Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Missione DART: l’umanità ha già un piano di difesa planetaria

Missione DART: l’umanità ha già un piano di difesa planetaria

Immagine del sistema binario Didymos acquisita dalla LUKE Camera on Cubes dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) su LICIACube, scattata dopo che il veicolo spaziale Double Asteroid Redirect Test (DART) della NASA ha colpito l’asteroide Dimorphos (sotto) il 27 settembre 2022. ASI/NASA

Hanno appena visto la luce sulla rivista natura Risultati del sole Le esperienze più importanti Made So Far in Space: la missione DART della NASA ha deviato con successo un file Un asteroide con un diametro di 160 metri chiamato Dimorfo, Un satellite di un asteroide lungo 760 metri Indicato come Didimo. L’impatto di DART con Dimorphos è avvenuto il 27 settembre 2022 alle 0:14 CET e ha segnato un momento cruciale.

La ricaduta è di tale portata che apre una nuova era di difesa planetaria attiva.. Abbiamo un piano di difesa grazie alle molteplici missioni di studio di questi oggetti, che negli ultimi decenni hanno aumentato la nostra comprensione degli asteroidi vicini alla Terra, raggruppati in diversi gruppi in base alle loro orbite. E il campo incarna, quasi inavvertitamente, l’investimento fatto negli ultimi decenni nello spazio che mette a disposizione Pietre miliari scientifiche che determinano il nostro futuro.

La probabilità che un asteroide colpisca qualche centinaio di metri è bassa, ma non è falsa, anche se sembra essere confinata a romanzi e film di fantascienza. Questo pericolo latente, come molti altri associati al nostro uso sfrenato delle risorse del pianeta, minaccia la nostra stessa esistenza.

Guidata dalla comunità scientifica NASA e Johns Hopkins University Decide di prendere in mano la situazione e usa la sua crescente conoscenza degli asteroidi per un test attitudinale metodo dell’impatto cinetico contro un asteroide. Questa tecnologia cerca di trasferire il momento cinetico di una sonda kamikaze all’asteroide, senza l’uso di una carica esplosiva.

Possiamo pensare a priori Ed è solo un esperimento di fisica applicata, simile a quello che faremmo su un tavolo da biliardo. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

DART Dimorphos ha colpito rapidamente 6,14 km/sec. Quando colpiamo un asteroide a velocità vertiginosa, parte della collisione viene trasmessa elasticamente, ma quando il cratere viene perforato, si crea ulteriore quantità di moto a causa di Emissione di materiali nella direzione opposta del guscio. Questo elemento di “rimbalzo” partecipa alla propulsione avanzata dell’asteroide e contribuisce in modo molto efficiente a deviarlo dal suo percorso. Infatti, il materiale è stato espulso dopo l’impatto filamenti multiparticellari Può essere seguito da telescopi dalla Terra e persino dallo spazio.

Immagini del telescopio spaziale Hubble del sistema Didymus a sinistra e di Webb a destra, diverse ore dopo la collisione della sonda DART (Dual Asteroid Redirection Probe) della NASA. Per gentile concessione: NASA, ESA, CSA, Jian Yang Li (PSI), Christina Thomas (Northern Arizona University), Ian Wong (NASA-GSFC); Elaborazione immagini: Joseph DiPasquale (STScI), Alyssa Pagan (STScI)

La buona notizia dei risultati ora mostrati è la grande efficienza mostrata nel deviare la traiettoria dell’asteroide. Dimorfico. Nell’articolo condotto da Andrew F. Cheng, dell’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University, definiamo il cosiddetto fattore beta A ciò si associa la componente anelastica, rimbalzante, che gioca a favore dell’aumento degli effetti del collisore cinetico.

READ  iPhone: tre bug che iOS 16.4.1 risolverà | Gioca a DEPOR

In effetti, l’esperimento ha superato di gran lunga le aspettative poiché il fattore moltiplicatore per il trasferimento del momento angolare associato alla componente anelastica della deflessione ha raggiunto un valore di 3,6. Ciò significa che il contributo al momento di quel rinculo dovuto all’espulsione di particelle ha superato di gran lunga l’impulso incidente del DART. Questo parametro è di vitale importanza ed è importante solo per determinare queste proprietà in un asteroide, un cumulo di macerie come rivelano le immagini.

Un’immagine DART del suo obiettivo, l’asteroide Dimorphos, un miscuglio di detriti rocciosi. Credito: NASA/Johns Hopkins APL.

Come risultato della conversione, non dimentichiamo che l’obiettivo era Ridotto il periodo orbitale di Dimorphos attorno a Didymos di poco più di un minuto, ma ridotto di 33 minuticome dettagliato nell’articolo guidato da Christina A. Thomas della Northern Arizona University. Descrive le osservazioni fatte per determinare quel periodo orbitale sulla base delle osservazioni ottiche effettuate per il sistema binario utilizzando i più grandi telescopi disponibili.

In un altro lavoro condotto Jian Yang Lee affiliato Istituto di scienze planetarie di Tucson, Arizona, è stata studiata l’evoluzione dei filamenti abitati da particelle espulse dopo l’estrazione da impatto che si è sviluppata nel corso di mesi esposti alla pressione di radiazione della luce solare. I risultati sono di grande importanza per capire cosa succede ai materiali separati dopo l’impatto e per quanto tempo rimangono intorno a loro.

