Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché il presidente Biden ha annunciato il suo avvertimento a Israele riguardo a Rafah?

Perché il presidente Biden ha annunciato il suo avvertimento a Israele riguardo a Rafah?

(CNN) — La decisione del presidente Joe Biden questa settimana di annunciare il suo avvertimento secondo cui un grave attacco israeliano alla città di Rafah avrebbe interrotto le spedizioni di armi statunitensi non è stata né facile né presa alla leggera.

Ciò è avvenuto dopo diversi giri di telefonate con il primo ministro Benjamin Netanyahu, a partire da metà febbraio, esortandolo a riconsiderare i suoi piani di invasione della città densamente popolata nel sud di Gaza che fungeva da canale vitale per gli aiuti umanitari.

I funzionari hanno affermato che ore e ore di incontri virtuali e di persona tra i principali assistenti di Biden per la sicurezza nazionale e le loro controparti israeliane avevano lo scopo di inviare lo stesso messaggio: i consiglieri di Biden hanno chiarito che ci sono altri modi per attaccare Hamas che non implicano l’invasione Israele. La città in cui più di un milione di palestinesi si sono riversati in cerca di sicurezza.

A più livelli, il presidente e la sua squadra hanno avvertito Netanyahu che un’invasione di Rafah su larga scala non sarebbe stata supportata dalle armi americane. Era un messaggio alla Casa Bianca Si ritiene che il governo israeliano abbia capito bene la questioneLo hanno detto giovedì i funzionari della Casa Bianca.

Tuttavia, rendere pubblici questi avvertimenti è stato un passo indietro Biden è stato per un po’ indeciso se cedere. Ciò segnerebbe un punto di svolta e la più grande rottura nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele dall’inizio della guerra a Gaza in seguito agli attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre. Anche sotto la pressione dei progressisti del suo partito affinché adottassero misure per ridurre la sofferenza umana a Gaza, Biden è stato attento a evitare una rottura aperta con Netanyahu.

Tuttavia, alle riunioni del gabinetto di guerra di Netanyahu, la decisione di entrare a Rafah sembrava imminente. L’IDF ha già stabilito una presenza a Rafah e lungo il suo confine, chiudendo due punti di ingresso degli aiuti e avvertendo di un attacco più vasto in arrivo.

Alla fine, hanno detto i funzionari, Biden ha concluso che i suoi avvertimenti non erano stati ascoltati e ha cambiato rotta.

La settimana scorsa, Biden ha firmato una sospensione temporanea dell’invio di 3.500 bombe verso Israele, che i funzionari dell’amministrazione temevano sarebbero state sganciate su Rafah. E mercoledì, seduto al Wisconsin Community College per un’intervista con Erin Burnett della CNN, Biden ha chiarito al mondo ciò che ha detto di aver già chiarito a Netanyahu in privato.

“Se vanno a Rafah, non fornirò loro le armi che sono state usate storicamente per prendersi cura di Rafah, per prendersi cura delle città”, ha detto Biden a Burnett.

Palestinesi ispezionano il sito di un edificio bombardato da Israele a Rafah, Gaza, il 9 maggio 2024. (Credito: Abdullah Abu Al-Khair/APAImages/Shutterstock)

La Casa Bianca afferma che l’avvertimento non è stata una sorpresa

I consiglieri del presidente hanno affermato che la lettera non avrebbe dovuto sorprendere il suo destinatario in Israele.

READ  Joe Biden trova un nuovo partner in Vietnam mentre gli amministratori delegati statunitensi cercano alternative alle fabbriche cinesi

“Posso assicurarvi che la natura diretta e schietta con cui ha espresso se stesso e le sue preoccupazioni in quell’intervista con Erin Burnett è coerente con il modo in cui si è espresso al primo ministro Netanyahu e ai funzionari israeliani”, ha detto giovedì il portavoce del Consiglio. Per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Kirby.

