Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Olaia Tejeda trionfa in Italia con il suo repertorio di danze moderne e classiche

la scorsa estate, La pattinatrice Olaia Tejedavicino di casa birangoE il È stata dichiarata campionessa mondiale di danza sportiva in Germania. A 18 anni, lungi dallo stare lì, ora è tornato a gustare il miele Successo in Italia al Campionato Italiano Internazionale (In vigore per la World Athletics World Association) tenutasi lo scorso novembre.

Un nuovo, inaspettato traguardo nonostante la data di novembre a Milano sia segnata in rosso dai Mondiali. Nella capitale mondiale del design e della moda, Olaia ha allestito una mostra impressionante che le ha permesso di mettere le mani su Il primo posto nel metodo della danza moderna e il secondo nello stile classico.

Ancora emozionata, dice che è stato molto speciale poter godere di questa esperienza con la sua “famiglia, team e colleghi” che sono così di supporto. “Senza di loro, non sarebbe lo stesso”, ha riassunto con gratitudine.

“La mia idea era quella di andare al Campionato Italiano per imparare. Era il mio debutto nella categoria junior”.

Olaia Tejeda – pattinatrice

All’inizio andare al Campionato Italiano è stata da allora un’esperienza di ‘apprendimento’ “Non ho mai partecipato a un torneo internazionale di questa portata”.svelare. Ed è che ha debuttato in una nuova classe, quella dei novizi, alla quale è stato promosso dopo i Mondiali, una classe “più impegnativa”, con balli nuovi. Descrive: “Stavo debuttando in una categoria che era nuova per me, con nove nuovi balli, ma ho sempre avuto il desiderio di continuare a sperimentare e vivere con queste esperienze che mi riempiono”. Quando scende in campo, la sua esplosione di talento fa impallidire ogni accenno di inesperienza giovanile..

READ  La Slovenia mantiene il trono del mondo del ciclismo nel "deja vu"

Nello specifico durante la sua esibizione ha ballato il moderno (tre balli) e il classico (sei balli) e, nonostante i nervi iniziali di “quelli sani che ti fanno stare sveglio”, si è qualificato, poi tutto è filato liscio. “Una volta sulla pista da ballo, soprattutto quando inizi a ballare, tutto l’allenamento arriva da solo, lo senti e balli come sai fare”, Punto. Come dice, “più alto è il livello, più difficile è”, ma nulla lo ferma. “C’era un livello alto e gli atleti di tutto il mondo erano pronti a vincere con i loro balli. È stato fantastico poter condividere la pista con questi ballerini”, assicura.

Olaia con la sua allenatrice, Joanne Moreau-Vallory. WO


In questo modo, una volta conquistata l’Italia, si è guardato indietro e ha detto di essere vissuto “Un’esperienza arricchente, da vivere e godere ancora e ancora”. Si è avverato un sogno dal quale non vuoi svegliarti. Ma questo non gli fa dimenticare le persone più vicine. Per questo Grazie per l’aiuto dato alla sua “famiglia e colleghi” del Comune di Getxo per dargli strutture per la formazione, Al Municipio di Birango per il tuo sostegno incondizionato, Al tuo club Mostra Getxo “Per essere più di un club” e Joanne Moreau Valory Nota che come allenatore ha saputo istruirlo “nel migliore dei modi”.

un sentiero

Olja Ha iniziato a sciare all’età di tre anni per tradizione di famiglia Nel tempo, avrebbe perfezionato la sua tecnica per diventare quello che è oggi. La sua famiglia materna è sempre stata sui pattini, sia le sue zie che sua madre, quindi non sorprende che abbia iniziato a indossare i pattini da bambino. “Ho iniziato a giocare su quattro ruote.”, Racconta. Successivamente è diventata la prima sciatrice di Euskadi a pattinare nei campionati internazionali con la squadra spagnola. E lontano dal lato sportivo, gli diventa chiaro che è necessario unire lo sport allo studio. Per questo Quest’anno ha iniziato a studiare la professione di fisioterapista. “Una gara impegnativa, ma entusiasmante”, riassume. Marito, studio e sport sono inseparabili, secondo lui. “Lo sport è la vita e gli studi sono il futuro”, dice. Ma oltre a posizionare i gomiti e ad allenarsi, trascorre anche molte ore fuori dal campo “esercitandosi, maglie, acconciature, ecc.” Una routine impegnativa che dà risultati e non gli dà mai tregua. Per questo ha già un biglietto riservato per Maiorca, sede della prossima sfida: il campionato spagnolo.

READ  Pjanic ha quattro offerte dall'Italia per lasciare il Barcellona