Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Per Piero Pennisi il trucco è vita

Per Piero Pennisi il trucco è vita

Istituire una cattedra di trucco artistico nella Repubblica Dominicana rappresenta ancora oggi la sfida più grande per l’importante truccatore italiano.

L’amore per il trucco di Piero Pennisi nasce all’età di sette anni, ed è stato un colpo di fulmine. A quel tempo, la gente della sua città natale, Ramacca, in Italia, si divertiva con il circo. Mentre vagava lì, rimase stupito nel vedere una donna che veniva curata dal marito mentre accarezzava un leone. Nonostante la sua paura per gli animali, ciò non gli impedì di apprezzare questa bellissima arte, che all’epoca gli sembrava strana.

“Mi è sembrata una cosa molto strana. Più che guardare lo spettacolo, mi è piaciuto essere lì e guardare il suo trucco, che era forte e pesante, ma sembrava una bambola.”

Da quel momento in poi sognò di truccare sua madre, sua cugina o sua sorella. Il loro gusto per il trucco era incomprensibile anche alla loro insegnante, che una volta chiese loro in classe: cosa vogliono fare da grandi? Mentre alcuni dicevano: “Voglio diventare un medico, un pilota, un agente di polizia o un astronauta…”, Pierrot ha detto: “Voglio truccare le donne”. Ma la risposta la sentivo sempre la stessa: “È un mestiere che non esiste”.

A suo padre, un italiano cresciuto in Argentina e dal carattere duro, l’idea non piaceva. Mentre la madre, di origini uruguaiane, è diventata la sua compagna.

Passarono gli anni e lui continuò l’idea. “Alla scuola d’arte, la mia insegnante era una grande attrice di teatro, e mi suggerì di studiare recitazione, invece di infangare i volti delle donne (ride). Ma non mi piaceva fare l’attore”, ha detto francamente.

READ  Diario de Cuyo - Giornata Mondiale della Riabilitazione: Come un approccio multidisciplinare e personalizzato contribuisce al benessere dei pazienti

Ha ammesso di avere un’idea “malata e fissa” nel suo cervello sull’essere una truccatrice. Il loro sogno era così grande che sono andate all’istituto di bellezza Lucia Mangano dove tenevano corsi solo per donne, ma per darle una possibilità sono andate a votare dove ha ottenuto il 96 per cento dei voti.

Grande carriera

I suoi studi, i suoi sforzi e la sua dedizione lo hanno reso il primo truccatore ed esperto di bellezza riconosciuto in Italia e si è guadagnato il titolo di “Star Makeup Artist”. Nel corso della sua carriera ha truccatore importanti attori e attrici di Hollywood, oltre a personaggi teatrali dell’opera italiana come: Manon, Cavalleria Rusticana, La Bohemia, Don Pasquale, Benvenuto Cellini, Zorba il Greco, La Perla del Pescatore , L’elisir d’amore e Aida di Franco Zeffirelli.

Come raggiungere il medico?

A causa della sua professione, Pierrot ha viaggiato in diversi paesi e tenuto seminari sulla cultura del trucco. Sua madre gli chiedeva sempre di venire a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana. “Mi sono detto che mi sarebbe piaciuto”, ha detto Piero, per il quale il trucco è vita.

Nel 2016, per compiacere sua madre, ha contattato via email Julio Melo Mercado, direttore della Scuola di Cinema, Televisione e Fotografia dell’Università Autonoma di Santo Domingo (UASD), e ha ricevuto la sua risposta in media entro un’ora. Da allora ha avuto un ottimo rapporto con l’università, le sue autorità e i suoi studenti. Quell’anno arrivò nel paese e durò quattro settimane. “Abbiamo fatto il nostro primo laboratorio di trucco. C’erano 120 studenti. Alcuni non capivano nulla del settore artistico e altri sì”, ha spiegato.

Quanto è importante il trucco nelle arti?

Secondo Pierrot è la parte più importante dell’arte cinematografica, ed è divisa in due parti: il settore della bellezza ordinaria e il settore della descrizione artistica, che comprende effetti speciali, come ferite e sangue. .. Per quanto riguarda il teatro, il discorso è diverso. C’è il circo, la lirica, la prosa, il teatro di strada… ognuno con le proprie proprietà abbellenti. Ha spiegato che esiste anche il trucco alla moda, il trucco tradizionale e il trucco fotografico. L’artista ha spiegato: “Nessuno può dire che io sia una truccatrice, perché devo avere esperienza nel conoscere tutti i tipi di trucco”.

READ  Il vulcano Etna torna a eruttare in Italia, emettendo cenere e lava

Creare un corso di trucco è molto importante

Per Piero è molto importante avere una cattedra di trucco nelle università di un Paese, cosa che la Repubblica Dominicana ancora non ha. “Essere una truccatrice e apprendere le tecniche è molto importante a livello internazionale perché ti dà opportunità e molti soldi”, ha detto. Il desiderio più grande di Piero è quello di assumere questa cattedra nella Repubblica Dominicana, Paese nel quale ha affrontato una grande sfida.

Attuazione del secondo workshop a livello statale

Presso la Facoltà di Cinema, Televisione e Fotografia (ECTF) dell’Università Autonoma di Santo Domingo (UASD), Piero ha seguito il secondo corso intensivo su Trucco e Caratterizzazione per film, televisione, teatro e fotografia.

Ciò rappresenta una pietra miliare nella formazione dei talenti nelle arti audiovisive e riflette il fermo impegno degli enti che hanno sostenuto questo grande evento, come il Ministero dell’Istruzione Superiore, della Scienza e della Tecnologia (Mescyt), la Direzione Generale del Cinema della Repubblica Dominicana Repubblica (Dgcine) e la Facoltà di Lettere, per fornire eccezionali opportunità educative e formative ai dipendenti essenziali di cui l’industria cinematografica ha bisogno, ha affermato July Mello, direttore dell’ECTF.