Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché il linguaggio inclusivo provoca così tanto rifiuto nei settori conservatori | Intervista a Norma Lotto, giornalista femminista e docente universitaria

“La società è il fattore linguistico”, afferma Norma Lotto, giornalista femminista, docente universitaria e autrice. La lingua non tace. Note sull’inclusione del pacchetto e della lingua, un articolo in cui spiega un argomento che genera uno straordinario rifiuto nei settori conservatori e di destra, è stato appena pubblicato dagli editori Sudestada e Malamadre. In un’intervista con Pagina 12 Parla degli oltraggi che riceve ogni volta che scrive sull’uso della legge e descrive anche il ruolo dell’Accademia reale spagnola e dei suoi interessi economici quando si tratta di gestire la lingua e definirne i limiti. Si ritiene anche che Divieto del linguaggio inclusivo nelle scuole di Buenos Aires “Ha un effetto antieducativo ed espulsivo”.

Lotus ha a lungo tracciato una distinzione tra linguaggio inclusivo e non sessista. Il primo, come lui lo definisce, mira a dare un nome per far luce sulle diverse esistenze che l’umanità possiede; Ad esempio, persone con disabilità, indigeni, donne e dissidenti. Cioè, un linguaggio inclusivo presuppone un campo semantico molto ampio e include molte realtà, conflitti e identità. Da un lato, sottolinea, il linguaggio inclusivo non sessista e non binario è espressione comunicativa, in contrasto con il linguaggio sessista che rende le donne e la diversità invisibili, subordinate, violate e stereotipate. “Personalmente, mi piace chiamarlo il linguaggio della confessione”, dice, “perché le parole spesso implicano un’affermazione di esistenza, di autorealizzazione”.

Racconta di aver iniziato a studiare il linguaggio inclusivo, non sessista quando ha preparato una dissertazione sui discorsi della Rivoluzione francese, racconta, rendendosi conto che lo slogan “uguaglianza, fraternità e libertà” non comprendeva tutti gli uomini e molto altro, era guardando meno le donne. Era anche turbata dalla lotta di alcune donne per essere chiamate cittadine piuttosto che “donne”. Successivamente, lungo questo percorso, ho attinto ai contributi di molte linguiste e linguiste femministe.

È autrice di un libro Una guida per dirlo meglio: contributi per migliorare le narrazioni giornalistiche di casi di violenza contro le donne (SemLac e SemMéxico 2018).

– Qual è stata la cosa più sorprendente della ricerca che si è riflessa in questo articolo?

– Ci sono state molte cose che mi hanno sorpreso, ad esempio: scoprire che il linguaggio inclusivo, non sessista e non binario è inquietante perché sfida lo status quo. A loro volta, i media dominanti, ogni volta che si concentrano su un linguaggio generico, lo fanno da quadri disciplinari insidiosi che favoriscono la disinformazione e la confusione. Ma indubbiamente la sorpresa più grande per me è stata la scoperta che RAE non agisce da sola nella gestione linguistica perché ci sono altre forze che la accompagnano attraverso alleanze istituzionali ed economiche come banche, società di telecomunicazioni e altre.

READ  Papa Francesco con la Los Angeles Nacion: "Che senso ha andare a Kiev se la guerra continua il giorno dopo?"

–cosa intendi?

– Attraverso sostegni finanziari, sponsorizzazioni e alleanze istituzionali. Ad esempio: la Urgent Spanish Foundation (Fundeú) e BBVA sono eterni alleati. Anche Microsoft e Fundeu. (N.de R: Fundeú è il risultato dell’accordo e dell’equa partecipazione alla Costituzione dell’Agencia EFE e del Banco Bilbao Vizcaya Argentaria).

– Perché pensi che ciò che l’Accademia Reale Spagnola dice o non dice sugli usi della lingua pesa ancora sull’Argentina quando era ed è ancora un’entità monarchica, patriarcale e coloniale?

– Questo succede perché creiamo la sensazione sbagliata facendoci credere che ci sia un’accademia che ci insegna a parlare. Infatti si parla come si vuole, la società è il fattore del linguaggio, ma ha un’amministrazione che riesce a dire cosa è vero e cosa non è vero. Questa procura appartiene alla RAE e se queste istruzioni non vengono rispettate sarai licenziato.

D: Quali sono gli interessi economici dietro questa battaglia per una forma di discorso dominante in America Latina?

– I pan-ispanici spiegano correttamente questa battaglia perché è un’ideologia di un linguaggio che è stato sviluppato per preservare gli interessi istituzionali e di mercato. Di solito seguo il sociolinguista ispano-americano José del Valle che racconta come negli anni ’90 RAE abbia posto come obiettivo il radicamento dell’ideologia del nazionalismo ispanico. In quegli anni, le aziende spagnole stabilirono alleanze strategiche con uomini d’affari e politici latinoamericani, e in questo contesto RAE stabilì la missione centrale di costruire un’immagine della lingua spagnola come “l’anello essenziale e inalienabile della comunità panispanica”. José del Valle una volta disse che questa azione della RAE era una missione diplomatica e intendeva espandere il soft power della Spagna.

