Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tasse record: l’Argentina è il secondo Paese con il maggior carico fiscale in America Latina

La pressione fiscale è aumentata di 12 punti percentuali del PIL in due decenni, posizionandosi al primo posto dopo solo il Brasile tra i paesi dell’America Latina (Gettyimages)

L’aumento delle tasse in Argentina è generalmente utilizzato da vari governi ed è anche qualcosa di cui i piccoli contribuenti e le grandi società sono sospettosi. In questo contesto, un rapporto di Fondazione Mediterranea Ha mostrato che quando la pressione fiscale legale – che include l’imposta inflazionistica – viene misurata su una famiglia media in sette paesi dell’America Latina, La maggiore pressione fiscale è in Brasile, con le tasse che rappresentano il 50,6% del reddito familiare, mentre Italia e Argentina si dividono il secondo posto, con tasse che rappresentano il 48% del reddito familiare annuo.

Lo studio, “Un confronto internazionale della pressione fiscale legale su famiglie e imprese: la pressione fiscale è alta in Argentina?” , che dal 2020 e anche nel 2022 le tasse in Argentina sono nuovamente aumentate. In tal senso, ha aggiunto che però La pressione fiscale è aumentata di 12 punti percentuali del PIL in due decenni, dietro solo al Brasile tra i paesi dell’America Latina, “l’argomento per un’elevata pressione fiscale è generalmente ridotto, indicando che in molti paesi europei è molto più alto dell’Argentina”.

Fonte: Fondazione Mediterranea
Fonte: Fondazione Mediterranea

Tuttavia, ha ricordato che ci sono importanti problemi nel confrontare l’effettiva pressione fiscale dei paesi dell’America Latina – come l’Argentina – con i paesi europei, perché i livelli di evasione nei primi tendono ad essere molto più alti che nei secondi.

Questo è perché La pressione fiscale effettiva (ETP) deriva dal quoziente tra riscossione e PIL, quindi il numeratore è inquinato da livelli di evasione, mentre la pressione fiscale legale (PTL) è la pressione dalla somma teorica e dal suo rapporto con il PIL, cioè senza evasione .

READ  Enagás annuncia che sta collaborando con l'operatore francese del gas per avviare Midcat

Secondo la Fondazione Mediterranea, PTE riduce il carico fiscale sui contribuenti ufficiali, siano essi i più esposti alla concorrenza internazionale.

Sul lavoro si sono confrontate le pressioni fiscali legali di famiglie e imprese Argentina, Cile, Brasile, Spagna, Italia, Stati Uniti e Australia. Per questo ci siamo occupati di famiglie virtuali con tre livelli di reddito, e di società di simulazione del settore industriale e dei servizi.

Secondo lo studio, quando si misura la pressione fiscale legale su una famiglia media nei sette paesi e includendo la tassa sull’inflazione, la pressione fiscale legale più alta è in Brasile, dove le tasse rappresentano il 50,6% del reddito familiare. Il secondo posto è condiviso da Italia e Argentina, dove le tasse rappresentano il 48% del reddito familiare annuo.

Mentre la maggiore pressione fiscale effettiva tra i sette paesi studiati è in Italia, che colpisce il 42,5% del PIL, seguita da Spagna (34,7%), Brasile (33,1%) e Australia (28,7%) e al quinto posto c’è l’Argentina (27,7%). .

Nel frattempo, quando si stima l’effettivo carico fiscale sulla famiglia, L’Argentina è al secondo posto con l’Italia con il 48% del reddito familiare interessato, dopo il Brasile (50,6%), sopra la Spagna (40,7%), gli Stati Uniti (37%), il Cile (34,3%) e l’Australia (29,1%). .

Nella misurazione della pressione fiscale legale sulle imprese, Nel caso dei servizi alberghieri, l’Argentina offre la più alta pressione fiscale legale in relazione alle vendite, con un effetto del 35,1%, tra i sette paesi analizzati, seguita da Italia (32,9% a Milano), Cile (27,3%), Brasile, Stati Uniti, Spagna e Australia (17,9).%).

Nel frattempo, nel caso Azienda industriale, come l’industria degli elettrodomestici, il Brasile rappresenta la più alta pressione fiscale legale, Seguono Argentina, Italia, Cile, Spagna, Australia e Stati Uniti.

Fonte: Fondazione Mediterranea
Fonte: Fondazione Mediterranea

In un’altra questione, il rapporto ha rilevato che nello stato industriale Produzione di prodotti lattiero-caseari, il Brasile è anche quello con la più alta pressione fiscale legale, Seguono Argentina, Spagna, Cile, Italia, Stati Uniti e Australia. Mentre nell’industria automobilistica, l’Argentina ha il PTL più alto, seguita da Brasile, Italia, Spagna, Cile, Australia e Stati Uniti.

READ  La mancanza di microchip potrebbe aumentare i prezzi delle auto del 10%

“Poiché ci sono molte tasse e sovrapposizioni tra i tre livelli di governo, anche i costi di conformità per i contribuenti argentini e i costi di amministrazione fiscale per il Tesoro sono elevati. La maggiore sovrapposizione fiscale si verifica nel settore immobiliare e automobilistico (che sono tassati fino a a 3 livelli di governo) e il più problematico è che ci sono 3 imposte generali sulle vendite: imposta statale sul valore aggiunto, reddito totale provinciale e imposta municipale sulla sicurezza e sulla salute”, analizza il rapporto.

Ha osservato che i contribuenti dovrebbero “conoscere la legislazione fiscale dei tre livelli di governo, dichiarare e pagare i tre tesori e ricevere verifiche e reclami legali da ciascuno di essi”. In breve, lo consideravo un sistema costoso a causa dell’importo e del livello delle tasse, della natura altamente distorta di molte di esse e degli alti costi di amministrazione e adempimento fiscale. Non efficace da dove lo guardi.

“Il manometro fiscale effettivo non riflette bene la pressione fiscale reale sull’intero contribuente ufficiale in un paese. Quando la pressione fiscale legale viene utilizzata come unità di misura, l’Argentina appare appena sotto il Brasile, simile all’Italia e ai paesi più alti come come Spagna e Stati Uniti”. Cile e Australia”.

Continuare a leggere:

Premio Nobel contro la fissazione dei prezzi: Paul Krugman si impegna in un dibattito che risuona in Argentina
Il calo della fiducia dei consumatori si è aggravato, scendendo del 4,9% a dicembre
L’aumento di gas ed elettricità può raggiungere il 400% a Puerto Madero, Palermo, Belgrano e altri quartieri di pregio di Buenos Aires.