Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo di Israele include dieci paesi, tra cui Stati Uniti e Germania, nella “lista rossa”

Il provvedimento riguarda Germania, Belgio, Canada, Stati Uniti, Ungheria, Italia, Marocco, Portogallo, Svizzera e Turchia ed entrerà in vigore all’alba di venerdì.

Il Paese sta registrando più di 1.000 casi al giorno per la prima volta in più di due mesi.file | stella panamense

Il governo di Israele ha accettato di includere un totale di dieci paesi, tra cui Stati Uniti, Germania, Portogallo e Italia, nella “lista rossa” a causa della diffusione della pandemia di coronavirus, dopo aver notificato lunedì più di mille casi inizialmente. Una volta in più di due mesi.

E l’esecutivo ha approvato la raccomandazione del ministero di includere questi paesi nella “lista rossa”, anche se, secondo il “Jerusalem Post”, deve ancora ottenere il sostegno delle commissioni parlamentari per legge, costituzione e salute.

Il provvedimento riguarda Germania, Belgio, Canada, Stati Uniti, Ungheria, Italia, Marocco, Portogallo, Svizzera e Turchia ed entrerà in vigore all’alba di venerdì, se definitivamente approvato. Israele ha incluso in questa “lista rossa” più di 50 paesi, la maggior parte dei quali in Africa.

Lunedì, il ministero della Salute israeliano ha notificato un totale di 1.004 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, portando il totale a 1.356.194, con 8.232 decessi.

Allo stesso modo, ha indicato che ci sono attualmente 7.231 casi attivi, di cui 81 in condizioni gravi, di cui 51 in condizioni critiche e 16 relativi a respiratori.

D’altra parte, afferma che finora 6.454.410 persone hanno ricevuto almeno una dose del vaccino contro il coronavirus, di cui 5.833.481 hanno già ricevuto il programma completo e 4.159.107 hanno ricevuto una terza dose di richiamo.

In questo contesto, il primo ministro israeliano, Naftali Bennett, ha avvertito che la variante omicron sta guidando una quinta ondata di contagi, e ha invitato la popolazione a prestare attenzione e a vaccinarsi per evitare ulteriori pressioni sul sistema sanitario.

READ  Tagli sui contratti futures europei dopo la chiusura mista di Wall Street

Finora, in Israele sono stati confermati 175 casi della variante omicron, di cui 40 nel corso della giornata. “Penso che tra tre o quattro settimane, forse prima, vedremo un aumento dei tassi di malattia che non lascerà dubbi (sulla gravità della situazione)”, ha detto Bennett.

Ha sottolineato, secondo il quotidiano “The Times of Israel”, che “le vaccinazioni dei bambini sono sicure ed è responsabilità dei genitori”. Il Primo Ministro di Israele ha sostenuto: “Non lasciate che i vostri figli siano esposti all’omicron”.

“L’obiettivo è superare l’ondata (infezione da coronavirus) mantenendo in funzione l’economia e l’istruzione, e l’obiettivo è vaccinare i bambini di Israele. Ogni ora prevista è un’ora persa”, ha aggiunto.