Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tre minacce alla ripresa economica | Opinione

Jerome Powell, presidente del Federal Reserve Board (FED), parla in modo comprensibile. D’altra parte, il suo predecessore Alan Greenspan non si fece capire, motivo per cui fu chiamato oracolo. Molti in economia parlano in modo complesso per darsi importanza, da qui la battuta “hanno bisogno di un decoder per capirli”.

A questo non piacciono i mercati azionari, né le materie prime, che esigono chiarezza: la variabile omicron e la recessione economica in Cina hanno spaventato gli investitori, che nella prima settimana di dicembre sono andati sold out, provocando il crollo dei mercati azionari. Il riconoscimento da parte di Powell che l’inflazione era un fenomeno transitorio “necessità di revisione” ha spinto l’indice Dow Jones a un massimo storico. Allo stesso modo, il resto degli indici statunitensi (S&P-500, Russell, Nasdaq) che, come tutti, vogliono trasparenza: barzellette, barzellette giuste, perché dalla Grande Recessione, con lo scoppio della bolla immobiliare, fino allo scoppio della Covid a marzo entro il 2020, L’economia globale non vive in uno stato di paura.

Goldman Sachs, Wells Fargo, JPMorgan Chase, Citi, Morgan Stanley e Bank of America hanno inserito nei loro modelli di regressione per l’analisi predittiva scenari economici che includono le tre principali minacce per l’economia globale: inflazione, Cina e Omicron sono bombe a orologeria che possono esplodere . , potrebbe far deragliare il treno della ripresa economica globale.

L’analisi presentataci dalle sei maggiori banche statunitensi e dalla Federal Reserve è chiara: la crescita economica negli USA – tenendo conto di inflazione, Cina e Omicron – scenderà nel 2021 di 2 punti percentuali (dal 6,4% del PIL al 4% del PIL) ). prodotto interno lordo). , 5%) per salire nel 2022 al 5,5%. Le tre minacce sono interconnesse, come tutto in economia. A ottobre, l’inflazione negli Stati Uniti è stata del 6,2%, un record in 39 anni. I dati hanno costretto Jay Powell a riconoscere la gravità del rischio inflazionistico, così come Janet Yellen e Ben Bernanke.

READ  Rioma in Kordofan, riconosciuta come una delle aziende più sostenibili d'Europa

Il 3 dicembre, con la scoperta del caso Omicron a San Francisco, in California, Powell ha appreso che l’inflazione di novembre aveva battuto il record del mese precedente: 6,8%. L’aumento dei prezzi da settembre a dicembre indica una tendenza che l’economia sta vivendo il surriscaldamento. Le ragioni sono state discusse da tutti fino alla nausea: carenza di trucioli e materie prime, problemi con le filiere, aumento della domanda derivante dalla politica monetaria espansiva della Federal Reserve, iniezione di denaro nell’economia dal 2007 e senza sosta Acquisto di buoni del tesoro e mutui. Il dollaro USA è il dollaro che viene speso automaticamente. Con l’economia statunitense che consuma il 70%, la crescita economica e l’occupazione sono rimaste piatte, nonostante il virus.

In America, il burnout economico è spesso un precursore delle recessioni. Per questo Powell ha già annunciato che ridurrà progressivamente gli acquisti di obbligazioni fino alla fine della primavera del 2022 per poi iniziare ad aumentare i tassi di interesse, tre in totale, fino a fine anno con tassi di riferimento dello 0,9%, dall’attuale 0 %. Per le banche, i tassi più alti vanno bene per loro, perché addebiteranno più commissioni sui prestiti, sebbene non pagheranno di più per i depositi, ravvivano il margine di intermediazione, o almeno, come previsto dall’analisi predittiva di queste entità finanziarie. Anche la Bank of England e la Bank of Norway alzeranno i tassi di interesse; Il Giappone no, ma ritirerà lo stimolo e la Banca centrale europea… se la prende comoda.

Omicron e la Cina sono collegate. Il 40% del PIL cinese (nel 2021) proveniva dalle esportazioni, ma quando si è saputo della presenza di Omicron, Pechino ha chiuso le frontiere e attuato restrizioni parziali. L’economia mondiale non si riprende senza commercio, senza globalizzazione, senza viaggi, senza turismo. La chiusura della Cina – la cui crescita quest’anno scenderà dal 7% al 5,5% del PIL – porterà a una minore produzione e a maggiori problemi nelle catene di approvvigionamento, che metteranno a dura prova il motore economico degli Stati Uniti: la Silicon Valley. Apple, Google, Amazon, Intel, ecc. soffriranno di una carenza di componenti.

READ  Strenna 2021: In quali Paesi viene introdotta e quanto vengono pagati i lavoratori?

In Europa, Italia e Francia richiedono il passaporto vaccinale a chi vuole entrare in ristoranti e bar; In Portogallo, oltre al passaporto, è necessaria una PCR immediata per entrare per un caffè. Negli Stati Uniti, molte compagnie aeree stanno ora utilizzando omicron, cosa che hanno già fatto nel 2020: lasciare gli aerei a terra e cancellare i voli. L’Australia è in totale isolamento. Senza viaggi internazionali, l’economia soffre. I blocchi parziali riducono i consumi e il dimezzamento della spesa per i viaggi d’affari internazionali danneggia la produttività di un paese poiché riduce di un terzo i suoi investimenti in ricerca e sviluppo, con un impatto negativo sull’innovazione, un fattore che rappresenta sempre più il PIL centrale, secondo uno studio universitario. di Milano il 4 dicembre 2021.

Gli Stati Uniti raggiungeranno la piena occupazione, secondo la Federal Reserve, nella primavera del 2022. Servono 4,4 milioni di nuovi posti di lavoro per ripristinare il 3,5% della disoccupazione a febbraio 2020. C’è un’offerta di lavoro, ma la paura e le tensioni del Covid sono guidando milioni per stare a casa. Per attirare talenti, le aziende offrono stipendi migliori o più carburante per il fuoco inflazionistico.

Omicron, Cina e inflazione sono le due nuove minacce alla ripresa. Ma, come dice Howard Marks, CEO di Oaktree Capital, nella sua recente lettera agli investitori (si pensi a Macro): “Siamo tornati ai cicli economici e, soprattutto, a dominare il ciclo economico”.

Jorge Diaz Cardel È Managing Partner di Advice Strategic Consultants. Autore del New Deal di Biden Harris