Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché è così difficile tenere traccia della fortuna di Putin

Molti dei beni stravaganti che Putin potrebbe possedere sono infatti di proprietà o controllati dallo Stato (Reuters)

Sepolto in un fascicolo legale di 421 pagine in un oscuro caso giudiziario di una frase, presentato quasi come un ripensamento, su un incontro in un ristorante di Ginevra in cui due uomini d’affari hanno discusso Uno yacht è stato consegnato al signor Putin.

Il riferimento in transito, citato in una decisione del giudice londinese del 2010 in merito a un contenzioso finanziario che coinvolge una compagnia di navigazione, è Rare prove pubbliche collegano direttamente il presidente russo Vladimir Putin a una qualsiasi delle navi, aerei o ville di lusso a lui associate. negli anni. Ha assunto un nuovo significato mentre le autorità statunitensi ed europee inseguono la ricchezza nascosta di Putin e delle persone a lui vicine in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

Ma il documento del tribunale britannico porta anche un’idea del perché è così difficile collegare chiaramente il presidente russo alle sue voci sulla ricchezza. Lo yacht, chiamato Olympia, era gestito da una società a Cipro, i cui registri aziendali mostrano che il vero proprietario non era Putin ma il governo russo.

In effetti, lo è Uno dei tanti beni stravaganti a lungo ritenuti appartenuti a Putin e attualmente posseduti o controllati dallo stato, Questo mostra fino a che punto gli interessi speciali del presidente e la sua cerchia ristretta si stanno fondendo con gli interessi del governo che ha controllato per due decenni. Altri servizi includono un resort tentacolare, una flotta di auto costose, aerei di lusso e più yacht.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno creato una task force multinazionale per rintracciare e sequestrare i beni di almeno 50 ricchi russi, incluso Putin.e ha annunciato ricompense per le informazioni che aiutano nello sforzo. Mercoledì, i funzionari hanno annunciato l’imposizione di sanzioni alle due figlie adulte di Putin.

Ma alcuni analisti Si chiedono se tali misure avranno un impatto significativo sul presidente russo, che non ha mai dimostrato di avere molto da confiscare.

Mentre ci sono state molte discussioni pubbliche e mediatiche Potrebbe essere che gli oligarchi e i vecchi amici di Putin tengano segretamente proprietà di valore a suo nome o nascondano i suoi soldi in società offshore e conti bancari svizzeri.Molti dei lussi più ovvi si trovano nelle SOE e sono in gran parte al di fuori dell’ambito delle sanzioni occidentali.

I fondi del governo furono dirottati per aiutare a sviluppare una proprietà da un miliardo di dollari sul Mar Nero che divenne nota come
I fondi del governo furono dirottati per aiutare a sviluppare una proprietà da un miliardo di dollari sul Mar Nero che divenne nota come “Palazzo di Putin”.

Alina PolyakovaPoiché le risorse e le agenzie governative sono state probabilmente utilizzate per proteggere parte della sua presunta ricchezza, le sanzioni contro Putin erano per lo più simboliche, ha affermato un esperto russo di affari esteri che dirige il Center for European Policy Analysis.

READ  COVID-19: la terza dose di vaccino riduce del 90% il tasso di mortalità nelle persone con più di 50 anni

“Per arrivare anche a questo, dovremo punire l’intero governo russo”, Egli ha detto. “E ovviamente ci sono ragioni per cui l’Europa e gli Stati Uniti non sono pronti a farlo”.

Un embargo economico dell’intero stato russo potrebbe significare, ad esempio, inserirlo completamente nella lista nera Gazprom, una delle più grandi società energetiche del mondo e uno dei principali esportatori di gas naturale in Europa. Finora, la società ha dovuto affrontare solo sanzioni limitate volte principalmente a frenare i suoi acquisti di alcuni debiti e azioni, anche se la rabbia globale per le apparenti atrocità della Russia in Ucraina è cresciuta.

Tuttavia, Gazprom entra in qualsiasi calcolo della potenziale ricchezza di Putin. Sebbene l’immobiliare di lusso non sembri avere nulla a che fare con la sua missione principale, la compagnia statale del gas ha costruito l’opulento rifugio di cui godeva il presidente russo nella regione montuosa dell’Altai in Siberia. Nonostante le affermazioni secondo cui il progetto non ha nulla a che fare con il Cremlino, un rapporto coautore dell’ex vice primo ministro e critico di Putin, Boris Nemtsov, ha osservato che il sito è stato “fornito di sicurezza dall’UST”, il Servizio preventivo. Il presidente russo e altri alti funzionari.

La località di montagna era tra le 20 proprietà descritte in un rapporto Nemtsov del 2012 come disponibili per Putin, Insieme a dozzine di aerei di lusso, quattro yacht e 11 orologi da polso con un valore al dettaglio di quasi $ 700.000, Tutti presumibilmente pagati con fondi pubblici.

Nemtsov è stato ucciso nel 2015 con un proiettile alla schiena. Mentre si attraversa un ponte davanti al Cremlino.

Visti gli sforzi delle poche testate giornalistiche indipendenti operanti in Russia prima della recente repressione della libertà di parola, nonché di voci dell’opposizione come Nemtsov e Alexei A. L’idea che Putin viva con i soldi dei contribuenti non è un segreto. Il Cremlino ha sempre negato di vivere al di sopra delle sue possibilità: ufficialmente riceve uno stipendio di circa 140mila dollari e ha un piccolo appartamento a Mosca. Ma il suo portavoce ha detto a un giornale russo, in risposta alle accuse di Nemtsov, che Il presidente russo utilizza anche alloggi statali e automobili “in conformità con la legge”.

