Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Muore Botia, ciclista antifascista

  • L’uccisione del primo idolo del ciclismo italiano, il due volte vincitore, è stata occultata come un incidente per nascondere che è stato ucciso dalle “camicie nere” delle sue idee di Mussolini.

Prima Kobe un Bartella lei era Ottavio BoutiquePioneer, l’uomo che ha fatto scoprire all’Italia degli anni ’20 la passione per il ciclismo. Un umile costruttore, senza studi, è cresciuto in difficoltà con i suoi otto fratelli. Prima a San Martino di Colli Umberto, un piccolo paese del nord Italia, e poi in Germania, dove la famiglia emigrò in cerca di un lavoro e di qualche speranza.

Autavio Non ha imparato ad andare in bicicletta fino all’età di vent’anni. Questo è accaduto durante la prima guerra mondiale. Pranzo e assegnato ai “Bersaglieri”, un corpo di fanteria italiano reso famoso per quasi tutti i loro viaggi in bicicletta. La sua forza e velocità gli fanno incaricare di portare messaggi oltre le linee italiane. Una missione pericolosa che sta per costarti più di un odio. Ma torna a casa intatto, anche se magro, dopo aver attraversato ogni tipo di disagio.

Nel 1923 Giro

In mezzo a questa follia nacque un amore fuori controllo per lo sport che continuò a praticare nella sua terra fino a raggiungere un livello sufficiente per competere al Giro d’Italia del 1923. Nonostante la sua inesperienza, ha sorprendentemente ottenuto il quinto posto, ma soprattutto ha destato la curiosità dei fratelli. Belesser Fu subito reclutato in Automoto, il potente team francese che all’epoca controllava il tour. La sua nomina è stata un po ‘una confusione tra i critici. Dicono che diversi fattori abbiano influenzato questa decisione: d’altra parte, la necessità di cercare persone sociali che si muovono su terreni molto diversi e non tremano davanti alla grande montagna e allo stesso tempo promuovono il marchio nel mercato italiano, dove Automoto aveva interessi importanti.

Tutto ciò ha portato a uno così inesperto Boutique Alla squadra più forte al momento come ha immediatamente contattato Belesser E con l’organizzazione del tour, l’italiana era il suo personale. Timido, sobrio, educato, modesto, silenzioso. Parlava a malapena francese, abbastanza da chiedere una ricarica di caffè e banane e da ringraziare per qualsiasi cosa. Poche persone sanno cosa sta succedendo nella sua testa. i fratelli Belesser, Con una personalità distinta e tradizionalmente estranei al mondo, lo proteggono e lo nutrono come se fosse il loro.

READ  Roberto Mancini giudica "ingiusta" l'assenza di tifosi provenienti da Italia e Spagna | calcio | Gli sport

Recital del tour del 1924

Nello stesso anno, alla sua prima incursione a tutto tondo, Boutique Tutti stupiscono. Era forse il corridore più forte in gara, ma per lui era chiaro che era merito dei leader delle file. Ha vestito il giallo per sei giorni (il primo italiano della storia) e ha vinto una tappa contro il capitano, Henry PellisierHa preso il sopravvento e ha fatto un pronostico sorprendente sul podio di Parigi: “Il prossimo sarà un anno Autavio“. Boutique Aveva già 28 anni, assumeva il suo ruolo secondario ed era contento di quello che aveva, non dei suoi piani per salire la scala del motore.

Ma è successo. Preferisce ritirarsi nel bel mezzo di un rally BelesserAndò in guerra con gli organizzatori del tour e l’italiano tenne un concerto nel 1924. Si vestiva di giallo di giorno in giorno e lasciò grandi vittorie di tappa come quella in cui raggiunse Luchon con mezz’ora di concessione dopo essere salito a Obesque, Tourmalt, Aspen e Beresordi. L’Italia è impazzita per la sua vittoria, e anche la “Gazeta”, così piena di orgoglio, ha messo insieme un gruppo tra i suoi lettori per dargli un bonus in più. La prima libbra di quell’iniziativa è uscita dalla stessa tasca Benito Mussolini.

È stato infatti il ​​primo grande campione della storia del ciclismo nel suo paese, il tipo che tutti volevano incontrare, accogliere e toccare. Orgoglio nazionale. Ma poi l’Italia ha scoperto un segreto: Boutique Era un socialista. L’eroina rurale, l’umile costruttore che ha insultato i francesi nella sua carriera, non era un fascista, come si diceva ai suoi tempi. Una terribile bacchetta del sistema lo punta e gli volta le spalle, secondo le sue abitudini. Lo stesso vale per la stampa in larga misura. Le loro esibizioni non vengono più celebrate con il consueto entusiasmo. Anche il giroscopio, la corsa che attraversa il suo terreno di casa, chiude le porte davanti a sé. Non gareggerà di nuovo in questa gara. Il suo quinto posto nel suo primo tour sarà la sua unica apparizione nel Tour italiano.

