Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Immondizia su Marte?: L’inquinamento umano ha già preso piede sul Pianeta Rosso

“Il mio team ha visto qualcosa di inaspettato: un pezzo di coperta termica che pensano possa provenire dalla mia fase di discesa, il jet pack a razzo mi ha lasciato il giorno dell’atterraggio nel 2021”, ha scritto la NASA su Twitter.

La verità era inaspettata: durante la ricerca di segni di vita microbica marziana in passato, Il rover della NASA ha recentemente individuato detriti bloccati in un masso frastagliato. Questo è il materiale termico utilizzato dall’agenzia spaziale per proteggere la perseverante navicella spaziale dalle temperature estreme mentre viaggiava su Marte e si tuffava nell’atmosfera marziana.

“Il mio team ha visto qualcosa di inaspettato: È un pezzo di coperta termica che pensano provenga dalla mia fase di discesa, Il Jet Beam a razzo che mi ha lasciato il giorno dell’atterraggio 2021″E il La NASA ha twittato Dal carro della perseveranza questo mercoledì

Quindi è sorta la domanda necessaria: Come sono arrivati ​​i detriti a forma di piastra in quest’area nel cratere di Marte Jezero, a circa due chilometri da dove il carrello di atterraggio si è schiantato nel deserto marziano?

Come sono arrivati ​​i detriti a forma di piastra in quest'area nel cratere di Marte Jezero, a circa due chilometri da dove il carrello di atterraggio si è schiantato nel deserto marziano?  È una delle domande della NASA.
Come sono arrivati ​​i detriti a forma di piastra in quest’area nel cratere di Marte Jezero, a circa due chilometri da dove il carrello di atterraggio si è schiantato nel deserto marziano? È una delle domande della NASA.

Un’altra domanda che l’agenzia spaziale ha subito posto: questo pezzo è atterrato qui allora o è stato spazzato via dal vento?

Il rover Persevere è atterrato su Marte nel febbraio 2021. Durante la discesa, la navicella spaziale che trasportava la sonda ha lasciato cadere un assortimento di strumenti e oggetti, tra cui uno scudo termico, un paracadute ipersonico e un carroponte a razzo che ha abbassato la sonda a Terra. Non sorprende che il rover abbia ora trovato più detriti durante la discesa.

READ  Preoccupazione della NASA per la scoperta irregolare su Marte

La perseveranza non ha molto tempo per vedere la spazzatura.Ora sta entrando nella pienezza della sua missione mentre esplora un delta di un fiume in secca nel cratere del vulcano Jezero. Poco prima 3 miliardi di anniGli scienziati planetari della NASA ritengono che quest’area fosse piena d’acqua. “Questo delta è una delle migliori posizioni su Marte in cui un rover può cercare segni di vita microscopica in passato”, ha detto la NASA.

La perseveranza raggiunge il culmine della sua missione mentre esplora un delta di un fiume in secca presso il cratere Jezero.  Circa 3 miliardi di anni fa, gli scienziati planetari della NASA credevano che questa regione fosse piena d'acqua.
La perseveranza raggiunge il culmine della sua missione mentre esplora un delta di un fiume in secca presso il cratere Jezero. Circa 3 miliardi di anni fa, gli scienziati planetari della NASA credevano che questa regione fosse piena d’acqua.

Dopo più di 15 mesi Atterraggio nel cratere Jezero su MarteE il Il rover della NASA guida la ricerca della vita antica. Il 28 maggio Ha posizionato una toppa circolare larga 5 centimetri su una roccia alla base di quello che un tempo era un delta del fiume nella buca. Questo delta si è formato miliardi di anni fa, quando un lungo fiume svanì per depositarvi strati di sedimenti Jezeroe lui Il motivo principale per cui la NASA ha inviato il rover lì. Sulla Terra, i sedimenti fluviali sono spesso brulicanti di vita.

Le immagini della nuova macchia terrestre mostrano minuscoli granelli di sedimento, che gli scienziati sperano possano contenere residui chimici o altre tracce di vita. “Guarda il mondo in un granello di sabbia” per il poeta William Blake viene in mente.” Sanjeev Gupta, Geologo planetario Università Imperiale di Londra, in Twitter.

READ  Dai un'occhiata a 12 minuti di gioco in questo nuovo DLC

Il rover trascorrerà i prossimi mesi esplorando il delta di Jezero mentre gli scienziati della missione decideranno dove vogliono perforare ed estrarre campioni di roccia. La NASA e l’Agenzia spaziale europea (ESA) hanno in programma di recuperare quei campioni e riportarli sulla Terra per essere studiati entro il 2033, nel primo ritorno di un campione di Marte. Lo ha avvertito in un articolo recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

Il rover ha raggiunto la base del delta ad aprile.  Presto scoprì rocce grigie e sottili chiamate scisti, che avrebbero potuto formarsi da sedimenti depositati da un fiume o un lago che si muoveva lentamente.
Il rover ha raggiunto la base del delta ad aprile. Presto scoprì rocce grigie e sottili chiamate scisti, che avrebbero potuto formarsi da sedimenti depositati da un fiume o un lago che si muoveva lentamente.

perseveranza immobiliare Nel febbraio 2021, Diversi chilometri dal bordo del delta. Trascorse molti dei primi mesi esplorando il fondo del cratere, che Inaspettatamente è fatto di rocce fuochi d’artificioE il Un tipo che si forma quando il materiale fuso si raffredda. Quello era un jackpot scientifico perché Gli scienziati possono datare le rocce ignee in base al decadimento radioattivo dei loro elementi chimici. Ma molti ricercatori erano interessati perseveranza Raggiunge il delta, i cui fini sedimenti hanno maggiori possibilità di ospitare testimonianze della vita marziana.

il viandante Ha finalmente raggiunto la base del delta in aprile. così La scoperta di rocce grigie con strati sottili detti shale, Potrebbe essersi formato da sedimenti depositati da un fiume o un lago a lento movimento. anche ho trovato arenarie a grana grossa, che avrebbe potuto formarsi in un grande fiume. Questi tipi di rocce sono obiettivi eccellenti per lo studio di una varietà di ambienti marziani in cui la vita avrebbe potuto prosperare, secondo Katie Stack Morgan, Vice scienziato di progetto perseveranza Nel Laboratorio di propulsione a reazione (JPL) a Pasadena, in California, il 17 maggio durante il segmento online di Conferenza di astrobiologia 2022.

Non specificato: in questa illustrazione concettuale fornita dalla NASA, il rover lo farà
Non specificato: in questa illustrazione concettuale fornita dalla NASA, il rover “Perseverance” (Marte 2020) della NASA conserverà campioni di roccia e suolo in tubi sigillati sulla superficie del pianeta per future missioni di recupero nella regione conosciuta come il cratere Jezero su Marte. L’astrobiologia è uno degli obiettivi principali della missione di persistenza su Marte, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprendo la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso, e sarà la prima missione a raccogliere e immagazzinare rocce e regolite marziane. (Foto per gentile concessione della NASA tramite Getty Images)

Dopo, Gli ingegneri della spedizione diressero la Perseveranza lontano da quest’area, chiamata Enchanted Lake, e verso un’altra area conosciuta come Hawksbill Gap, dove attualmente lavori. La toppa appena consumata era realizzata in arenaria in uno degli strati rocciosi del delta inferiore, il che significa che è una delle rocce più antiche formate da un fiume. Jezero E quindi , Posto eccellente per cercare segni di vecchia vita.

READ  Nuovo bug di sicurezza Android: il 37% degli smartphone del mondo può essere spiato

Continuare a leggere: