Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Muore Charlie Peyton, fondatore del movimento delle Pantere Nere in Israele  All'età di 76 anni

Muore Charlie Peyton, fondatore del movimento delle Pantere Nere in Israele All'età di 76 anni

Charlie Peytonun attivista e politico marocchino-israeliano che guidò il movimento di protesta sociale delle Pantere Nere negli anni '70 e in seguito prestò servizio per 15 anni come membro del parlamento israeliano, È morto sabato all'età di 76 anni..

Biton è nato a Casablanca, in Marocco, nel 1947. Emigrato con la famiglia in Israele nel 1949, ha trascorso la sua infanzia nel quartiere proletario di Al-Musrara a Gerusalemme, a ovest delle mura della Città Vecchia, allora abitata da ebrei. dai paesi arabi.

Nel 1971, con i suoi coetanei della stessa provenienza sociale, Ha fondato il Movimento Mizrahi delle Pantere Nere (ebrei del Nord Africa).

Il nome è stato scelto in onore dell'organizzazione afroamericana, ma difende i diritti degli israeliani di origine mediorientale e nordafricana contro la discriminazione da parte dell'élite ashkenazita dominante del Primo Ministro (ebrei di origine dell'Europa orientale).

Dopo aver appreso la notizia della sua morte, il capo dello StatoIsaac Herzog Ha pubblicato un messaggio di cordoglio, evidenziando il defunto attivista come un “leader sociale e politico pionieristico”. “Ha condotto una lotta pubblica importante, coraggiosa e determinata per i Mizrahi in particolare e per gli svantaggiati in generale”.

“Charlie Peyton non stava solo cercando giustizia: era giustizia. Nonostante le enormi difficoltà che ha dovuto affrontare, Non ha mai smesso di lottare per una società israeliana più giusta ed equa”. Lo ha commentato il ministro ed ex capo dell'esercito Benny Gantz.

Biton è stato sepolto ieri sera a Givat Shmuel.

Gara in ascesa

Poco dopo la sua fondazione, emerse il movimento Mizrahi Black Panther Ha guidato una manifestazione di circa 5.000-7.000 persone, iniziata in piazza Davidka a Gerusalemme e diretta verso piazza Sion, dove hanno chiesto la liberazione sociale delle masse sefardite.

READ  L'accordo con gli Stati Uniti sui conti argentini parte il 1° gennaio e raggiunge i paradisi fiscali

Durante la folla si sono verificati scontri tra manifestanti e polizia e circa 70 persone sono state arrestate.

I leader delle Pantere Nere hanno scontato periodi di detenzione.

Nel 1973, Biton correva come parte del Partito ufficiale delle Pantere Nere per il Parlamento (la Knesset). Il gruppo ha ottenuto 13.332 voti, ovvero lo 0,9% del totale nazionale, senza raggiungere la soglia dell'1% per l'ingresso.

Nel febbraio 1974 fu arrestato con l'accusa di aver aggredito un agente di polizia. All'inizio si era nascosto per evitare il carcere, ma alla fine si è costituito.

Tuttavia, la grazia è stata concessa subito dopo, a causa delle pressioni del rabbino capo sefardita Ovadia Yosef e del deputato Shulamit Aloni, che aveva appena fondato il partito pacifista di sinistra Ratz, che dopo 23 anni si è fuso con il partito pro. – Partito per i diritti civili e del lavoro Meretz (Nuovo Movimento).

Nel 1977, Peyton si candidò nuovamente al parlamento, questa volta con il biglietto del Fronte. Il Partito Comunista, rappresentato da ebrei e arabi, è attualmente guidato dal membro del parlamento arabo Ayman Odeh.

Come parte della fazione delle Pantere Nere e sotto l'ombrello più ampio del partito, Peyton ebbe maggior successo in questa occasione e nel settembre 1980. È stato il primo membro del Parlamento a incontrare pubblicamente i leader dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina. Tra loro c'è Yasser Arafat, che incontra il funzionario palestinese in Bulgaria e afferma di aver ricevuto dai suoi elettori il mandato di cercare la pace.

Nel 1987, Biton guidò una delegazione israeliana a Budapest, dove incontrò il leader di Fatah Mahmoud Abbas, attuale presidente dell'Autorità Palestinese.

READ  Gli Stati Uniti hanno superato 800.000 morti per COVID-19 dall'inizio della pandemia

Ma trent’anni dopo, Biton assunse un tono più pessimista in un’intervista al sito di notizie israeliano Ynet, Ha rifiutato qualsiasi futuro di una soluzione a due Stati, dicendo a un intervistatore che i palestinesi “hanno modi che si adattano al Medio Oriente e che gli ashkenaziti non capiranno mai”.

In quell'intervista, Biton aveva anche predetto che Mizrahi “non sarà mai eletto primo ministro”.

“Lo Stato non permetterà qualcosa del genere, e nemmeno i media, che disprezzano i mizrahiiti e preferiscono gli arabi. Anche se nel paese rimarrà un solo ashkenazita, sarà lui il primo ministro”.

Peyton rimase al Fronte fino al 1992, quando abbandonò il partito per rappresentare una fazione indipendente delle Pantere Nere. Quell'anno si candidò al Parlamento con un biglietto che non riuscì a superare la soglia, ponendo fine al suo mandato parlamentare.

Negli anni successivi, Biton ha in gran parte evitato la politica dei partiti: nel 2015, ha sostenuto il partito ultra-ortodosso Shas, fondato dall’ex rabbino capo sefardita Ovadia Yosef, e una forza importante nella vita dei mizrahi in Israele, anche se alla fine ha criticato il partito.