Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pedro Sanchez vede “speranza” grazie al tasso di vaccinazione, che “accelererà” nei prossimi giorni

Appello all’unità dei dipartimenti, agli agenti sociali, al settore privato e pubblico, per avanzare di fronte all’epidemia

Toledo, 28 aprile. (Europe Press) –

Il primo ministro, Pedro Sanchez, ha ritenuto che dopo più di 100 giorni dalla vaccinazione della prima dose del vaccino contro il coronavirus nella città di Guadalajara, la Spagna si trova ora in un momento di “speranza” per superare l’epidemia, anche grazie a l ‘”accelerazione” della somministrazione delle dosi aumenterà nei prossimi giorni.

Dopo aver visitato le strutture farmaceutiche di Janssen a Toledo, Sanchez ha spiegato che i dati indicano che l’attuale tasso di vaccinazione è “incoraggiante”, con il paese tra i “primi in Europa” a implementare il vaccino.

Con i suoi dati, ha ribadito che l’obiettivo di vaccinare il 70% della popolazione in età legale prima della fine dell’estate era ancora possibile, aggiungendo come spera che “due spagnoli su tre sopra i 60 anni hanno già almeno una dose del vaccino. “

“Questo è essenziale, perché purtroppo il 95% dei decessi si concentra in questi cittadini”, ha sottolineato il premier.

Grazie Janssen per il suo “impegno” nelle indagini

Sanchez ha ringraziato i professionisti e i leader di Janssen per il loro “impegno nella ricerca”, nonché per il loro contributo “alla risoluzione di questa crisi sanitaria”.

Ha detto che durante questi mesi, tutti i dipartimenti in Spagna hanno fatto appello all ‘”unità”, nonché alla cooperazione “decisiva” tra i settori pubblico e privato per ottenere la produzione di massa del vaccino.

Afferma che questa unità è data anche a livello europeo attraverso l’approvvigionamento centrale di vaccini approvati, “un grande esempio dell’unità di tutti i governi europei per affrontare congiuntamente COVID-19”.

READ  La scienza torna in piazza alla Notte Europea degli Studiosi e degli Studiosi organizzata dall'Università della California - Alvarado

Lo stesso mercoledì ha indicato che Spagna, Germania, Italia e Francia avevano presentato i loro piani di ripresa e “dove andranno 140 miliardi di euro” di fondi europei per rilanciare l’economia.

Ha anche indicato che la strategia della Spagna è di stanziare il 40% dei fondi per le politiche di trasformazione ambientale; Un altro 30% per la trasformazione digitale; o 10% per la formazione e la qualificazione del capitale umano. Oltre al 7% dell’importo totale che sarà dedicato a ricerca, sviluppo e scienza.

“Una delle grandi lezioni che stiamo imparando è la necessità di scommettere sulla scienza e sulla ricerca”, ha detto Sanchez, che ha chiesto al settore privato di “unirsi” con il pubblico per andare avanti contro il coronavirus.

Questa “unità” che il leader dell’esecutivo nazionale ha difeso, e ha ampliato il suo ambito per includere le trattative condotte con gli agenti sociali dall’inizio dell’epidemia dopo aver concordato “meccanismi di protezione nei momenti più difficili” lo scorso anno, come l’applicazione di record del sistema di lavoro temporaneo, “un buon esempio della necessaria unità”.

Ha anche ringraziato la comunità per il suo “impegno” nell’affrontare il superamento dell’epidemia davanti all’orizzonte della “luce e della speranza”. “Se c’è una lezione da imparare, è che siamo uniti più forti, l’Europa è più forte e nei prossimi anni, con il piano di ripresa, avremo un palcoscenico meraviglioso per il continente europeo”.