Queste scoperte incoraggiano lo sviluppo di una difesa planetaria efficiente per agire contro qualsiasi asteroide rilevato in una futura rotta di collisione diretta contro il nostro pianeta. In particolare nell’articolo condotto da Terik Daly, anche lui del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins Universitypari alla metà della pietra miliare scientifica da raggiungere Dimorphos ha colpito con una sonda robotica e autonoma come DARToltre a descrivere in dettaglio le scoperte fatte sulla natura di Dimorphos e sul luogo dell’impatto.

La penultima immagine DART è stata scattata 1,8 s prima dell’impatto e mostra una risoluzione di 5 cm per pixel. La superficie di Dimorphos è rotta e disseminata di enormi massi. Credito: NASA/Johns Hopkins APL.

Tuttavia, la chiave della nostra capacità di deviare gli asteroidi sarà Continuare a investire nella diagnosi precoce di tutti quei corpi che rappresentano una minaccia reale. Sebbene non sia un compito facile, grazie alla rivoluzione della tecnologia delle fotocamere digitali CCD, possiamo rilevarne centinaia ogni anno e, non meno importante, seguire e identificare i movimenti di quelli già noti.

READ  Ora puoi creare le tue animazioni con la nuova IA: Kudasai

In questo momento, i programmi di monitoraggio, inizialmente incoraggiati dalla NASA, mostrano che ci sono circa 31.361 asteroidi e 119 comete nello spazio vicino alla Terra e che a un certo punto uno di loro potrebbe essere identificato in una potenziale rotta di collisione futura contro la Terra. In effetti, questo è già successo in sei voltema con l’allerta avvenuta con asteroidi di pochi metri di diametro che spesso colpiscono il nostro pianeta e provocano la caduta di meteoriti.

Ora sappiamo più di 10400 asteroidi potenzialmente pericolosi la dimensione o più grande di Dimorphs, e dobbiamo aggiungere una grande percentuale di piccoli asteroidi che rimangono da scoprire.

Le principali minacce che affrontiamo sono asteroidi più piccoli, di circa 150 metri di diametro, di cui circa il 60% ancora sconosciuti, oltre ad alcune comete estinte come 2015 TB145, un corpo roccioso del diametro di 650 metri noto come “Asteroide di Halloween”.

La minacciosa sagoma della cometa estinta 2015 TB145 ricostruita dal radiotelescopio di Arecibo, purtroppo dispersa (NAIC-Arecibo/NSF)

Questo oggetto a forma di teschio ci ha messo in allerta quando è stato scoperto solo tre settimane prima del suo passaggio, il 31 ottobre 2015, a una distanza di poco superiore a quella della Luna, a causa della sua elevata capacità riflettente e di tracciamento. Orbita molto eccentricaSi estendeva praticamente fino all’orbita di Giove. Questi oggetti, essendo in grado di colpire il nostro pianeta con un’energia molto più elevata di un asteroide convenzionale, rappresentano la diversità e la complessità del problema che dobbiamo affrontare.

Non può essere catastrofico perché tutti gli sforzi per scoprire e catalogare questi corpi consentono di determinare meglio la frequenza dell’impatto e suggeriscono che un evento come il Tunguska accadrebbe ogni pochi secoli. Suggeriscono anche che, fortunatamente, gli impatti di asteroidi delle dimensioni di un chilometro si verificano ogni diverse decine di milioni di anni. Comunque, il catalogo Programma Sentinel del Centro per lo studio dei piccoli oggetti (CNEOS) del JPL garantisce, tra gli asteroidi vicini alla Terra catalogati, Non vi è alcuna fonte di rischio nel corso di diversi secoli. Quindi, lo sono totalmente Questa disastrosa notizia è priva di fondamento A cui purtroppo siamo abituati ad ogni incontro relativamente ravvicinato di un asteroide con la Terra.

READ  Qual è il modo più sicuro per archiviare i tuoi file

In un lontano passato, la Terra è nata dopo innumerevoli collisioni di asteroidi e, anche nella fase finale, lo era Veri embrioni planetari, alle dimensioni di Marte stesso. Se parliamo di una scala temporale più ampia di miliardi di anni, le prove scientifiche dimostrano che gli impatti di asteroidi e comete hanno avuto un ruolo importante nella storia della Terra, in particolare nel trasporto dell’acqua e nell’evoluzione della vita stessa.

Al momento, il flusso di materia tra i pianeti non può essere trascurato: quasi ogni anno raggiungono la Terra 100.000 tonnellate E sebbene la maggior parte non raggiunga la superficie terrestre, evapora e diventa parte della nostra atmosfera.

Forse a causa della sfida di spiegare correttamente i cataclismi che si verificano dallo spazio, gran parte della popolazione continua a sottovalutare l’importanza di questo pericolo per l’umanità. Nonostante ciò, la consapevolezza dell’impatto di Tunguska il 30 giugno 1908 e la sua associazione con un asteroide, sebbene di diametro inferiore a 50 metri, lo distrussero. 2.200 chilometri quadrati di taiga siberianaDovresti farci riconsiderare.

In questo contesto e con un sano desiderio di continuare ad apprendere, DART ci mostra la strada: l’esplorazione dello spazio e un approccio assertivo ai problemi che l’umanità deve affrontare, utilizzando le nostre capacità scientifiche e tecnologiche, saranno la chiave per la nostra sopravvivenza.

*Articolo originariamente pubblicato da The Conversation- Josep M.

Continuare a leggere:

L’intelligenza artificiale può aiutare a migliorare la salute mentale?
Come sono comparsi gli anelli giganti di Saturno?
Perché l’idrogeno potrebbe essere il carburante del futuro