Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Olaf Schultz rafforza i legami con l’Italia nel suo primo viaggio ufficiale come advisor | Europa | DW

Lunedì (20/12/2021), il nuovo cancelliere tedesco, Olaf Schulz, e il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi hanno presentato un piano d’azione congiunto per consolidare le relazioni tra i due Paesi in una conferenza stampa tenutasi a Roma. Questo è il primo viaggio ufficiale di Schulz come consulente.

Il primo incontro tra i vertici di queste due potenze è servito principalmente a segnalare la volontà di “rafforzare” l’integrazione europea, anche se per Draghi è “impossibile accelerare” al momento. “Un’unione più forte è nell’interesse di tutti, Italia e Germania, e vogliamo rafforzare la cooperazione in campo scientifico, tecnologico e di ricerca”, ha spiegato, per chiarire poi aree “critiche” per il futuro della società, come la microelettronica o idrogeno.

Schulz ha affermato che l’obiettivo finale dei due leader è promuovere una stretta cooperazione tra i due governi, descrivendolo come un “grande passo avanti”. Il piano d’azione segue la stessa linea del Trattato del Quirinale tra Italia e Francia recentemente firmato, un trattato di amicizia volto a rafforzare la cooperazione tra i due Paesi su temi quali l’economia, la sicurezza e la politica dell’immigrazione.

Draghi ha spiegato che il processo è ancora agli inizi: “Non se ne parlava nemmeno tre giorni fa”. I due leader hanno iniziato identificando le questioni su cui i due paesi potrebbero cooperare. Scholz è stato ricevuto con gli onori militari presso la residenza ufficiale di Draghi, Palazzo Chigi.

Nel corso dell’incontro, seppur breve, temi come “richiesti cambiamenti in termini di regole di bilancio e aiuti di Stato”, ha rivelato l’italiano. In altre parole: negoziati su un possibile nuovo patto di stabilità dell’UE. In gioco c’è maggiore flessibilità, per l’impatto della pandemia, e disciplina fiscale, il cui requisito principale è mantenere il disavanzo pubblico al di sotto del 3% del Pil e il debito al di sotto del 60%.

READ  Le rimesse ricevute dall'Honduras sono aumentate del 36,2% tra gennaio e luglio

lgc (dpa/efe)