Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

L’Unione Europea si unisce agli Stati Uniti per aprire questo fine settimana un corridoio di aiuti marittimi a Gaza

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen interviene in una conferenza stampa presso il centro di coordinamento comune dei soccorsi Zenon a Larnaca, Cipro, l'8 marzo.  (Foto: Yannis Kurtoglu/Reuters)

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen interviene in una conferenza stampa presso il centro di coordinamento comune dei soccorsi Zenon a Larnaca, Cipro, l'8 marzo. (Foto: Yannis Kurtoglu/Reuters)

L’Unione europea intende aprire un corridoio di aiuti marittimi di emergenza da Cipro a Gaza questo fine settimana in uno sforzo congiunto con gli alleati, compresi gli Stati Uniti, ha annunciato venerdì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

“Siamo molto vicini all'apertura del corridoio, e speriamo che avvenga questo sabato o domenica, e sono molto felice di vedere che l'operazione di prova iniziale inizierà oggi”, ha detto ai giornalisti a Larnaca, Cipro. Ciò avviene dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rivelato i piani per stabilire un porto temporaneo sulla costa di Gaza.

Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Repubblica di Cipro, Emirati Arabi Uniti e Regno Unito coopereranno per lanciare il corridoio, secondo un comunicato stampa dell'UE. La dichiarazione aggiungeva che l'operazione “complessa” sarebbe stata “strettamente coordinata con il governo israeliano”.

Cosa dice Israele: Il portavoce del ministero degli Esteri Lior Hayat ha accolto con favore il piano, affermando che “consentirà un aumento degli aiuti umanitari a Gaza dopo aver effettuato controlli di sicurezza in conformità con gli standard israeliani”. Hayat ha esortato altri paesi ad aderire all’iniziativa, aggiungendo che “Israele continuerà a facilitare il trasferimento di aiuti umanitari ai residenti di Gaza in conformità con le regole di guerra e in coordinamento con gli Stati Uniti e i nostri alleati nel mondo”.

READ  Kissinger ha analizzato come potrebbe finire la guerra in Ucraina e ha detto qual è il più grande pericolo nel mondo oggi

Chiedono più attraversamenti terrestri: Il blocco di Gaza da parte di Israele ha portato a una significativa riduzione delle forniture essenziali che entrano a Gaza, poiché i palestinesi affrontano grave fame e siccità.

Le autorità israeliane insistono sul fatto che “non esiste alcun limite” alla quantità di aiuti che possono entrare a Gaza, ma le organizzazioni umanitarie hanno ripetutamente avvertito che le restrizioni israeliane sugli attraversamenti terrestri nella Striscia hanno soffocato gli sforzi di distribuzione degli aiuti.

Sigrid Kaag, coordinatrice degli aiuti umanitari e della ricostruzione delle Nazioni Unite a Gaza, ha detto giovedì ai giornalisti che la soluzione ideale è via terra: “È più facile, è più economica”. Ha aggiunto: “Quando tutto passa attraverso una o due croci, non puoi aspettarti un miracolo”.

Richard Roth e Sahar Akbarzai della CNN hanno contribuito a questo rapporto.