Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché gli editori di notizie sono preoccupati per la ricerca di Google che utilizza l’intelligenza artificiale?

Perché gli editori di notizie sono preoccupati per la ricerca di Google che utilizza l’intelligenza artificiale?

(CNN) — Sembra che l’orologio dell’apocalisse dell’intelligenza artificiale (AI) stia per battere la mezzanotte per gli editori.

Google ha annunciato martedì che integrerà Gemini, il suo potente modello di intelligenza artificiale, nel suo onnipresente motore di ricerca, sfruttando il rapido progresso della tecnologia per rispondere direttamente alle domande degli utenti nella parte superiore delle pagine dei risultati. “Google ti cercherà”, ha spiegato la società. In altre parole, presto gli utenti non dovranno più cliccare sui link che compaiono nei risultati di ricerca per trovare le informazioni che stanno cercando.

A prima vista, questo può sembrare conveniente, ma per gli editori di notizie – molti dei quali stanno già sperimentando un forte calo del traffico – la rinnovata esperienza di ricerca porterà probabilmente a un calo ancora maggiore delle visualizzazioni, che potrebbe privarli di lettori e entrate. Perché perdere tempo facendo clic su un collegamento quando Google ha già scansionato Internet e raccolto informazioni pertinenti utilizzando la sua intelligenza artificiale?

Gemini AI al telefono il 18 marzo 2024 a New York.  Un rinnovato esperimento di ricerca con tale intelligenza artificiale potrebbe portare a un ulteriore calo del pubblico dei media.  (Credito fotografico: Michael M. Santiago/Getty Images)

Gemini AI al telefono il 18 marzo 2024 a New York. Un rinnovato esperimento di ricerca con tale intelligenza artificiale potrebbe portare a un ulteriore calo del pubblico dei media. (Credito fotografico: Michael M. Santiago/Getty Images)

“Google intraprenderà un’azione legale”, hanno detto i dirigenti. Ma gran parte di questo lavoro, ovviamente, si presenta sotto forma di articoli e approfondimenti scritti da persone pubblicati su blog e media su Internet, il tutto supportato da pubblicità.

Il messaggio di Google è stato ascoltato forte e chiaro. Poche ore dopo l’annuncio di Mountain View, l’industria dei giornali ha cominciato a lanciare l’allarme.

“Ciò sarebbe disastroso per il nostro traffico, poiché Google lo commercializza per soddisfare più richieste degli utenti, lasciando meno incentivi a fare clic in modo da poter monetizzare i nostri contenuti”, ha detto senza mezzi termini Danielle Coffey, direttore esecutivo della News/Media Alliance alla CNN.

READ  8 siti storici di Assassin's Creed che vorremmo esplorare

“Il poco traffico che otteniamo oggi sarà ulteriormente ridotto, con un motore di ricerca dominante che lavorerà per consolidare la sua posizione”, ha aggiunto Covey, la cui organizzazione rappresenta più di 2.000 editori di notizie e ha preso una ferma posizione contro l’uso del giornalismo da parte degli sviluppatori di intelligenza artificiale. Potere di mercato, questa volta dovremo giocare alle sue condizioni con un prodotto che compete direttamente con i nostri contenuti, utilizzando i nostri contenuti per alimentarlo, è una svolta dannosa per l'”innovazione”.

L’annuncio di Google, che le redazioni stavano già anticipando e riguardo al quale hanno espresso preoccupazione nei forum pubblici e privati ​​negli ultimi mesi, sta per colpire ancora più duramente un settore che ha subito una serie di colpi brutali – in gran parte per mano delle Big Tech – negli ultimi anni. Inoltre, OpenAI si sta preparando a lanciare il proprio motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale.

Da quando ChatGPT è entrato in scena più di un anno fa, mostrando al pubblico il potenziale potere dell’intelligenza artificiale e dando il via a una corsa agli armamenti con Google, Meta e altri, gli editori sono stati estremamente preoccupati per l’impatto che la tecnologia avrà alla fine sulle loro attività. Ma hanno avuto poco tempo per pianificare le loro risposte a questa tecnologia trasformativa, dato il rapido ritmo con cui si sta sviluppando.

Alcune redazioni hanno scelto di allearsi cautamente con i giganti della tecnologia, stringendo accordi con OpenAI per concedere in licenza i loro profondi archivi di contenuti. Altri hanno adottato una linea completamente diversa, come il New York Times, che ha intentato una causa importante contro il creatore di ChatGPT.

READ  L'arma segreta della prossima trilogia di The Witcher non sta nella storia o nei personaggi, ma nel modo in cui il nuovo motore grafico li aiuta: The Witcher: A New Saga Begins

Sebbene una volta gli editori lavorassero a stretto contatto con le grandi aziende tecnologiche (ricordate quei giorni?), i loro rapporti si sono deteriorati drasticamente negli ultimi anni. Mark Zuckerberg ha pubblicamente voltato le spalle all’industria del giornalismo, minimizzando gli articoli di notizie sulle sue piattaforme e bloccando altre iniziative un tempo sostenute dalla sua azienda. Google ha mantenuto un rapporto migliore con gli editori, ma ha anche dovuto affrontare severe critiche. Ultimamente è stato un argomento disprezzo Dopo che alcuni media californiani sono stati temporaneamente banditi dai risultati di ricerca in risposta a un disegno di legge che imponeva loro di pagare gli editori.

Martedì, Google, probabilmente anticipando il panico che il suo annuncio avrebbe causato, ha affermato che i cambiamenti nell’intelligenza artificiale andrebbero effettivamente a vantaggio delle società di informazione. Google ha dichiarato alla CNN che sta mostrando più collegamenti con la sua funzione AI Overviews e che il miglioramento del prodotto di ricerca consentirà all’azienda di inviare più traffico agli editori web.

“Abbiamo notato che i collegamenti incorporati in AI Overviews ottengono più clic che se la pagina apparisse come un tradizionale elenco web per quella query”, ha affermato Google nel suo annuncio. “Mentre espandiamo questa esperienza, continueremo a concentrarci sull’invio di traffico prezioso a editori e creatori.”

Ma data la storia della Silicon Valley con gli editori, è improbabile che la dichiarazione dia loro molto conforto. Ci sono già dubbi sulle affermazioni di Google.

“La nostra analisi preliminare indica che ridurrà in modo significativo il traffico di ricerca verso i siti dei creatori, il che avrà un impatto diretto sui loro ricavi pubblicitari e, di conseguenza, sui loro mezzi di sussistenza”, ha affermato. È una dichiarazione Mark McCollum è Chief Innovation Officer presso Raptive, che serve migliaia di creatori e aziende unici. “Questo cambiamento potrebbe mettere a repentaglio il futuro di Internet aperta”.

READ  RX 6600 è una scheda grafica progettata per i giochi a 1080p