Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove variabili e restrizioni minano quest’anno la ripresa del settore turistico

Il 2021 non è stato come previsto. L’anno è stato caratterizzato da una continua incertezza e da una ripresa disomogenea dei mercati di origine a causa di politiche di viaggio eterogenee tra i paesi, che hanno causato perdite significative al settore turistico. Una situazione che ha rimandato la ripresa del turismo almeno al 2024, ed è sempre soggetta a nuove variabili e misure sanitarie.

Durante i primi sette mesi dell’anno, le attività turistiche hanno seguito un ritmo mensile molto variabile. Nel primo trimestre il settore ha affrontato un periodo che è stato duramente colpito dalla crisi pandemica ed è stato caratterizzato dalla chiusura parziale o totale delle frontiere, a causa dell’elevato numero di casi positivi. COVID-19 Nel mondo. Nel secondo trimestre, il tasso di vaccinazione è stato eterogeneo tra i paesi, così come le loro politiche di viaggio, che hanno portato a un turismo praticamente inattivo. Così, il Reddito turistico A luglio 2021, ha totalizzato 9.247 milioni di euro, con un calo del 17,4% rispetto allo stesso periodo del 2020 e una perdita di quasi 31.000 milioni rispetto ai dati pre-pandemia.

Respirando ossigeno per la striscia durante l’estate, i turisti patriottici sono riusciti a salvare i mesi di luglio, agosto, settembre e le prime settimane di ottobre. La domanda internazionale si è contratta del 4,2% rispetto al 2020, e del 74,2% in meno rispetto al 2019, registrando 15.008.338 turisti. Questa cifra rappresenta una perdita di 43,1 milioni di turisti rispetto al periodo pre-pandemia. tra gennaio e agosto, Francia Classificato come il principale mercato di emissione (22,3%), seguito da Germania (17%) e Regno Unito, con 1,5 milioni di turisti, al terzo posto. Francia S GermaniaCome altri mercati, hanno registrato più turisti stranieri rispetto al 2020, il che ha portato a una leggera ripresa dall’epidemia, sebbene sia ancora lontana dai dati precedenti.

READ  L'Unione Europea celebra la nuova generazione di studiosi Erasmus dal Nicaragua

Nonostante un inizio d’anno negativo, l’estate ha dato ossigeno al settore turistico la cui stagione estiva si è protratta anche a settembre e ottobre. Tuttavia, a causa dell’arrivo della nuova variabile e dei lockdown e delle restrizioni che alcuni Paesi europei hanno iniziato a prendere, hanno ancora una volta messo il settore ai margini. L’emergere di una nuova variante di Covid-19 in Africa L’aumento dell’epidemia in Europa comincia a dare i suoi frutti. È una situazione che ha colpito completamente il Ponte di Dicembre. Da quel momento iniziò la cancellazione. L’alto tasso di contagi in tutta Europa ha avuto un impatto sul numero di turisti, sia nazionali che internazionali, che tra il 24 e il 6 gennaio hanno cancellato oltre il 20% delle prenotazioni.

aumento dei costi

La Spagna è il paese con il più alto tasso di crescita annuale dei prezzi dell’elettricità, rispetto ai quattro paesi più visitati dell’Unione Europea –Francia, Italia e Germania-. L’aumento dell’energia elettrica – che ha portato a un aumento del 20% dei prezzi dell’energia per il settore turistico – aggiunge che il nostro Paese sta registrando il secondo aumento dei tassi di inflazione dei prodotti alimentari.

Tuttavia, sebbene a IPC colpendo il settore turistico, gli hotel e i ristoranti spagnoli hanno avuto il minor impatto sui consumatori, con un’inflazione dei prezzi ben al di sotto Germania il Italia. Lo Stato tedesco ha aumentato i prezzi dei servizi del settore turistico di 3,4 punti percentuali, e in Italia l’aumento è stato superiore di oltre 2 punti percentuali. Tuttavia, la Spagna è il Paese che ha alzato di meno i suoi prezzi – pur essendo il Paese che ha visto il maggior aumento dei costi – con un aumento di circa un punto e mezzo percentuale. In questo modo, sono state le stesse istituzioni del settore turistico che sono state costrette durante quest’anno a far fronte all’aumento dei loro costi fissi, e cercare di non dirottarle verso la domanda per non scoraggiare i consumi in un settore duramente colpito dall’epidemia .

READ  Anif ha chiesto al governo di abolire l'uso obbligatorio delle mascherine all'aperto