Il tuo articolo contiene molte perle interessanti, come il linguaggio non sessista in Poema del Mio Cid. Come viene intesa la comparsa delle donne in un testo così simbolico in questo contesto storico?

READ  L'accordo con gli Stati Uniti: i dati meglio custoditi a cui AFIP avrà accesso | Ambito di scambio di informazioni finanziarie

Nel Medioevo, i dittonghi erano usati in alcune lingue. Ma lo hanno fatto non con l’intenzione di includere in modo uniforme, ma perché la parola c’è e non c’erano problemi con l’uso di forme dative. Anche nel momento in cui il Regno di Spagna espulse il popolo ebraico dalle sue terre, si diceva: “Abbiamo deciso di espellere tutti gli ebrei dai nostri regni e di non tornare o tornare da loro o da nessuno di loro”. Nel tempo questa consuetudine si è persa, e ciò che colpisce è che il suo uso in quel periodo storico non è stato confutato, ma quando ora viene suggerito come proposizioni linguistiche egualitarie.

Nel libro accenni ad alcuni dei feedback che hai ricevuto per l’utilizzo di un linguaggio non sessista nella tua vita quotidiana. Cosa cattura maggiormente la tua attenzione?

– Ogni volta che pubblico rubriche riferite all’argomento sui giornali digitali, le reazioni nei commenti sono impietose, mi chiamano “Polo”, “Mamma”. Devo ammettere che spesso mi fanno ridere ma di solito li leggo per capire qual è lo scopo di tutto questo oltraggio. Un commento che ho ricevuto diceva: “Vedremo cosa dice la lingua stessa quando viene parlata”. E ho pensato cosa intende? Forse la lingua è un’autorità di polizia o manderanno un’autorità per zittirmi? È questa la pronuncia della lingua? Ma ciò che ha attirato maggiormente la mia attenzione è che hanno interrogato un media nazionale che ha pubblicato un articolo che ho scritto, e hanno persino chiesto che non mi pubblicassero più e che applicassero la censura.

Come risolvi l’uso di un linguaggio non sessista al momento della scrittura o sulle tue labbra?

– Devo dire che non è spontaneo perché mi sto ancora facendo a pezzi. Nel caso della scrittura, è più facile perché spesso può essere letta e corretta. Tuttavia, nella comunicazione orale quotidiana, è problematico quando si tratta di utilizzare modifiche di uguaglianza perché richiede una notazione più complessa e dispendiosa in termini di tempo. In questo caso, di solito uso il femminile e le espressioni con e, entrambi contemporaneamente. Non uso il maschile. Quando arrivo in un posto dico: Ciao a tutti.

READ  Londra dichiara "caso di incidente grave" a causa dell'aumento dei casi di COVID-19 con la variante Omicron

– Perché pensi che ci sia così tanta ostilità da parte dei settori conservatori nei confronti dell’uso della “e” come marchio ombrello? Di cosa si è effettivamente discusso?

– L’opposizione all’uso della lettera e si basa sul fatto che si tratta di una proposizione che rompe un sistema etico basato sul binario (uomo-donna), mostra che il mondo è diverso e la cosa migliore è che è completamente persona normale che non conosce la grammatica della lingua spagnola che non solo serve come criterio di correzione ma supporta anche il punto di vista biologico.

– Cosa sta succedendo negli altri paesi?

– Ci sono paesi come la Francia che lo hanno impedito. In alcune città brasiliane è vietato anche nei progetti culturali, in Uruguay anche il settore conservatore ne sta attaccando l’uso. Quanto a quanto le persone lo usano per esprimersi, varia da paese a paese. C’è uno studio condotto da Fundeú in collaborazione con BBVA incentrato su Twitter nel 2020 che afferma che in Argentina, Costa Rica, Panama, Paraguay e Perù, x è usato maggiormente come indicatore di genere generale; in Porto Rico e Uruguay, la vocale e; Mentre in tutti gli altri paesi (Bolivia, Cile, Colombia, Cuba, USA, Ecuador, El Salvador, Spagna, Guatemala, Messico, Nicaragua, Repubblica Dominicana e Venezuela) ha vinto @.

D: Pensa che il divieto imposto dal governo di Buenos Aires alle scuole della città abbia avuto o avrà qualche effetto?

La risoluzione 2566/2022 ignora che il linguaggio non sessista e non binario ha almeno quattro caratteristiche che contribuiscono alla pedagogia dell’inclusione: contribuisce alla consapevolezza di tutte le sfumature dell’umanità; fa appello alla creatività retorica; Incoraggia la critica delle ideologie dominanti e mira soprattutto al riconoscimento, perché sebbene l’autocoscienza inizi con ciascuna di esse, si solidifica solo quando l’altro ti riconosce come tale. Solo tenendo presenti questi quattro aspetti si può affermare che il provvedimento interdittivo ha un effetto antieducativo ed espulsivo.