Kirby ha detto che il governo israeliano ha “compreso… da tempo” le implicazioni del grande attacco a Rafah sul futuro delle spedizioni di armi statunitensi.

Che fossero a conoscenza o meno delle opinioni del presidente, i funzionari israeliani hanno reagito con shock all’annuncio pubblico. Netanyahu era provocatorio.

“Se saremo lasciati soli, saremo lasciati soli”, ha dichiarato giovedì, “Ho detto che, se necessario, combatteremo con tutte le nostre forze”. Anche i funzionari israeliani hanno cercato di minimizzare l’annuncio di Biden. Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano, ha affermato che Israele possiede già le armi necessarie per le missioni che prevede.

Oltre alle bombe da 900 chilogrammi, Biden ha detto alla CNN che l’artiglieria potrebbe essere fornita in caso di invasione di Rafah. Sebbene più piccola delle bombe, l’amministrazione Biden considera l’artiglieria un’arma indiscriminata e imprecisa che può causare gravi vittime nelle aree urbane.

Dubbi sulle intenzioni di Israele a Rafah

Israele ha affermato che la sua attuale campagna a Rafah è “limitata”, una descrizione ripresa anche dai funzionari americani. Tuttavia, come ha appreso la CNN, dietro le quinte rimangono dubbi sulle intenzioni di Israele e gli Stati Uniti non hanno ben chiaro come intendono andare avanti.

Nel corso del conflitto, la frustrazione di Biden nei confronti di Netanyahu è cresciuta, anche se il presidente degli Stati Uniti ha pubblicamente affermato che il suo sostegno allo Stato di Israele è incrollabile.

Biden ha chiarito che, indipendentemente dalla direzione che prenderà la guerra tra Israele e Hamas, gli Stati Uniti rimarranno il più forte alleato di Israele finché lui rimarrà presidente. I consulenti hanno affermato che questa convinzione era indipendente dallo sviluppo del rapporto del presidente con Netanyahu.

“Israele non è come Netanyahu”, ha detto alla CNN un consigliere senior di Biden.

READ  Una compagnia aerea ha imbarcato un bambino di 6 anni che viaggiava da solo sul volo sbagliato

Rafah non era l’unica fonte di irritazione nella relazione. Secondo i più stretti consiglieri di Biden, la morte accidentale di sette operatori umanitari della World Central Kitchen in un attacco militare israeliano ad aprile – uno dei quali era cittadino americano – ha messo fine alla pazienza già messa a dura prova del presidente.

Dopo aver appreso la notizia, Biden ha espresso rabbia, secondo i suoi consiglieri. Ha chiarito ai suoi consiglieri che considerava l’uccisione degli operatori umanitari un “fallimento” inaccettabile in alcuni dei modi fondamentali in cui si aspettava che Israele conducesse la sua guerra, e che il momento richiedeva una nuova risposta. La sua squadra ha rapidamente organizzato una telefonata con Netanyahu.

momento della verità

Diverse settimane fa, Biden ha condiviso con i suoi amici a Capitol Hill – nei commenti che ho catturato La telecamera lo stava riprendendo senza che lui apparentemente se ne rendesse conto– Lui e il Primo Ministro probabilmente si stanno dirigendo verso una sorta di spaccatura. Si aspettava che tra i due leader fosse prossimo il “momento della verità”.

Molti consiglieri non hanno negato che la telefonata di Biden con Netanyahu in aprile sia stata, per lo meno, la cosa più vicina a un momento di “connessione” che i due leader avessero vissuto fino ad allora. Nella breve telefonata, Biden ha lanciato un nuovo avvertimento a Netanyahu: se Israele non correggerà la sua rotta, gli Stati Uniti riconsidereranno il modo in cui sostengono il suo alleato nel conflitto.