READ  L'Uruguay sarà il primo paese dell'America Latina a vaccinare i minori contro il COVID-19

La presenza del dettaglio protettivo di Putin è vista come un segno rivelatore delle sue connessioni nascoste con varie forme di stravaganza. Sergei Kolesnikov, un ex socio in affari di un alleato di Putin, ha scritto una lettera aperta nel 2010 sostenendo che i fondi del governo erano scomparsi per aiutare a sviluppare una proprietà da un miliardo di dollari sul Mar Nero che divenne nota come “Palazzo di Putin”.

Nemtsov è stato ucciso nel 2015 da un proiettile alla schiena mentre attraversava un ponte davanti al Cremlino (REUTERS/Tatyana Makeeva).
Nemtsov è stato ucciso nel 2015 da un proiettile alla schiena mentre attraversava un ponte davanti al Cremlino (REUTERS/Tatyana Makeeva).

Un’indagine pubblicata l’anno scorso da Navalny, il leader dell’opposizione incarcerato, ha rilevato che il palazzo era sorvegliato da membri del Servizio di sicurezza federale e che l’agenzia di sicurezza interna russa, l’FSB, a un certo punto ha imposto una no-fly zone al vertice.

ultimamente, Il team di Navalny riferisce che i membri dell’equipaggio di uno yacht di lusso da 700 milioni di dollari sono stati collegati allo stesso gruppo di protezione del Cremlino, Tra la speculazione che la nave, La cui proprietà è stata nascosta da società di comodo in alto mare, Putin ha usato segretamente. Lo yacht di 459 piedi, chiamato Scheherazade, ha due eliporti ed è sormontato da una serie di cupole satellitari. Attualmente è in bacino di carenaggio in Italia.

“Se il proprietario dello yacht non viene identificato, si tratta di una società offshore delle Isole Marshall, cercheremo di determinare chi ci sta lavorando e chi lo sta pagando”, Un membro della squadra di Navalny, Maria Bevshikh, ha detto in un video che descrive l’indagine.

Il New York TimesÈ il primo a riferire che i funzionari statunitensi hanno indicazioni che lo yacht potrebbe essere collegato a PutinNon è stato in grado di confermare in modo indipendente i risultati della squadra di Navalny Riguardo alle comunicazioni di sicurezza dell’equipaggio, i funzionari statunitensi si sono rifiutati di specificare quali informazioni avevano. Ciò potrebbe rompere il velo di segretezza istituzionale che circonda la proprietà delle navi offshore.

In effetti, molte giurisdizioni hanno tradizionalmente fornito non solo vantaggi fiscali per la gestione di beni attraverso strutture offshore, ma anche registri aziendali che rendono difficile, se non impossibile, identificare pubblicamente i proprietari finali. Ciò è stato scoperto principalmente attraverso fughe di notizie da studi legali specializzati in questi servizi I ricchi russi sono clienti abituali.

READ  Il misterioso caso di Lucy Letby: Baby Nurse accusata di aver ucciso otto bambini | Cronaca

e qualche volta Lo stesso governo russo ne è il beneficiario.

I file trapelati, noti come Paradise Papers, sono stati rivelati dallo studio legale delle Bermuda di Appleby Progetti all’estero per conto di diverse società russe a controllo statale, tra cui VTB Capital, una banca di investimento, e Gazprom. Altri includevano l’acquisto di un jet privato Bombardier Global 6000 per 53,9 milioni di dollari da parte di un’oscura società cipriota, Genetechma Finance Ltd.

I record di Appleby lo mostrano Genetechma alla fine stava lavorando per conto di VEB, una banca statale per lo sviluppo economico con legami con l’intelligence russa. VEB, il cui capo utilizza jet privati, ha preso il controllo della Genetechma con sede a Cipro attraverso una filiale lussemburghese.

Un’altra società cipriota è apparsa nella catena di proprietà degli yacht Olympia, la cui relazione con Putin è apparsa negli atti del tribunale britannico. La causa includeva complesse accuse sui rapporti automatici tra i dirigenti di diverse compagnie di navigazione russe, tra cui Sovcomflot, la maggior parte delle quali è di proprietà del governo russo.

In una sentenza del tribunale di Londra del 2010, il giudice Andrew Smith ha descritto come Diversi giocatori partecipanti hanno attribuito le loro posizioni di influenza a un “buon rapporto” con Putin In un caso, ha ricordato un incontro alla Lip Brasserie di Ginevra in cui è stato menzionato il dono di Olimpia a lui. Lo yacht, che è costato tra i 35 ei 50 milioni di dollari nel 2002 ed era dotato di bagni in marmo, dorature spaziose e una vasca idromassaggio, si dice che fosse “gestito da Unicom”, una società con sede a Cipro.

Registrazione della società a Cipro, che negli ultimi anni è diventata più rigorosa nella richiesta di trasparenza della proprietàsi scopre che Unicom era di proprietà di Bermuda, la cui “società madre finale” era la compagnia di navigazione statale russa.

Ha sentito parlare per l’ultima volta dell’Olympia, che naviga di bordo alle Isole Cayman, nel Mar Baltico, vicino a San Pietroburgo.

Continuare a leggere: