Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati sono stati in grado di rigenerare le cellule della pelle delle donne per 30 anni utilizzando la tecnica della pecora Dolly

I ricercatori hanno rigenerato con successo le cellule della pelle di una donna di 53 anni per essere l’equivalente di quelle di una donna di 23 anni.

Gli scienziati, dell’Università di Cambridge nel Regno Unito, ritengono di poter fare lo stesso con altri tessuti del corpo.

L’obiettivo finale è sviluppare trattamenti per malattie legate all’età, come diabete, malattie cardiache e disturbi neurologici.

Questa tecnica si basa sulle tecniche utilizzate per creare la pecora Dolly, la pecora clonata da oltre 25 anni.

Questa cella ingrandita è di una donna di 52 anni. Tuttavia, si comporta come la prigione di una donna di 23 anni.Fatima Santos

Il leader del team, il professor Wolf Rick, del Braham Institute di Cambridge, ha detto alla BBC che sperava che la tecnica potesse essere utilizzata per mantenere le persone in salute più a lungo con l’età.

“Stavamo sognando questo genere di cose. Molte malattie comuni peggiorano con l’età e il pensiero di aiutare le persone in questo modo è molto eccitante”.

Tuttavia, il professor Reich ha sottolineato che il lavoro, pubblicato sulla rivista eLife, era in una fase iniziale.

Ha detto che ci sono molti problemi scientifici che devono essere superati prima che possa lasciare il suo laboratorio ed entrare in clinica. Ma mostrare che le cellule possono rigenerarsi per la prima volta, ha detto, è un passaggio fondamentale.

Segui le orme di Dolly

La pecora Dolly è stata creata per trovare soluzioni all'invecchiamento
La pecora Dolly è stata creata per trovare soluzioni all’invecchiamento

Le origini della tecnologia risalgono agli anni ’90, quando i ricercatori del Roslin Institute, fuori Edimburgo, hanno sviluppato un metodo per convertire una cellula di mammifero adulta prelevata da una pecora in un embrione.

READ  Allies Twist: West per scatenare il più grande accumulo militare nell'Europa orientale, aumentare la pressione su Mosca

Ciò ha portato alla creazione di Dolly, la pecora clonata.

L’obiettivo del team di Roslin non era clonare pecore o esseri umani, ma utilizzare questa tecnologia per creare le cosiddette cellule staminali embrionali umane.

Speravano che potesse essere convertito in tessuti specifici, come muscoli, cartilagine e cellule nervose, per sostituire parti del corpo usurate.

La tecnica di Dolly è stata semplificata nel 2006 dal professor Shinya Yamanaka, allora all’Università di Kyoto.

Il nuovo metodo, chiamato IPS, prevedeva l’aggiunta di sostanze chimiche alle cellule adulte per circa 50 giorni.

Ciò ha portato a cambiamenti genetici che hanno trasformato le cellule adulte in cellule staminali.

In entrambe le tecniche Dolly e IPS, le cellule staminali devono ricrescere nelle cellule e nei tessuti di cui il paziente ha bisogno.

Ciò si è rivelato difficile e, nonostante decenni di sforzi, l’uso delle cellule staminali per curare le malattie è attualmente molto limitato.

nuovo modo

Biblioteca fotografica scientifica

Il team del professor Rick ha utilizzato la tecnologia IPS sulle cellule della pelle del 53enne. Ma hanno ridotto la durata del bagno chimico da 50 giorni a circa 12 giorni.

Il dottor Dilgit Gill è rimasto sorpreso nello scoprire che le cellule non si sono trasformate in cellule staminali embrionali, ma si sono rigenerate per assomigliare a quelle di un 23enne.

“Ricordo il giorno in cui ho ricevuto i risultati e non potevo credere che alcune cellule fossero trent’anni più giovani di quanto avrebbero dovuto essere. È stata una giornata molto eccitante!”

La tecnologia non può essere trasferita immediatamente alla clinica perché il metodo IPS aumenta il rischio di cancro.

READ  4 chiavi per spiegare cosa sta facendo bene l'Ucraina per contenere il potere russo

Ma il professor Rick è fiducioso che ora che è noto che è possibile rigenerare le cellule, il suo team sarà in grado di trovare un metodo alternativo più sicuro.

“L’obiettivo a lungo termine è quello di estendere la salute umana, non la durata della vita, in modo che le persone possano invecchiare in modo sano”, ha affermato.

Usi

Getty Images

Il professor Rick afferma che alcune delle prime applicazioni potrebbero essere lo sviluppo di farmaci per ringiovanire la pelle degli anziani su parti del corpo che sono state tagliate o bruciate, come un modo per accelerare la guarigione.

I ricercatori hanno dimostrato che ciò è possibile in linea di principio, dimostrando che le cellule della loro pelle rigenerate si muovono più rapidamente in esperimenti che imitano una ferita.

Il prossimo passo è vedere se la tecnica funzionerà in altri tessuti come muscoli, fegato e cellule del sangue.

La professoressa Melanie Welham, amministratore delegato del Consiglio di ricerca sulle scienze biologiche e biotecnologiche del Regno Unito, che ha parzialmente finanziato la ricerca che ha portato alla pecora Dolly, ha detto alla BBC che i benefici clinici a lungo in stallo della tecnologia potrebbero non essere troppo lontani.

“Se approcci simili o nuove terapie possono rigenerare le cellule immunitarie, che sappiamo diventare meno sensibili con l’età, in futuro potrebbe essere possibile aumentare la risposta delle persone alla vaccinazione, nonché la loro capacità di combattere le infezioni”.

Alla ricerca della “fontana della giovinezza”

.
.Getty Images

La grande domanda è se gli sforzi di ricerca in quest’area porteranno a un modo per ringiovanire completamente il corpo, un elisir di giovinezza o una pillola antietà.

READ  Juan Guaido ha chiesto garanzie per elezioni libere ed eque il 21 novembre in Venezuela

Il professor Rick ha detto che questa idea non era del tutto fuori portata.

“Questa tecnica è stata applicata a topi geneticamente modificati e ci sono alcuni segni di rigenerazione. Uno studio ha mostrato segni di rigenerazione del pancreas, che è interessante per la sua capacità di combattere il diabete”.

Ma il professor Robin Lovell-Badge del Crick Institute di Londra pensa che gli ostacoli siano grandi.

Né pensa che sia un banale processo di trasferimento del processo di rigenerazione ad altri tipi di tessuto o, appunto, a pillole antietà.

“Se trovi altre sostanze chimiche che fanno la stessa cosa, sarebbe positivo, ma potrebbero essere altrettanto cattive. Quindi, è ambizioso pensare che troverai queste sostanze chimiche facilmente e che saranno molto più sicure”.

“È anche possibile che altri tipi di cellule richiedano condizioni diverse che sono difficili da controllare. E se puoi farlo in modo sicuro su tutto il tuo corpo, c’è ancora molto tempo e penso che sia solo una speculazione”.