Questo era il segno più chiaro che, sei mesi dopo l’inizio della guerra, Biden stava cominciando a considerare seriamente di adattare il sostegno americano a Israele. Ma anche allora non si sapeva esattamente quali conseguenze ciò avrebbe potuto comportare o quali misure avrebbe adottato Israele per spingere Biden sull’orlo del baratro.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu appare durante un’intervista con il conduttore di talk show americano noto come Dr. Phil giovedì 9 maggio. (Credito: Dr. Phil/Merritt Street)

Sin dal loro appello, la Casa Bianca ha elogiato Israele per aver adottato misure per aumentare gli aiuti umanitari, inclusa l’apertura di nuovi valichi di frontiera. Tuttavia, Rafah ha continuato a gettare un’ombra sul rapporto, con i funzionari israeliani che insistono sul fatto che Hamas debba essere perseguitato in città, anche se i consiglieri di Biden hanno affermato di non vedere un piano per proteggere i civili lì.

Gli incontri tra le due parti non sono riusciti a raggiungere un consenso su questo tema, secondo persone vicine alla questione. I funzionari della Casa Bianca non erano convinti dei piani di Israele per proteggere i civili e hanno chiarito in dichiarazioni pubbliche che un’invasione della città sarebbe una catastrofe umanitaria.

READ  Era molto arrabbiato in Italia per un voto che l'Argentina avrebbe affidato a Roma ma ha finito per dare agli arabi

“Il presidente e il suo team sono stati chiari per diverse settimane sul fatto che non supportiamo un’importante operazione di terra a Rafah, dove più di un milione di persone vivono senza un posto sicuro dove andare”, ha detto Kirby giovedì. “Il presidente lo ha detto pubblicamente e lo ha comunicato ripetutamente e direttamente al primo ministro Netanyahu”.

Critiche bipartisan dopo l’ultimatum pubblico di Biden

Dopo l’intervista di Biden alla CNN, i funzionari hanno sottolineato che la posizione della Casa Bianca sugli aiuti condizionanti è ipotetica: gli Stati Uniti non ridurranno le attrezzature e le armi fornite al loro alleato di lunga data a meno che non lancino l’invasione di Rafah.

Ma ciò non ha impedito ai critici del presidente di accusarlo di abbandonare Israele, nonostante la sua chiara dichiarazione secondo cui “non prende le distanze dalla sicurezza di Israele”. Attraverso lo spettro repubblicano, dall’ex presidente Donald Trump al senatore dello Utah Mitt Romney, gli oppositori politici di Biden hanno paragonato l’annuncio a un messaggio di abbandono nel mezzo della guerra contro i terroristi.

Anche alcuni democratici hanno espresso critiche. Il senatore della Pennsylvania John Fetterman, convinto sostenitore di Israele, ha affermato di non essere d’accordo con il piano di Biden di bloccare alcune spedizioni di armi a Israele, avvertendo che la mossa “dimostra ad Hamas che sta vincendo la guerra delle pubbliche relazioni”.

“Sono preoccupato e non sono d’accordo con il presidente”, ha detto a Manu Raju della CNN.

Il senatore Jon Tester, R-Mont., ha detto di ritenere che “dovrebbero essere rilasciati” quando gli è stato chiesto della gestione da parte di Biden delle spedizioni di armi. Il presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, Ben Cardin, ha detto che intende parlare con i funzionari dell’amministrazione sui dettagli del suo piano più tardi giovedì.

“Sto cercando di scoprire legalmente cosa stanno facendo e le ragioni per questo”, ha detto. “Quindi, finché non avrò l’opportunità di parlare con il management, rimanderò qualsiasi commento specifico.”

Sebbene la posizione del presidente rappresenti la sua posizione pubblica più dura nei confronti di Israele dall’inizio della guerra, non sembra soddisfare molti membri del suo stesso partito che hanno chiesto la fine del sostegno americano.

“Penso che sia un buon passo avanti. Penso che dobbiamo fare di più”, ha detto alla CNN il senatore Bernie Sanders, un socialista democratico del Vermont, aggiungendo che l’avvertimento di Biden sulle armi “avrebbe dovuto arrivare molto prima”.