Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mosca pone fine al regime antiterrorismo dopo le rivolte di Wagner – DW – 26/06/2023

Mosca pone fine al regime antiterrorismo dopo le rivolte di Wagner – DW – 26/06/2023

Il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin ha annunciato lunedì (26.06.2023) la fine del “regime delle operazioni terroristiche” instaurato nella capitale e nella sua intera regione sabato 24 giugno, dopo la ribellione di Hezbollah. Gruppo mercenario Wagnerche minacciava di attaccare il centro di potere in Russia se non fossero state soddisfatte una serie di condizioni imposte dal suo leader, Yevgeny Prigozhin.

“Abbiamo revocato tutte le restrizioni relative all’attuazione del regime delle operazioni antiterrorismo”, ha dichiarato Sobyanin su Telegram. Sobyanin, nella stessa lettera, ha ringraziato la “calma e la comprensione” dei moscoviti. Lo sostiene la stampa russa Servizio di sicurezza federale (FSB, ex KGB) ha revocato la misura, che ha prevalso anche a Voronezh.

Nel frattempo, il Comitato nazionale antiterrorismo (Nak) ha spiegato che la situazione a Mosca è “stabile” e che la decisione è stata presa perché “non vi è alcuna minaccia per la vita, la salute o la proprietà delle persone”. Le forze di sicurezza limitano la libertà di movimento. dei cittadini, interferendo senza permesso con le loro comunicazioni, siano esse telefoniche o via Internet, e anche utilizzando i propri mezzi di trasporto.

Giornata inedita

E la capitale russa ha assistito, nella giornata di sabato, al dispiegamento di blindati e soldati, alla chiusura della Piazza Rossa, alla rapida istituzione di posti di blocco militari con sacchi di sabbia e alla distribuzione di camion in zone strategiche per ostacolare il passaggio dei carri armati. In altre zone furono scavate trincee o strade distrutte per impedire l’avanzata della colonna di Wagner.

La crisi ha avuto una soluzione inaspettata per il leader mercenario Decise di interrompere l’avanzata delle sue forzeche era già a circa 200 chilometri dalla capitale. Prigozhin ha raggiunto un accordo con le autorità centrali, che hanno ritirato le accuse contro di lui per la sua ribellione e hanno perdonato i combattenti che lo avevano sostenuto nella rivolta.

READ  Effemeridi di oggi: cosa è successo il 13 luglio | Eventi in Argentina e nel mondo

DZC (AFP, Reuters, EFE)