Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Moody’s mette in guardia dall’impatto negativo degli accordi di insediamento di Sanchez sul rating della Spagna

Moody’s mette in guardia dall’impatto negativo degli accordi di insediamento di Sanchez sul rating della Spagna

L’insediamento di Pedro Sánchez a capo del governo continua a sollevare dubbi da parte di diversi attori economici. L’ultima a parlare pubblicamente è stata l’agenzia di rating Moody’s, una delle più grandi al mondo, che ha messo in guardia i potenziali acquirenti del debito sovrano spagnolo sugli accordi raggiunti dal Partito socialista operaio spagnolo e dai partiti separatisti catalani per formare il comitato esecutivo. Gli analisti della società americana ritengono che gli accordi raggiunti avranno un impatto negativo sulla situazione creditizia spagnola a causa dei maggiori rischi politici derivanti dalla divisione politica all’interno della società spagnola.

In ogni caso, Moody’s indica che le conseguenze sul credito dipenderanno da come verranno attuati gli accordi e dalla capacità della coalizione di governo di attuare l’agenda politica. L’agenzia nordamericana spera che la situazione rimanga stabile, ma sottolinea che la ristretta maggioranza la espone a un cambiamento del sentimento politico se uno dei partiti ritira il suo sostegno.

Uno dei prossimi appuntamenti in cui il governo dovrà sostenere le formazioni che hanno portato all’insediamento di Sanchez, è l’approvazione dei bilanci generali dello Stato per il 2024. Anche se in questo capitolo Moody’s confida che il governo ottenga i voti necessari per ottenere il conti.

L’agenzia di rating sottolinea anche il vantaggio che avrà la Catalogna come emittente dopo che il governo avrà ceduto alla regione, come concordato PSOE ed ERC nello stesso quadro dell’accordo, 15.000 milioni di euro, un debito contratto attraverso il meccanismo di liquidità dell’Independent Liquidity Fondo (FLA) che rappresenta circa il 20% del debito dello Stato è concesso dal governo centrale attraverso lo strumento. Nello specifico, gli analisti si aspettano che gli accordi favoriscano la qualità creditizia dell’esecutivo catalano, alleviandone il peso del debito e riducendo le spese per interessi.

READ  Enel investirà 9.000 milioni di dollari in Spagna e Portogallo e 6.800 milioni di dollari in America Latina

Allo stesso modo, pur ritenendo che la cancellazione del debito non avrà alcun impatto sugli indicatori del debito sovrano, sottolineano che solleverà “problemi di azzardo morale”, che potrebbero scoraggiare la formulazione di politiche fiscali prudenti a livello regionale, esercitando pressione sulla regione. Le finanze del Paese Fonte sovrana.

Moody’s spera anche che l’amnistia possa essere positiva per il resto delle comunità autonome se il nuovo esecutivo chiederà finalmente la cancellazione di una parte dei loro debiti, come ha confermato qualche settimana fa il ministro delle Finanze ad interim, María Jesús Montero. “Secondo i nostri calcoli, la riduzione del 20% del debito regionale contratto attraverso i meccanismi di liquidità del governo centrale, insieme a ulteriori trasferimenti alle regioni che non hanno utilizzato questi meccanismi, ammonterebbe a circa 45 miliardi di euro, ovvero circa il 3,3% del PIL”. PIL nazionale”, stima l’agenzia, concludendo che “il governo catalano ne trarrà maggiori benefici perché è il più indebitato della Spagna”.

Spagna, l’ultima opzione per gli investimenti

D’altra parte, i grandi gestori di fondi collocano la Spagna in fondo alla lista degli investimenti in Europa, in un contesto di incertezza politica ed economica che attraversa il paese, secondo l’ultimo sondaggio mensile tra i principali investitori condotto da Bank of America, in cui 265 hanno partecipato i partecipanti. Con un patrimonio del valore di 553 milioni di dollari.

Secondo l’indagine, il mercato azionario spagnolo è l’ultima scelta per gli investitori in Europa. Che scommette su altre economie, soprattutto Germania, Regno Unito e Svizzera, ma anche Francia e Italia.

Alla domanda su quali mercati potrei essere sovrappesato o sottopesato nei prossimi 12 mesi, la Germania è stata la mia preferita, seguita dal Regno Unito, mentre la Spagna è stata la meno preferita, seguita dall’Italia.

READ  L'euro continua a scendere mentre i principali mercati azionari europei chiudono al rialzo