultati, è solo lì, ti dà una diagnosi accurata. Ora ti chiedo: quanto tempo ci è voluto? Una o due settimane. Il meteorologo, invece, non ha la capacità di vedere la situazione e dice: “Dammi sei ore e te lo dirò”. Chiedono subito una risposta. E il giorno in cui ha sbagliato, sono usciti per difenderlo. Con il nostro ambiente, non siamo così esigenti come con i meteorologi.

READ  COVID-19 in Europa: perché il numero di casi è in aumento?

Perché siamo ossessionati dal tempo?

– L’ho detto tante volte: il tempo è molto di più che se piove o c’è il sole. Le nostre vite dipendono dal tempo. Se una persona esce di casa molto calda e si scopre che fa caldo, si sentirà a disagio nel portare il cappotto che ha preso così tanto. Ecco perché le persone diventano ossessionate. Succede solo in città. Gli agricoltori conoscono anche le previsioni del tempo. Mio padre ha dovuto imparare in prima persona perché quando è arrivato a Buenos Aires ha piantato le sue patate fuori stagione e si sono congelate.

meteo e display

Negli ultimi anni, molti canali televisivi hanno assunto donne, chiamate “ragazze del tempo”, per fornire le previsioni del tempo. Empowerment o reificazione?

Non mi sembra comune. Penso che sia molto buono e spiegherò perché. immagine televisiva. Se hai una bella foto che ti dà anche una buona informazione: qual è il problema? Non le crederesti perché è giovane e bella? E se fosse lui a dare le informazioni migliori? Una cosa essere meteorologi, un’altra essere meteorologi. Per gli europei è necessario che il presentatore sia un meteorologo. Per gli americani no. perché? Poiché le reti televisive e radiofoniche, oltre a ottenere informazioni dal Servizio meteorologico nazionale degli Stati Uniti, hanno una Squadra di lavoro Dai meteorologi che appartengono al canale. Per loro, la cosa principale è che il presentatore sia credibile e abbia carisma. Se non sei un meteorologo, non importa; Perché dietro di lui c’è una squadra di meteorologi. Questa è un po’ la logica usata qui nel nostro paese.

Divertiamoci in primavera: Nadia dice che questa è la sua stagione preferita e odia il freddo.  Foto: Fernando Calzada.
Divertiamoci in primavera: Nadia dice che questa è la sua stagione preferita e odia il freddo. Foto: Fernando Calzada.

Dall’andare a caccia di tempeste al coprire l’impatto degli uragani, sali? guardare riguardo al tempo?

Ci sono compagnie televisive che hanno questo molto chiaro. Dici “uragano” e questo dà molte valutazioni. Le persone non sanno cosa succederà e aspettano che la TV si accenda. Chiedono: “Quale disgrazia mi aspetta?” In Europa e negli Stati Uniti, quelli che vanno a caccia di tempeste sono i novizi: capo meteorologo (Capo meteorologo) Rimane in studio. Infatti, agli incontri internazionali a cui ho partecipato, molti bambini si sono lamentati: “La mia vita non vale niente”, dicono, perché sono loro, i nuovi, che copriranno la tempesta in mezzo all’uragano. In questo senso amo il lavoro che fa, ad esempio, Jose Bianco, il meteorologo di Canale 13. È un bravissimo professionista.

L’opportunità di avere il tuo programma

– Nel 2012 hai debuttato davanti al tuo spin-off “Nadia 6.30” alla televisione pubblica. L’hai provato come dedica?

Quando la direzione me l’ha suggerito, ho rifiutato due volte, perché era una responsabilità troppo grande. La terza volta che me l’hanno chiesto, non mi hanno lasciato scegliere: “Lo fai o lo fai”, mi hanno detto. Mi è costato molto sforzo, perché mi costringeva ad alzarmi alle tre e mezza del mattino tutti i giorni. Allo stesso tempo, mi ha dato un grande sollievo perché mi ha collegato così tanto con il pubblico e con i miei colleghi all’interno del paese. In effetti, comunico ancora con molti di loro. Mi chiamano dalle province per andare a vivere. Per me è un onore essere chiamato. Preparo, controllo e glielo dico. Lo sapevi che in Groenlandia, quell’isola tra il Nord Atlantico e l’Oceano Artico, cadeva l’acqua invece della neve? Dovrei saperlo perché se me lo chiedi, voglio essere in grado di risponderti bene. Ecco perché mi tengo in contatto con l’Organizzazione meteorologica mondiale, l’Organizzazione internazionale dei fornitori di condizioni meteorologiche, l’Organizzazione meteorologica internazionale… Mi tengo in contatto perché sono appassionato di meteorologia? Non so se ne sono entusiasta, infatti sono in pensione dal 2018, ma lo faccio perché devo. E ti dirò un’altra cosa, molte volte, “Nadia 6.30” era Valutazione Il livello più alto nel canale. Non l’ho mai visto in vita mia Recensioni. È stato un voto di fiducia che mi ha dato, allo stesso tempo, maggiori responsabilità.

READ  Quali sono gli studi medici di base per fare esercizio dopo essere stati dimessi dall'ospedale a causa del Covid

All’inizio del rapporto, mi hai parlato della storia d’amore dei tuoi genitori e antenati ucraini. Hai già visitato Kiev?

-Sì, è stato molto curativo. Conoscere le mie origini: i miei zii e nonni per parte di madre e alcuni altri hanno contribuito alla mia felicità. Quando ho viaggiato in “Ucraina” (N. de la R.: accentua la “i”), come si dice in Ucraina, ero triste per amore. Ma quando ho incontrato i miei zii, i fratelli di mia nonna per parte di madre, e ho sentito le loro storie dove, per esempio, in una battaglia un padre ha perso tre dei suoi sette figli, ho cominciato a chiedermi se avessi il diritto di essere quello che ero . Ricordo che mi portarono nella valle dove avvennero i combattimenti, io ero lì da dove abitavano vicino a un torrente, e l’uomo mi raccontò com’era. La storia era terribile, ma il suo comportamento era positivo e allegro. Non era depresso, non era triste. La forza che queste persone ci hanno messo, senza risentimento, senza odio, dopo quello che era successo, mi ha fatto ricalcolare. Sentivo di non avere il diritto di sentirmi triste. Allora immagina: un amico che non lavorava con me, una relazione che stava finendo. Ora sono felicemente sposato da molti anni.

Continuare a leggere:

Festa della donna, cinque pioniere sotto gli occhi di DEF
Il Canone episodico: una mostra che ricorda gli artisti plastici dell’Ottocento e del Novecento