Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché la scienza non ha trovato un vaccino per l’AIDS, ma per il Covid?

I primi casi di AIDS sono stati descritti nel 1981 e solo nel 1983 il laboratorio di Luc Montagnier ha isolato e identificato il virus che stava seminando il caos, l’HIV. I primi pazienti Covid-19 provenivano da Wuhan, nel dicembre 2019, e in pochi giorni si è appreso che dietro c’era SARS-CoV-2.

L’attuale tecnologia avanzata e la cooperazione scientifica internazionale hanno permesso di conoscere immediatamente “l’identità” di agenti La causa del Covid-19, visto che nel mondo esistono già più di una dozzina di vaccini. Tuttavia, per l’HIV non c’è nulla, né preventivo né curativo. perché? Dove sono le difficoltà e gli ostacoli a un virus i cui primi casi sono comparsi decenni fa?

Sebbene ci siano stati molti progressi, l’unica cosa che funziona oggi contro l’HIV, oltre alla protezione per evitare l’infezione, è il trattamento con Antiretrovirali. “Il nostro sistema immunitario non è ben preparato per controllare l’HIV”, ha spiegato Jose Alcami, capo dell’unità di immunomodulazione presso l’Istituto di salute Carlos III in Spagna.

Leggi anche: Dicembre: Eventi astronomici in avvicinamento al 2021

Nel caso Corona virusLa stragrande maggioranza viene trattata perché il loro sistema immunitario è in grado di riconoscere il virus e dirigere una risposta anticorpale per controllare l’infezione.

I vaccini anti-Covid utilizzano diversi meccanismi per stimolare il nostro sistema immunitario a rispondere in anticipo al virus e produrre gli elementi necessari Linfociti T e B per combatterlo.

Peru frente al VIH no tenemos un modelo a imitar porque el system inmune es incapaz de controlar la infección, señaló el investigador del ISCIII: in other way”.

Meccanismi di fuga dall’HIV

E perché le difese in un caso sanno controllare l’infezione e non in un altro? La risposta sta nei meccanismi di fuga dell’HIV.

READ  Cuba e l'UNESCO confermano la loro disponibilità a rafforzare la cooperazione nel campo della scienza

Questo virus ha una capacità di mutazione maggiore, mille volte superiore alla capacità del coronavirus, e la struttura del suo involucro è diversa. L’equivalente della proteina che SARS-CoV-2 usa per entrare nella cellula (proteina del picco), nell’HIV è una struttura piegata – la glicoproteina gp160 – che si apre solo per entrare nella cellula.

Questo è importante perché gli anticorpi neutralizzanti che bloccano il virus riconoscono la proteina che sembra una mano aperta sul picco di SARS-CoV-2, ma “non la presa” dell’HIV, ha affermato Alcamí, che ha spiegato che un altro problema con il virus dell’AIDS è che la sua busta ricoperta di zuccheri.

Leggi anche: Omicron: i sintomi della nuova variante del COVID-19, secondo il medico che l’ha scoperta in Sudafrica

I polisaccaridi fungono da scudo e gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario, sebbene presenti, non riescono a raggiungere le cellule bersaglio che trasportano il virus.

Inoltre, l’HIV ha la capacità di “nascondersi”, e può infettare una cellula ma restare lontano, senza riprodursi, come in un molo. Questo si chiama stato latenza virale Le cellule in questo caso sono serbatoi. Gli antiretrovirali impediscono al virus di riprodursi ma non possono attaccare la sua forma latente.

Inoltre, al momento della risposta, il virus è anche in grado di dividere la cellula e portare al suo interno ogni nuova cellula adn Il virus è stato estinto ed è un grosso ostacolo al suo trattamento e allo sviluppo di vaccini.

Nel mondo un solo vaccino preventivo è al terzo stadio

preparativi per Johnson & Johnson È l’unico attualmente nella terza – finale – fase di una sperimentazione clinica. La sua ricerca si articola in due rami, lo studio Imbukudu, nelle donne africane, e mosaico, tra uomini e persone transgender in Europa e in America.

READ  Con un messaggio commosso, Alejandro Stossel ha rotto il silenzio dal ricovero in ospedale: ha ricevuto Teni e ha parlato della sua salute

La prima fase, nella seconda fase B, è stata sospesa lo scorso agosto per non aver mostrato una protezione sufficiente. Jansen, una divisione di Johnson & Johnson, ha però deciso di portare avanti il ​​progetto Mosaico, che conta 3.800 volontari in Argentina, Brasile, Italia, Messico, Perù, Polonia, Spagna e Stati Uniti.

Vicente Estrada, capo dell’unità di malattie infettive dell’ospedale clinico San Carlos, in Spagna, sta coordinando la sperimentazione in quel centro e, come dettagliato, lo studio è già iniziato.

I partecipanti riceveranno quattro dosi del vaccino profilattico per confrontare il tasso di nuove diagnosi nel braccio placebo rispetto a quelli vaccinati. I risultati non saranno prima di un anno.

Leggi ancheFumo di legna, un fattore di rischio correlato a oltre il 35% dei casi di cancro ai polmoni in Messico

Estrada sostiene che il processo non è esattamente lo stesso di quello di Imbokodo: il vaccino Mosaico ha un altro determinante dell’antigene. Il genotipo dell’HIV che circola in Africa è leggermente diverso da quello del mondo occidentale; E questa volta i volontari sono maschi (sebbene la modalità di trasmissione sia la stessa, ci sono alcune differenze tra uomini e donne).

“Questi tre fattori suggeriscono che Mosaico può fornire una protezione che Imbukudu non fornisce. In linea di principio, ci sono grandi speranze per l’efficacia del vaccino, anche se purtroppo la filiale africana è stata la prima cattiva notizia”.

Sono in corso altri prototipi di vaccini preventivi. Ad esempio, ISCIII, insieme all’Hospital Clínic de Barcelona (Spagna), sta conducendo un progetto che potrebbe iniziare una sperimentazione di fase 1 del concetto il prossimo anno, con un piccolo numero di pazienti per testare se stimola gli anticorpi.

READ  Oscar Isaac e Jessica Chastain lanciano "I segreti del matrimonio"

Questo candidato, secondo Alkami, ha un “design abbastanza originale”, appartenente a una nuova e terza generazione di vaccini volti solo a stimolare quelle cellule destinate a combattere l’HIV che, sebbene in minoranza, è noto come: “Non basta che il il sistema immunitario reagisce, ma devi dirglielo e insegnargli come.

Inoltre, sono in fase di sperimentazione vaccini terapeutici. Lo scorso marzo, l’Istituto spagnolo di ricerca sull’AIDS IrsiCaixa ha annunciato che il candidato HTI per AELIX Therapeuitcs, ha ottenuto nella prima/seconda fase che il 40% dei partecipanti che hanno ricevuto la preparazione aveva un migliore controllo del virus quando gli antiretrovirali sono stati temporaneamente sospesi.

In combinazione con altri farmaci, può aiutare a contenere il virus senza la necessità di una terapia antiretrovirale permanente.

Alkami ed Estrada concordano sul fatto che, sebbene nessun vaccino abbia avuto successo, ciò che hanno appreso è essenziale per la persistenza.

Il ricercatore ISCIII sottolinea che c’è molta ricerca ed è molto affascinante da un nuovo punto di vista concettuale, “ma è ancora lontano dall’applicazione clinica o da uno studio di fase III”.

Per Estrada, anche se i prototipi non funzionano, è sempre un passo avanti, perché “prima o poi faremo sicuramente il vaccino”.

jgt / lumaca