Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Russia ora annuncia che aprirà un gasdotto con la Germania quando previsto

Reuters

Putin sta implodendo di fronte alla crescente paura di un taglio improvviso, che potrebbe causare un calo del PIL spagnolo dell’1% e fino al 6% a est, secondo il Fondo monetario internazionale.

José Maria Barista

Il colpo di stato di Vladimir Putin tra le crescenti preoccupazioni in tutta l’Unione Europea che all’improvviso finirà la benzina. La Russia ha annunciato che ripristinerà la fornitura tramite il gasdotto Nord Stream 1 (che lo collega alla Germania) come previsto. nel tempo e nella forma. La fuga di notizie è una dimostrazione di potenza energetica da parte di Mosca all’intera Europa in attesa di ciascuna delle decisioni che il Cremlino prende in materia energetica.

Dall’ultimo undicesimo, il gasdotto (la principale via di consegna del gas tra Russia ed Europa) è stato chiuso per lavori di manutenzione. Era un arresto temporaneo pianificato e annunciato, che si verifica ogni estate in questo periodo. Tuttavia, il timore nell’Unione Europea era che il 21, quando il servizio doveva essere ripristinato, la Russia decidesse di non farlo. Anche Bruxelles ha messo in guardia pubblicamente su questo e contava sempre di più sulla possibilità di una chiusura completa dell’infrastruttura.

La notizia ha già suscitato le prime reazioni sui mercati internazionali. Il prezzo del gas naturale negoziato ad Amsterdam – il principale riferimento per il prezzo di questa materia prima – scende in modo convincente, e questo viene fatto a un tasso del 3% a circa 155€/MWh entro pochi minuti prima della fiducia. Dagli investitori alla Dichiarazione di Mosca.

Per ora, secondo la Dichiarazione di Mosca, non sarà così. Nord Stream riaprirò e lo farò anche dopo gli avvertimenti della compagnia russa del gas Gazprom alle società europee circa la possibilità di un taglio delle forniture “per cause di forza maggiore”.

READ  Draghi e Berlusconi sono tra quelli propagandati come il prossimo presidente dell'Italia

In attesa di ciò che potrebbe finalmente accadere, se Vladimir Putin deciderà di chiudere in modo radicale, inaspettato e informale il rubinetto russo del gas che rifornisce l’Europa, l’economia europea sarà destinata alla recessione, cioè al calo del PIL interno (PIL). , sottraendo 2,6 punti percentuali alla crescita derivante da tale contingenza. L’ultima previsione della Commissione prevede espressamente che l’Unione europea crescerà del 2,6% quest’anno, un aumento che sarà completamente dissipato se la Russia deciderà di agire nelle peggiori conseguenze.

A questa conclusione è giunto il Fondo monetario internazionale in un rapporto che ne rileva l’impatto anche nel caso della Spagna. L’economia dovrebbe anche sottrarre 2,6 punti percentuali al peggior scenario possibile – lo scenario più “dannoso”, come lo descrive l’analisi – a fronte di una stima che il PIL crescerà di poco più del 4% nel 2022. In questo modo, la Spagna avanzerà della metà rispetto a Conti correnti, anche se nel 2023 entrerà anche in recessione poiché tutte le dinamiche europee la trascineranno.

Il rapporto fa riferimento a diversi scenari che presuppongono in tutti i casi un calo della crescita economica europea. Uno più mite significherebbe una diminuzione del PIL di tre decimi per la Spagna e di circa mezzo punto per l’Unione europea nel suo insieme.

In ogni caso, il rapporto si concentra nella sua analisi in particolare sui paesi dell’Europa centrale e orientale, che dipendono maggiormente dalle forniture di gas russo. Il lavoro mostra che in alcune di queste regioni, come l’Ungheria, la Repubblica Slovacca e la Repubblica Ceca, “c’è il rischio di una carenza fino al 40% del consumo di gas” e che il PIL “scenda fino al 6% Nel caso tedesco, si prevede uno scenario peggiore Un possibile calo di due punti e mezzo del PIL, anche se l'”effetto pull” potrebbe causare un terremoto economico in tutta l’UE.

READ  Draghi accusa diversi Paesi di aver aperto un conto in rubli per pagare il gas

In questo contesto, l’FMI osserva che gli impatti possono essere mitigati “garantindo forniture e fonti di energia alternative, allentando i colli di bottiglia nelle infrastrutture e migliorando il risparmio energetico”, proteggendo al contempo le famiglie vulnerabili e ampliando gli accordi di solidarietà per la condivisione del gas tra i paesi.

Problemi di visualizzazione

L’organizzazione globale, il cui amministratore delegato Kristalina Georgieva, prevede che se la Russia taglia improvvisamente le forniture, più importazioni fluiranno da altre regioni, come il gas naturale liquefatto (che arriva tramite metaniere) dalla Norvegia, dal Nord Africa o dalla Turchia.

Anticipa ciò a cui molti esperti hanno fatto riferimento in questi giorni: la solidarietà energetica tra Occidente e Oriente. O dalla Spagna o dall’Italia al resto d’Europa. “Sarà necessario invertire alcuni dei flussi del gasdotto da ovest a est”, afferma. Sebbene avverta di potenziali colli di bottiglia esistenti nei gasdotti esistenti tra Spagna, Francia, Italia, Europa centrale, Europa centrale e Sud-est Europa, nonché all’interno della Germania e dell’Italia.

Inoltre, si aspetta che “i prezzi aumentino” se la domanda aumenterà nei prossimi mesi, soprattutto se il prossimo inverno sarà più freddo del solito. Il documento avverte che “potrebbero manifestarsi carenze di materiale e il mercato potrebbe crollare in alcuni paesi”, su cui i governi devono agire con “regolamenti” di consumo.