READ  Squadra argentina contro Colombia, per la Copa America: possibili formazioni, programma e diretta tv

Le sue vittorie sono però scomode BoutiqueSempre discreto, non si scusa per le sue idee né si divorzia per annunciare l’educazione socialista nelle strade. In questo senso non rappresenta un pericolo. Il problema per Mussolini E l’azienda è che è diventata un simbolo per gli antifascisti.

Seconda vittoria a Parigi

Un anno dopo, nel 1925, Putacia, Che aveva già 30 anni ma aveva una maturità notevole, ha ripetuto il suo trionfo nel tour. In quella versione torna a momenti gloriosi come quando atterra a Izoard a pochi metri dalla fine, taglia il traguardo e spinge la moto cantando una marcia italiana. Il suo ultimo momento di gloria assoluta perché tutto era così complicato che da quel momento, nel 1926, fu costretto al ritiro in mezzo a una folata di grandine e pioggia. Era malato e il suo corpo diceva abbastanza nei Pirenei. Questa rassegnazione lo ha ferito molto, ha messo a dura prova il suo orgoglio e lo ha portato fuori dalla moto per un po ‘.

L’inverno successivo, suo fratello minore morì quando corse su una strada vicino alla città e lo pianse Autavio È diventato più chiaro. Portava sempre il dolore dentro e non poteva esprimerlo in nessun modo se non nel silenzio. Appena Alfonso PessinLui, vicino e compagno di macchina, ha sempre avuto una confessione a bassa voce.

La paura e il sospetto iniziarono a perseguitarlo. Il mondo rimaneva complesso e lui si sentiva fuori posto. Pensava di andare in Francia, ma lasciare il suo paese fa male. I suoi genitori dovevano farlo quando era molto giovane e conosceva il dolore che comportava questa decisione. Grazie ai risparmi con cui ha comprato una casa, si è preso cura della famiglia e potrebbe presto trovare la persona con cui inizierà la sua casa.

l’assassino

Tutto era finito il 3 giugno 1927. Quel giorno un contadino disteso lungo la strada nei pressi di San Martino trovò il cadavere di un moribondo. Lo ha capito subito. lei era Ottavio Boutique. Il suo cranio era rotto. La sua bici era appoggiata su un albero a trenta metri di distanza. Il parroco del paese gli ha offerto gli ultimi riti in un bar prima di portarlo in un ospedale di Gemona dove è morto 12 giorni dopo, avvolto nel mistero. Nessuno sa cosa sia successo quella mattina. Tranne questo AutavioLui, che si preparava a sferrare un nuovo attacco a tutto tondo, è andato a cercarlo Bixin Vicino a casa sua per andare ad allenarsi e che ha lasciato perché ha cose da fare.

READ  Lo strepitoso gol di Maxi Gomez mancato in Uruguay - Bolivia per la Copa America

L’indagine è stata immediatamente chiusa e si è concluso che il colpo di calore era la causa dell’incidente mortale. In questo modo Boutique Ha perso conoscenza a causa di una tale sfortuna che ha colpito fatalmente la testa. Ma la bicicletta appoggiata agli alberi ha sollevato molti dubbi su questa teoria a cui gli ufficiali si sono aggrappati. In Italia Mussolini Era opportuno aderire e non dubitare.

Pochi anni dopo, il proprietario della generosità che ha trovato Autavio Ha ammesso di aver sorpreso un ciclista quella mattina rubandogli dell’uva e che per costringerlo a fuggire ha lanciato un grosso sasso sfortunato che gli ha colpito la testa. Spaventato, spiegò, trascinò il suo corpo sul bordo della strada e lo lasciò lì.

Confessione a New York

Notizie correlate

Anche questa versione zoppica perché giugno non è la stagione dell’uva e gli infortuni dei motociclisti non sembrano essere il prodotto di una semplice pietra. Marito geloso, mafioso, un pazzo che lo ha interrotto … piovvero speculazioni, forse cercando di nascondere la versione più plausibile. per Ottavio Boutique Lo hanno ucciso a causa del suo modo di pensare. Certo, le “camicie nere” che hai incrociato quel giorno per sbaglio o potevano essere state programmate.

Uno strano investito da suo fratello qualche mese fa potrebbe davvero essere un segno, un avvertimento di ciò che potrebbe accadergli. Dieci anni dopo la sua morte, un serial killer italiano ferito in una lite sui marciapiedi di New York ha ammesso alla polizia anni fa che Mussolini Era stato accusato di omicidio Boutique. L’uomo, che si sentiva morente, non voleva andarsene senza svelare un segreto che lo tormentava. Ottavio Boccia, da sempre conservatore, ha portato con sé la soluzione al mistero della sua morte.